Game Over per la Roma di Mr. Fonseca e non solo.

In questo blog sono tutti dei fenomeni a parte ovviamente il sottoscritto. Lo pensano tutti compreso l’alta direzione. Ehm e più tardi vi spiegherò il motivo a lettere cubali. Un po’ di pazienza, prego. E intanto, aspettando di entrare nel vivo della discussione, sono sotto l’ombra della Madonnina al freddo e al gelo. E durante mi domando angosciato: Sono stato preso di mira dagli illuminati? Ce l’hanno come me i direttori dei giornali, ma soltanto quelli famosi? I miei pezzi hanno dato fastidio a uno tra i tanti ex Presidenti del Consiglio di quest’ultimi 20 anni? Oppure, peggio ancora, gli iscritti al curling ce l’hanno con me perché non sono andato scrivere un pezzo su di loro, sebbene gliel’avessi promesso a tradimento? Per fortuna oggi avevo messo il cappello. Tutto è possibile in questo mondo virtuale difficile.

Detto questo mi sembrava un passaggio obbligatorio da chiarire. Anche perché adesso ci sono i bambini delle scuole medie. Bisogna dare il buon esempio ai più giovani.

E soprattutto questa volta mi sento di scrivere con il cavetto usb tra le gambe e introdotto volutamente nella sua porta: l’avevo detto, anzi scritto, molto tempo fa! E come tutti sanno, ahimè, le parole pesano come una montagna sacra e misteriosa ai piedi di un laghetto incantato.

Questa volta non è una favola da raccontare ai bambini. Siete ancora in tempo per sconnettervi da questa pagina piena di astio, odio e risentimento nei vostri confronti. Rimarremmo tutti amici come prima e nessuno avrebbe a rinfacciare nulla a chicchessia. Parto da un principio di lealtà: Nessuno è obbligato a leggere a parte il sottoscritto che in questo momento sta scrivendo un altro pezzo a capa de cazz.  

E tantomeno la vita non è un film da guardare seduti su una comoda poltrona di colore giallo e verde; una seduta comoda con un ricamo bellissimo a cinque stelle e in poliestere; come giustamente negli anni ’90 sostenevano i grandissimi Articolo31. Quando Fedez andava all’asilo in una località non meglio definita della penisola italica. E tantomeno, oggi, non voglio fare una polemica stucchevole in un giorno così speciale per milioni di lavatori statali. A voi lettori non vi sembra una presa per i fondelli questo evento? E badate, non è una semplice coincidenza se quest’anno la festa dei lavoratori è caduta di Sabato. Ma di quale festa stiamo parlando? Ma se in Italia non lavora più nessuno da anni a parte ovviamente tutti gli statali. Sono entrato nel loop di credere che il tanto famoso e decantato C.V. sia l’acronimo di sono Cazzi Vostri.

Suggerirei di cambiare il nome dell’evento in: La festa del lavoro statale per i lavoratori statali, tra i quali il 70 percento è stato raccomandato da un Ministro, un massone, un malavitoso o da un alto dirigente del Clero.

Gli statali sono tutti, o quasi, a casa a festeggiare il 1 Maggio; Questo è un dato di fatto ovvio. Al contrario tutti gli altri lavoratori sono a lavorare, felici e contenti, per recuperare dagli effetti economici devastanti della chiusura forzata delle attività a causa delle direttive ambigue dello Stato. Vi rendete conto che questi hanno avuto il coraggio di colorare di rosso una provincia italiana come quella di Varese? Dal verde scuro sono passati al rosso sangue. Roba da non crederci. E allora aveva ragione Silvio! E’ tutta colpa dei comunisti? Lo dovevano fare lavorare per costruire un’Italia migliore. E invece ci dobbiamo accontentare di questa.

Pensate che tristezza!  Oggi il metrò a Milano è garantito dalle ore 7 alle ore 19.30. Per fortuna i negozi sono aperti, perché, sai che tristezza vivere Milano in questa giornata di pioggia e vento? Cazzo, l’umidità questa mattina mi ha sfondato il cervello. Questa sera doppia dose di soluzione salina. Vi rendete conto? Sono aperte tutte quelle attività commerciali in crisi a causa delle chiusure forzate e, a capocchia, imposte prima dal Governo Conte e poi da quello di Draghi.  E allora Presidente del Consiglio le chiedo, ma senza pretendere una risposta come amico: come faranno a tornare a casa tutti quei lavoratori volenterosi, seri e onesi? Allora è vero che in Italia non esiste la meritocrazia come ha sempre sostenuto Luisa Corna?

