18:38 21/04/2017

JUVE, ORA SI FA VERAMENTE DURA

Adesso viene il bello per i bianconeri. L'obiettivo dichiarato a inizio stagione da Marotta, e poi smentito, al momento opportuno, dallo stesso, di entrare nelle "Fab 4" è centrato. E a dirla tutta senza particolari problemi.
Perchè anche se usato come arma d'attacco dai detrattori della Juve, questo Barcellona è stato davvero, poca cosa. E il Porto benchè meno.
Ma questo non vuol dire che la formazione di Allegri non si meriti di stare dov'è ora, anzi.
Ha dimostrato di saper essere cinica e sfruttare le occasioni capitate a tiro. E di non soffrire, o addirittura, capitolare, come altre squadre che avevano dimostrato un gioco migliore avevano fatto.
Perchè come ampiamente dimostrato, la forza della Juve è nella difesa, e nella compattezza e la voglia di lottare di questo gruppo. Ma unito anche a talento e imprevedibilità in fase offensiva, capace di scaturire in gol qualsiasi occasione. Che si parli di azione, calcio piazzato, o contropiede.
E dopo tutte queste belle presentazioni che fanno sorridere i tifosi dei bianconeri, i sorteggi gli hanno fatti sorridere ancor di più. Anche perchè proprio come accaduto con Bayern e Real, le due squadre più temute si autoelimineranno.
Due squadre che hanno due validi motivi, oltre alla bellezza e al prestigio di vincere la Champions League, per farlo.
L'Atletico Madrid, che dopo aver perso due cocenti finali proprio contro i blancos, una ai supplementari, arrivati per colpa di un gol su calcio d'angolo all'ultimo secondo. E l'altra ai rigori, dopo aver dominato la stragrande maggioranza della gara, questa volta Simeone non vorrà farsi scappare l'occasione.
E magari vorrà lasciare l'Atletico Madrid da campione d'Europa, dopo aver vinto tutto. Visto che la coppa dalle grandi orecchie è l'ultimo pezzo che manca nella sua bacheca con i Colchoneros.
E il Real Madrid, che dopo aver vinto "La Undecima" con lo stesso Zidane in panchina l'anno scorso, non vorranno solo vincere "la banale" Duodecima, ma centrare anche la cosiddetta doppietta. Cioè vincere la Champions League per due anni consecutivi. Che da quando ha assunto questa nuova denominazione, nel 1992, nessuno ci è mai riuscito.
Ma soprattutto per aver trovato nell'urna, il desiderato Monaco.
Ma attenzione ai Monegaschi di Jardim.
Non solo hanno il dente avvelenato contro i bianconeri per l'eliminazione ai quarti di finale di due anni fà. Quando gli venne fischiato contro un rigore che in realtà era fuori area, ma hanno anche una straordinaria arma, l'attacco.
Nelle 54 gare ufficiali disputate fin qui tra preliminari, campionato, gironi, coupe de France, coupe de ligue, e fasi finali champions hanno segnato la bellezza di 142 reti, con una media di 2,63 palloni infilati in porta a partita.
Rendendolo di fatto l'attacco più forte d'Europa.
Frutto di un gioco propositivo ed esplosivo dell'allenatore portoghese.
Ma che non disdegna la fase difensiva, visto che la media per le partite tra campionato e champions non prevede più di un gol a partita.
Insomma non è la squadretta che vogliono farci credere, e se è arrivata fin qui, non lo ha fatto per caso.
E i dati appena esplicati ne sono la conferma.
Insomma, una brutta gatta da pelare per la squadra di Allegri, a maggior ragione che i francesi a questo punto, non hanno più nulla da perdere.
Ma questo si sà, vincere la Champions League non è mai facile.
E' questi sono gli ostacoli da sormontare, se si vuole salire sul tetto d'Europa.

Commenta l'articolo

Accedi o registrati per poter commentare questo articolo.

o
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
Scrivi articolo

chi sono

Chi sono? Solo un uomo che ama dare notizie, con forma di articoli di giornale, con informazioni che conosce e che capta del mondo, senza essere influenzato da ogni tifo di sorta. Sempre e comunque, con obbiettività.

Ultimi commenti

Adesso chiunque sarebber da evitare. Anche il più piccolo e meno blasonato, ma scatenato Monaco.
Vai all'articolo - scritto alle 20:22 20-04-2017
E' non voglio sentire che in Spagna sia diverso, perchè vi ricordo che a Siviglia un tifoso juventino è stato accoltellato. E tra Barca e Real Madrid vista la situazione politica succede anche di peggio.
Vai all'articolo - scritto alle 20:17 20-04-2017
Gagliardini ha una cultura calcistica diverso da i tifosi "blasonati" e anche di certi giocatori. Lui non ha vissuto, neanche da ragazzo, queste rivalità, lui molto puramente tifava solo la squadra della sua città. E vedere una squadra italiana che approda in semifinale, con dei giocatori della nazionale, SUOI COMPAGNI, non può che fargli piacere. Ovviamente il tifo in Italia, giusto o sbagliato che sia, è così, quindi ha dovuto rimuovere il like.
Vai all'articolo - scritto alle 20:15 20-04-2017
Mi hai costretto tu a scrivere questo 'papiello, come dicono i miei amici napoletani.
Vai all'articolo - scritto alle 18:47 20-04-2017
Allora caro Bruce Protto, non so com'è che ogni volta con te vado in difficoltà. Forse perchè vuoi avere ragione sempre tu e quindi questa tua superbia ti acceca non rendendoti conto che in realtà stai obiettando con dati che io ti ho già mostrato, forse. 1) "Ma era o no in campo dall'inizio?" Certo, infatti il mio titolo recitava "DYBALA NON POTREBBE GIOCARE" no, NON GIOCHERA'. 2) Incolore? non credo,visto che lo hanno tallonato anche in queste condizioni non prorprio ottimali. Il mio articolo recitava: " Visto che anche gli esperti giocatori del Barcellona saranno a conoscenza del problema, quindi..." quindi qualche colpo glielo daranno, se ti è tanto difficile capire. Ed è anche per questo se è stata incolore, perchè anche dopo questo, viste le sue condizioni, il suo apporto come lo chiami tu, non si è più visto, e non sò cosa HAI visto. Anche Mandzukic o il decisamente più palpabile Cuadrado dopo quell'episodio, visto che era quasi sparito dal campo, non se la sono sentita di appoggiare più su Dybala, anche i palloni più facili. E si è deciso di scaricare su Higuain, che certo in fase di contropiede non è un mostro. 3) "Se era incolore,come dici tu,sarebbe uscito dopo trenta minuti,visto che giocare in 10 non piace a nessuno,invece lo ha sostituito al 74esimo del secondo tempo,quindi dove lo avrebbe visto in difficolta' Allegri?" Per far entrare chi? E' durato fino al 74' visto perchè il Barca non ha procurato particolari problemi, e di solito gli allenatori anche per scaramanzia se le cose stanno andando bene non le stravolgono, infatti oltre a lui non è stato sostituito nessuno. Sarebbe stato inutile far entrare un altro centrocampista abbassando ancor di più la squadra. E in fase di ripartenza comunque portava dietro almeno sempre un uomo in marcatura. Quindi prima di rispondere una conoscenza basilare di gestione e visione di calcio, oltre a LEGGERE QUELLO CHE TI E' STATO REPLICATO, sarebbe gradita.
Vai all'articolo - scritto alle 18:32 20-04-2017

Statistiche

Iscritto dal 13.03.2017

20 articoli scritti

29 commenti scritti

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni e per visonare Condizioni di servizio e informativa privacy