Partiamo dal presupposto che ogni tifoso bianconero non ha ancora capito come, dalla fine del 2018 ad oggi, la Juventus sia potuta calare così. C'è chi addossa la colpa all'addio di Allegri, chi per la scelta sbagliata di Sarri, chi ad una dirigenza incompetente, fino ad arrivare ad un presidente che non sia capace di farsi rispettare, per non dimenticare acquisti e cessioni sbagliate. Questo porta la Juventus da squadra big in Europa 2015-2017, squadra che vince 2012-2020 in Italia, a squadra che... non si capisce se abbia avuto una mazzata esagerata o che qualcuno ce lo spieghi, e non parlo di tifosi, ma della società stessa che dovrebbe in qualche modo spiegare come possa essere possibile arrivare da una finale di Champions tre anni prima ad un campionato maldestro, vinto nel 2019, ad un anonimo campionato 2020-2021. Io, come altri, ci siamo fatti questo pensiero, che tutto questo ha colpe di tutti e di nessuno, perchè, forse, lo sbaglio più grande della Juventus è proprio l'arrivo di quel campione che segna a dismisura, ma che ha rotto quel legame che ora non c'è più. Già, Cristiano Ronaldo, quattro volte Pallone d'Oro, miriade di trofei vinti personalmente e nei club, tra i più forti nella storia del calcio, se non giocatore del secolo, come da poco premiato.

Ma cosa ha portato tanti tifosi a pensare che la colpa sia dell'arrivo del campione portoghese? Se pensiamo che prima dell'arrivo del giocatore portoghese la Juventus non aveva un grandissimo gioco, non aveva vinto se non in Italia, ma aveva quella compattezza che la faceva restare in testa al campionato italiano e giocarsi ogni competizione.
Cosa è successo? L'arrivo di CR7 ha rovinato il tutto... Come!... Qualcuno esclamerà, pensando che il suo arrivo avrebbe fatto piacere a tutti i tifosi di altre squadre, ma proprio questo ha rotto quell'incantesimo che c'era, partendo dall'addio di Giuseppe 'Beppe' Marotta, che non era d'accordo con l'arrivo del portoghese, continuando a pensare che con quei soldi si potessero rafforza reparti che cominciavano a perdere colpi, mentre si trovò davanti il muro del presidente Agnelli, che stanco di sentire le sue lamentele alla fine chiude il rapporto con il suo ds e lo sostituisce con la spalla Fabio Paratici. Forse in quel momento tutto è crollato, mentre per molti tifosi, me compreso, era l'inizio della Juventus di Fabio Paratici, l'uomo che avrebbe portato la squadra a vincere tutto.
Ma l'ecatombe non aveva fine... Ronaldo arriva e, almeno così si vocifera, non vuole mai essere messo in panchina, quindi l'allenatore Allegri si deve adeguare alle condizioni, contando di poter sostituire soltanto dieci-undicesimi in campo, con il portoghese sempre presente. Cosa c'è di male? Qualcuno continuerà a dire... Ronaldo segna e fa le magie del campione, questo forse è la cosa più normale, ma continua a comandare e Allegri non può dire nulla, lo deve mettere in campo.
La società nel frattempo fa il mercato, e lo fa in modo adeguato, la squadra continua a vincere... almeno in Italia.
Ecco che nel 2019, Allegri viene cacciato via, reo di non aver dato un gioco alla squadra, si pensa che sia un tecnico che ha una squadra da Champions ma non riesce a vincerla, quindi via...lacrimoni e disperazione in conferenza stampa, e con un anno ancora di contratto il tecnico viene cacciato, e sostituito da Maurizio Sarri, tecnico che, con tutto il rispetto, il presidente della Juventus non gli avrebbe dovuto far passare nemmeno il cancello della Continassa, date le frasi rivolte appena due anni prima sulla società e squadra, con illazioni e risatine in compagnia ad Aurelio De Luarentiis. Cosa! Ancora si direbbe, è un tecnico che ha vinto l'Europa Legaue!!! Ma tutti sapevano che Sarri era un tecnico che sarebbe stato ottimo con i giocatori adatti al suo gioco, e non come tecnico adattabile a tutti i tipi di giocatori, errore... Colpa di Paratici, almeno così si fa passare la scelta di Sarri. Ronaldo capisce che c'è un tecnico che dopo essersi inginocchiato, per aver allenato Gonzalo Higuian a Napoli, ti pare che non s'inginocchi a CR7? No, e questo però lo paga...
Ricordo che al minuto 81 della partita fra Juventus e Lokomotiv, Sarri lo ha sostituito e l'attaccante non ha accettato, e penso tutto il Mondo ha visto la reazione. Da quel dì, Sarri non potè più sostituirlo senza il suo permesso, anzi, gli chiedeva il permesso prima, cosa che un tecnico non dovrebbe fare mai. Sarri a fine anno viene cacciato, si parla anche perchè al portoghese non va a genio, quindi via...
Arriva Pirlo, e anche in questo caso, se un tecnico non è riuscito a dominarlo, può farlo uno che non ha mai allenato? No, infatti, Ronaldo continua a fare la differenza, ma purtroppo sembra che la Juventus continui ad essere completamente comandata dal giocatore portoghese, al quale nemmeno il presidente Agnelli sembra potergli dire nulla.

Detto questo, in campo molti giocatori che avevano tale importanza, Dybala su tutti, si sono ridimensionati, anzi sono stati ridimensionati anche dalla società stessa, che invece di proteggerli li ha mandati pian piano al declassamento, pur di far brillare una stella importante, e che a loro avviso, dovrebbe essere stato seguito in tutto e per tutto, perchè questi era un campione assoluto. Non è arrivata la Champions, cosa che si pensava con il suo arrivo, la squadra non si è trasformata in una potenza indiscussa, anzi se proprio vogliamo dire da quel 2017, ultima finale Juventus, al suo arrivo fino ad oggi, la Juventus ha beneficiato delle sue reti e giocate, ma ha perso quel che oggi sarebbe servito più di tutto, quell'unione di gruppo, che non c'è più, e che negli anni Conte e Allegri faceva la differenza.

Come andrà a finire? Che CR7 in questa o nella prossima stagione andrà via e la Juventus dovrà ricostruirsi da capo, senza comprare più campionissimi affermati come CR7 e ritornare ad essere una squadra importante in Italia e in Europa, con o senza titoli, ma con una sola consapevolezza, quella di essere un gruppo unito e non tutto su un giocatore.
La Juventus da quel 2018 è pian piano scemata, portandosi in casa un campione, ma che ora non riesce a non giocare se non alle sue dipendenze, e nemmeno la società, che gli paga l'ingaggio, riesce a farsi rispettare, anzi... sembra che gli piaccia essere comandata in tutto e per tutto.
Che l'addio di CR7 riporti la serenità di un gruppo che sembra sfaldarsi anno dopo anno?