Il calcio lo ha reso un fenomeno per più di 10 anni, 26 trofei in carriera, è stato campione d'Europa con il Bayern Monaco, vincendo la Champions League nella stagione 2012-2013, Supercoppa Europea nel 2013, e nello stesso anno la Coppa del Mondo per club, Meno fortunato in nazionale francese, soltanto 81 presenze e 13 reti, e nessun titolo dal 2006 al 2014. Dopo ben 12 anni al Bayern Monaco, e moltissimi premi personali, tra tutti i tre premi Golden Globe, come miglior giocatore francese (2007,2008,2013). Spesso inserito nel Team of The Years, si ritrova alla veneranda età di 36 anni a trovarsi una nuova squadra, così dopo non riuscendo a trovare club importanti, si trasferisce nella Fiorentina di Rocco Commisso, dove trova un'accoglienza da star, con tanto di presentazione pari di Cristiano Ronaldo, per lui lo stadio Artemio Franchi si tinge di viola e i fuochi d'artificio lo accolgono in campo tra cori vari. Ribery a Firenze ritrova la serenità, gioca il suo calcio e fa sognare i tifosi fiorentini, ma i soliti acciacchi ogni tanto si ripresentano e ne minano il percorso, in due stagioni fa 50 presenze e 5 reti. Commisso, dopo averlo lodato più volte, non gli rinnova il contratto, quindi Ribery si ritrova senza squadra, ma con un'idea in testa "Voglio restare in Italia". Per questo si è messo subito in moto il suo procuratore Alain Migliaccio, offrendo il francese a più società, non ricevendo risposte dalle varie Juventus, Inter, Milan, Napoli e Roma, si è rivolto alla Lazio, che in un primo momento sembrava interessata, poi defilandosi alla richiesta d'ingaggio. E già Ribery ha 38 anni, ma sembra non voler scendere sotto il suo ingaggio attuale 4 milioni di Euro, che portano le squadre interessate a chiosare. Si è parlato di Qatar, Emirati Arabi, ma il giocatore non sembra voler allontanarsi dal belpaese, per questo è scattata l'operazione impossibile.

Nel bel mezzo dell'estate, esplode una indiscrezione 'Venezia su Ribery', questo porta il tifoso veneziano a sognare fin da subito, si parla di una proposta importante, una casa nel bel mezzo del centro storico, ristoranti pronti a fare il piatto intitolato al giocatore, e nel clamore generale, si attendeva che la trattativa si potesse chiudere in quattro e quattrotto. Il presidente neroverde Duncan Niederauer, ha sondato la possibilità di portare lo 'Scarface' francese in Laguna, sentendosi chiedere una cifra fuori dalla portata del club. Si sarebbe partiti da un contratto a gettone, quindi in base alle gare giocare, rifiutato fin da subito dal procuratore, poi si è arrivati al milioni di Euro per una stagione, anche in questo caso si è sentito rifiutare l'offerta, quindi la situazione sembra pian piano scemata, anche se la porta è rimasta aperta, qualora il giocatore non trovi soluzioni migliori. Il Venezia nella sua vita calcistica ha avuto in rosa un giocatore che poi è divenuto importante, il 'Chino' Alvaro Recoba, che ha fatto sognare la platea veneziana in quei sei mesi del 1999, quindi dopo ben 21 anni sarebbe ben accetto di ritrovarsi tra le fila un campionissimo, con tutti i suoi acciacchi, ma con la consapevolezza che potrebbe tirare fuori dal cilindro qualche giocata del miglior Ribery. L'ultima offensiva del Venezia è del 30 giugno, e nel frattempo si sarebbe inserita anche la Sampdoria, anche la società blucerchiata non si sarebbe spinta oltre il milione a stagione. Ora la risposta del francese si attende da un momento all'altro, se decidere di accettare le due uniche offerte italiane, andarsi ad arricchire nei paesi ricchi dove gli ingaggi sarebbero alti, tornare in Francia, o decidere di ritirarsi. Cosa scieglierà Ribery?