Le ricordo quanto letto, poco fa, a tradimento sul sito ufficiale di Atm: il servizio pubblico verrà interrotto alle ore 19.30. Ebbene caro Presidente del Consiglio, tutti quei lavoratori sì attaccheranno al carro della vita. Eppure non hanno mai chiesto nulla, nemmeno la cassa integrazione.  

E poi voi che fate? Ve la prendete con il sottoscritto e senza nessun motivo tra i tanti di questo paese. Non bastava l’alopecia androgena a rovinarmi la vita. Eppure ci vorrebbe davvero poco per rende migliore la vita di tutti gli italiani. Un po’ di rispetto, cazzo! Le chiedo, caro Presidente del Consiglio in carica: sarebbe stato così difficile garantire un servizio di trasporto pubblico almeno fino alle ore 21 in una città come Milano?  Una città così poco statale da essere invidiata in tutta la penisola italica. Ma voi non vi rendete conto perché vivete in un limbo statale. E allora aveva ragione Attilio Lombardo: vogliono penalizzare la Lombardia in quando una regione non prevalentemente statale ma con rilievi montuosi?

Quindi tutto ciò per partire a razzo da un presupposto molto importante per evitare le solite polemiche stucchevoli. Poi recentemente i miei pezzi pulsano di commenti, pollici rossi e verdi. E mi dispiacerebbe non avere il tempo per rispondere a tutti.

Questo scritto è semplicemente una costatazione amichevole. Mi sentivo di scrivere due righe e l’ho fatto durante la preparazione di una parmigiana di melanzane. E voi la sapete fare una parmigiana decente? E allora come la fate? Sentiamo, dai, su e giù, geni dell’arte culinaria. Sono tutte orecchie, anche se piegate dai cordoni della mascherina.

Tutti liberi di non leggere i miei pezzi e ci mancherebbe pure altro. Magari dovete andare a fare altro di più interessante. Tipo? A cucinare il riso in bianco. Almeno ce lo mettete un po’ di parmigiano reggiano?

Mi permetto visto l’anzianità di servizio in questo blog. Di recente ho recepito un sentimento di astio nei miei confronti, soprattutto da tutti quelli nati sotto il segno della community. Non si può piacere a tutti. Questa è una regola della vita. Per me non è un problema, tanto i miei cento lettori li faccio sempre e comunque. Non ho bisogno della spinta di nessuno. Faccio tutto da me. Chi fa per tre, fa per diciassette.  

Altra generazione la mia: voi poppanti che non siete altro. Negli anni novanta, noi ragazzi di oggi noi ce ne fregavamo delle community anzi era un concetto estremamente negativo perché legato all’idea della dipendenza dalla droga. Gli equilibri umani e sociali si decidevano in strada, soltanto grazie alle abilità personali. E senza l’aiuto di nessuno. Chi sapeva fare 100 palleggi di seguito, riceveva stima di amici e parenti. E al sabato pomeriggio era il primo ad essere citofonato per la classica partita di pallone tra la gente di quartiere.

E non eravamo fortunatamente nascosti dietro un cavetto usb. E adesso arrivo al dunque, non voglio allungare il discorso più del dovuto. Tra un po’ debbo andare a prendere la mia compagna; Lei lavora e finisce, indovina? Alle ore 19.30, quando voi dell’ATM andate a festeggiare il 1 maggio. Che presa dei fondelli! Quelli che fanno sciopero il primo venerdì del mese da una decina di anni a questa parte. E allora vado, ma prima vorrei chiarire un concetto.

Per questa community sono diventato il proprietario di un Bar, il famosissimo Bar di VxL. Avete notato? Tutti i miei pezzi sono catalogati in questa categoria. Eppure nessuno non mi ha mai chiesto nulla. Arsenico che ne dici? Ti va bene? Ma forse quello di Giannini? No! No! E’ da bar. E quello sulla Super Lega? Idem, Bar!

A differenza di tutti gli altri blogger; tutti quelli che al contrario sono portati su un palmo di un mouse.

Chi non conosce il famosissimo Bar di VxL, a parte quattro ubriaconi molesti?

