Oltre a farlo di mestiere mi piace anche ascoltare le notizie di calciomercato in tv quando sono in Italia, e spesso vedo Top Calcio sul canale 152, ma oltre a interessarmi molto sentire cosa dicono i vari giornalisti, la cosa che non capisco è il mettere un presentatore-giornalista alle 15 che prima faceva l'opinionista, stessa cosa il vedere un presentatore che fa l'opinionista in studio, uomo mercato da casa o dal punto dove si svolge il calciomercato, e poi rivederlo ancora una volta a fare l'opinionista e ancora il presentatore. Ma in qualità di giornalisti cosa fanno a giro per chi presenta? Una cosa molto strana che ancora oggi non capisco. Poi passiamo ai vari sfottò in studio: non ricordo i nomi visto che non sono giornalisti acclarati o conosciuti al grande pubblico, l'unico che forse conoscono tutti è Cesare Pompilio, tifoso juventino e siciliano che non si capisce quando parla per il suo parlare a velocità supersonica e non spiccicare una parola d'italiano. Come detto gli sfottò: ieri un giornalista tifoso del Milan si è rivolto verso quello juventino e gli ha detto: "Avete preso tre gol dalla rappresentativa del campionato coreano". Lo juventino ha risposto: "Sono anni che ve ne facciamo 4 a campionato". La cosa bella è il prendere in giro la Juventus che pareggia in amichevole, la bellezza di tifare una squadra che sono otto anni che non vince nulla oltre ad una Supercoppa Italiana e gli fa una presa in giro? Oh mio Dio!

Passiamo ai soliti giornalisti dell'Inter: dai, ogni anno hanno la squadra da scudetto, poi c'è uno che sarebbe il mister 1000 panchine, sono andato su Wikipedia e non esiste una sua pagina tanto famoso fosse, un paio di pagine che elencavano le squadre che ha allenato e sono tutte in Brianza, ma chi e? Lui si vanta di essere un tecnico importante, millantando i suoi trascorsi, ma questo nemmeno sa che significa allenare in Serie A e campioni in assoluto. Poi ci sono gli ospiti che vengono da fuori o che fanno parte di altre testate giornalistiche e questo è normale come in tutte le trasmissioni di sport. Ma posso essere sincero? Vedere uno che fa presentatore, opinionista e uomo mercato con tanto di telefonata in studio a me fa parecchio ridere. Dai ragazzi non si può guardare una cosa simile...Un uomo mercato è un uomo mercato, non un giornalista, è uno che lavora in disparte e viene invitato in studio, ma un giornalista è una cosa e un intermediario è un altra, mi dispiace. Posso capire che era un programma prettamente lombardo fin quando è rimasto in Lombardia, ma quando si va sulle reti del digitale terrestre di tutta Italia la qualità giornalistica a mio avviso deve crescere. Non dico che non siano bravi, ma servirebbe gente di un certo livello, ospitate di personaggi importanti, di procuratori ecc. Mentre qui si vedono solo persone sconosciute, giornalisti che lavorano a due passi dallo studio e che non sono poi conosciuti da nessuno.

Non me ne vogliano a male, ma alla fine si riportano notizie che tutti sanno, non c'è mai uno scoop, come se fossero una seconda fascia di Italia Uno Sport, riportano le stesse notizie con disamina di ore e ore. Le notizie sembrano sempre dello stesso livello, non c'è mai un inviato che va a rompere le balle a qualche procuratore, non c'è nulla di nuovo. Forse il programma andrebbe rinnovato, portato al livello di SportItalia. Dai, non si può rimanere con un programma che al massimo si vedeva negli anni 70/80. Brave le conduttrici donne Giorgina Tavella, quella mora di cui non ricordo il nome e la figlia di Jacobelli, ma per il resto è tutta gente che lavora in redazione e che a giro conduce, fa opinioni e telefona da casa. Capisco i costi, ma credo sia il momento di rinnovare un po'.