Se ci fosse stato il VAR forse il Liverpool sarebbe a più sette e non a più cinque dai rivali del City. Un calcio di rigore non dato, due chiari azioni da gol fermate per due fuorigioco inesistenti. Ma questo gli arbitri inglesi non lo potevano sapere durante lo svolgimento della partita. Hanno visto male o non visto proprio. E penalizzato una squadra che corre diritto verso il titolo, per la prima volta potrebbe vincere la Premier League da quando esiste come Premier League e l'entusiasmo è a mille a Liverpool tanto che già stanno mettendo in vendita i biglietti per l'ultima gara del campionato in casa.

Ma la faccia dei tifosi a Anfield era chiara. Gelati, non tanto per il freddo, ma per un Liverpool a tratti imbarazzante rispetto a quello che ci aveva fatto vedere, e messo sotto da un Leicester che ha un calendario infernale, visto che dovrà affrontare ora lo United e poi il Tottenham. 

Ma quello che è emerso con chiarezza è che in un calcio veloce come quello inglese, con arbitri non forse propriamente all'altezza di quella categoria, non avere il sistema VAR è una follia. Di errori ve ne sono stati a bizzeffe in questa stagione. Gravi, e meno gravi. Ma errori che hanno penalizzato diverse squadre e più volte, a dire il vero, il Liverpool.

Quando il VAR non c'è capisci quanto sia importante.