E magari, voi, mi vedete pure come un uomo triste, calvo e schiavo dalla dipendenza terribile dall’alcool. Ehi, tu, Arsenico17 posa il fiasco! Smetti di scribacchiare! Dai, su, fai il bravo, che è meglio per tutti.  Dai su, guardiamoci nell’occhio: Tu non puoi scrivere di calcio, non sei credile! E invece noi siamo tanto competenti. Non vedi quanto sono estremamente competenti i nostri pezzi? Voi? Ma dite sul serio? Dai su, state scherzando. E’ uno scherzo? Che simpatici! Voi? Quelli che scendono e salgono dal carro quanto vi pare? Una volta Pioli è meglio di Guardiola, l’altra deve essere esonerato perché il peggior allenatore al mondo. E vogliamo parlare di tutti i filosofi della sfera ovale, tutti quelli che esaltavano il calcio liquido di Pirlo? Ahh loro sì che erano profondi conoscitori della sfera con le cuciture. Qualcuno è stato pure premiato. Anzi lui sì, ha la stima di tutti gli addetti ai lavori.

Peccato poi che quel calcio liquido ben preso sia diventato un calcio solido. E adesso tirate lo sciacquone. Che tristezza! Vi atteggiate a fare i giornalisti provetti e invece siete solo dei maghi, fattucchieri o peggio ancora: siete degli addetti alla previsione del meteo. E nemmeno tanto bravi. Vi vedrei meglio con l’Oroscopo.

E io sarei il gestore di un bar per 4 schiantati? Magari se decidessi di aprire un bar, aprirei un bar per scambisti.    

E invece mi spiace deludervi. Dipendo solo da me stesso. Tuttalpiù dalla mia compagna che talvolta utilizza il verbo “dobbiamo” in maniera impropria. Per lei “dobbiamo” significa sempre “devi fare!”.

Del resto, Dio ci ha fatto e poi accoppiato. E nemmeno bene, visto che non abbiamo prole a seguito.   

Non mi piacciono le community. Mi sanno di branco o di comunità di tossici per via della mia cultura tipica degli anni novanta. E poi mi piace scrivere con le finestre aperte perché dopo un po' l’aria puzza di piedi e sa di anidrite carbonica.

E allora, in verità, vi dico: Andate a rileggere tutti i miei pezzi! Poi semmai moltiplicatevi con la vostra donna o il vostro uomo. Magari se vi garba e avete un po’ di tempo libero: fate sesso anche con una bestia o un oggetto. Non si sa mai, potrebbe persino piacervi. Facciamo un po’ di educazione sessuale. Perché l’unica cosa che conta nella vita è godere. Magari come un riccio selvatico al tramonto.  Eppure i miei pezzi sono sempre tra i più visualizzati al netto di tutto. Eppure questo spaventa, non va mai bene. E da quando qualcuno si è lamentato, sono stato esiliato dal sito www.calciomercato.com.

Eppure gli ultimi pezzi avevano fatto il botto di visualizzazioni. Ma va bene così. Va bene, va bene cosi!

E’ meglio accontentare tutti i presenti ma soprattutto gli assenti.

Perché contrariamente le folle mi contesterebbero con una marea rossa di pollici opponibili. Scrivi su Giuseppe Giannini prendendola un po’ alla larga? Bar. Scrivi sulla Super Lega? Bar. Bar. Bar….

Ma io vi perdono, popolo di miscredenti dalla penna usb moscia, perché posso affermare di aver previsto tutto con largo anticipo; Andate e leggete:

Avevo previsto il tricolore dell’Inter anche se tra un po' finirà la pacchia perché i cinesi hanno chiuso i rubinetti. Vi piace vincere facile vero? A me no! Soffro di masochismo.

“E mì interrogatus ghe responditt. Sont Meneghin Tandœuggia, Ciamæ par sora nomm el Tananan, Del condamm Marchionn ditt el Sginsgiva; Sont servitor del sior Pomponi Gonz, C'al è trent agn che'l servj”. Ehhh? Bohh! 

Avevo previsto con l’argo anticipo anche l’attuale situazione economica e sportiva della Roma che non mi ha mai convinto perché troppo legata all’ambiente vizioso delle banche e dall’umore di una certa tifoseria troppo invadente per i miei gusti.  

Quei banchieri abituati soltanto a concedere prestiti con un tasso di interesse variabile.   

E allora sì che andrebbero, una volta per tutte, aperte le finestre di casa. E allora sì che andrebbero formattate tutte le penne usb di questo Blog.

Il vostro viso è gentile. I vostri modi sono eleganti e garbati. I miei arroganti, rozzi ma assolutamente sinceri. Non date mai nell’occhio perché, a differenza mia, ne avete giustamente due. Io penalizzato in quanto monocolo e malato di grammatica. Ma il motivo è uno su tutti.

Pretendete che tutti siano come voi e facciano parte di una community. Ma quale? 

Figurati se riuscite a ragionare per virtù e conoscenza. E allora parliamo di calcio che è meglio. Anzi scriviamo di calcio da bar.

Come scrivevo tempo fa, ci vorrebbero nella società capitolina risorse umane di assoluto valore come Totti e DDR. Purtroppo la pacchia è finita perché la vita, prima o poi, ti chiede sempre il conto. E questa volta il conto da pagare per le casse romane è molto salato: più di 200 milioni di debito.   

E infine sono stato il primo a criticare la scelta di assumere Andrea Pirlo come allenatore della Juventus. E adesso voi esperti siete tutti scesi dal carro del perdente. Del resto, questa è la prassi di questo paese che definire borderline è pure troppo poco. 

Ma non solo. Non ero nemmeno d’accordo con l’acquisto di Cristiano Ronaldo. Lo ritenevo una mancanza di rispetto verso gli operai della Fiat e in generale per tutti quelli che fanno fatica a portare a casa la pagnotta. Vergognoso l’ingaggio del portoghese: 31 milioni di euro all’anno. E per vincere cosa? Trentuno noccioline e nemmeno tostate come si deve.  E sia chiaro, perché è bene sempre precisare: Non sono di sinistra e in realtà nemmeno di destra; E non sono nemmeno il classico personaggio ambiguo e con la puzza sotto il naso che abbraccia i valori di sinistra direttamente seduto sul divano di casa in una regione bagnata su due lati dal mare e magari con in tasca la carta scintillante del reddito di cittadinanza. Io mi sono fatto il culo, da solo e senza l’aiuto di nessuno.  

Ma non fa niente perché il mondo dimentica con grande facilità. Troppo in fretta, secondo il mio modesto parere. Discorso applicabile anche per questo blog e il mondo del lavoro in generale; Nonostante si faccia un backup periodico. Ma lo fate o no il backup dei nostri pezzi?

E allora la mia condanna è stata già scritta: merito di essere spolliciato di rosso! Ma vi dirò una cosa che vi stupirà. A questo punto, questo mese mi aspetto che i tutti miei pezzi da bar vengano tutti sottoposti alla cortese attenzione di Mr. Pippo Russo per l’ambitissimo trofeo del BarVxL. Non ci deve essere nessun’altro pezzo. Capito Redazione? Perché in caso contrario sareste tutti degli ipocriti.

Non vedo l’ora di leggere la fantastica recensione: “E’ impossibile semplificare i pezzi di Arsenico17. Da leggere e rileggere anche in bar della Mondadori all’interno di un centro commerciale!”.

E allora sono finiti i giochi per la Roma? Forse non sono mai cominciati. Ci siamo semplicemente illusi. Come sempre. Sue e giù dal carro, manco fossimo gli atleti di uno sport nazionale.

E allora volete che io sia il nuovo proprietario del bar VxL?  E così sia! Ecco a voi un pezzo da community. E vi accontento subito, del resto chi protesta ha sempre ragione.

Dove è finita la piccola Denise Pipitone, scomparsa in un giorno di Settembre, io, un giorno crescerò e nel cielo della vita volerò? Perché, perché, perché, ci sono stati dei depistaggi nel corso delle indagini, come sostiene la madre Piera Maggio? La bimba era rimasta traumatizzata dal brano dei Nomadi e per questo ha deciso di scappare di casa: Io Vagabondo?

Dove sono finiti i 49 milioni della Lega? Sono stati investiti per costruire un nuovo centro commerciale a Bodeno o il figlio di Bossi se li è giocati tutti al Casinò Lugano SA?

Emanuela Orandi è stata rapita dagli alieni o la quindicenne si è allontanata volontariamente da casa perché le dava fastidio il suono delle campane della Basilica di San Pietro?

Maria De Filippi è realmente la moglie di Maurizio Costanzo? Si! E con quale coraggio? No! E allora è la figlia illegittima di Edoardo De Filippo?

L’acronimo di C.V. significa realmente sono cazzi vostri?

Sono tanti i misteri dell’universo. Noi siamo tra voi, noi siam gestori di un bar, voi chi siete, dove siete, dove veniate, dove andiate, che ore sono, ma che ore sono, quando si mangia, ma quando si mangia….ma non si mangia mai? Sono tanti i misteri dell’universo, voi fate domande e io tengo risposte, io sono uno squallido gestore di un bar prego!  E voi chi siete?

 

Arsenico17