In questi due giorni lunghi e caldi di luglio, in attesa di un buon bagno ristoratore per rinfrescare la mente e il corpo, tra gli esperti di calciomercato di tutto il mondo sta filtrando un’indiscrezione che, se confermata, sarebbe a dir poco sensazionale. Scintillante, per rendere meglio l’idea sulla portata della notizia.
Vado subito al dunque per non tenervi sulle spine più dello stretto necessario; con questo caldo africano è meglio non scherzare, almeno non più di tanto. In questo periodo, infatti, dosi massicce di pathos a causa del calciomercato estivo sono tassativamente sconsigliate dai migliori dottori al mondo perché potrebbero essere dannose per la salute, se non addirittura letali. Uomo avvisato, mezzo salvato. Così dice il proverbio. Giusto? Ora siete pronti per conoscere la notizia dell’anno. Vi chiedo solo un ultimo favore: per favore allacciate subito le cinture di sicurezza come previsto dal Codice della Strada. Difatti è molto probabile il rischio di un frontale, a folle velocità, contro la realtà del prossimo inverno.
L’Inter di Steven Zhang, il giovane e ambizioso presidente nerazzurro, starebbe preparando un’offerta da capogiro per acquistare il calciatore più forte del pianeta.
Alcuni intenditori, con il calcio nella zucca, sostengono che è il calciatore più forte di tutti i tempi. Addirittura meglio di Maradona o di Pelé. Mi sembra forse un po’ eccessivo, ma ci può stare considerando il livello altissimo del calciatore in questione. Si parla di un'offerta di ben 300 milioni di euro.
Non è necessario essere esperti in mentalismo per capire che sto parando del fuoriclasse argentino: Lionel Messi.
Si avete letto bene: Lionel Messi molto probabilmente per la prossima stagione sarà un calciatore dell’Inter. Fa strano scriverlo, molto, perché stiamo parlando nientedimeno che di un sei volte vincitore del Pallone d’Oro. Anzi a dirla tutta - se proprio vogliamo essere sinceri fino alla fine - la notizia di Messi all’Inter sembra addirittura di natura perversa dopo aver ammirato, in questi ultimi dieci anni, tra le file dei nerazzurri calciatori del calibro di Gagliardini, Candreva, Ranocchia, Moses, Barella, Valero ed etc. Per non parlare di Valentino Lazaro. Chi? Conosco solo Valentino Rossi! Lazaro è stato la classica ciliegina sulla torta di quella vecchia volpe di Peppe Marotta. Ma vi scrivo in confidenza che non è stata tutta colpa di Peppino, perché il terzino austriaco è stato voluto soprattutto da quel bellimbusto di Antonio Conte in persona. E Marotta, che è diversamente affascinante ma non è affatto stupido, dopo l’esperienza fatta con Iturbe (ricordate l’insoddisfazione di Antonio Conte per non avere acquistato il promettente attaccante argentino del Verona? Poi rilevatosi nella Roma un grandissimo bidone almeno quanto il brasiliano Renato Portaluppi) ha deciso di assecondare il forte allenatore leccese. Vedendolo giocare dal vivo si racconta, alla Pinetina, che il tecnico salentino sia rimasto folgorato soprattutto dalla folta capigliatura del giovane calciatore austriaco.

Mamma mia quanti capelli ha questo! Ma sono tutti suoi? Sono veri? Avrebbe domandato, con un diavolo per capello, il bell'Antonio Conte ai suoi collaboratori più stretti. Peppe Marotta, fiutando l’affare e considerando la penuria di terzini della rosa, avrebbe subito aguzzato la vista.

Ma fermiamoci qui che è molto meglio: Zaniolo, rimembri ancor quella tua vita interista? No Raja no party. Perché se si approfondisce il discorso, beh allora il resoconto di tutta la storia nerazzurra (negli ultimi dieci anni) potrebbe suscitare una grossa e fragorosa risata nientedimeno che da Giuseppe Conte in persona. Chi? Come chi? Il Presidente del Consiglio nonché il bulletto tremendo del Parlamento Italiano.
Chiedere a Giorgia Meloni per una referenza più approfondita. 
È stato terribile, un episodio che non auguro nemmeno al mio peggior nemico (n.b. il Presidente del Consiglio). Mentre riferivo in Parlamento della deriva liberticida del nostro Paese, l’amata Italia, ho sentito alle mie spalle una risata fragorosa di un uomo. All’inizio non ho capito chi fosse, però poi sono rimasta freddata quando ho compreso che quella risatina “diabolica” era nientepopodimeno che del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. In vita mia, ahimè, non ho mai né sentito né visto niente di così orribile. Raccapricciante! Sono assolutamente sconvolta e non credo mi riprenderò facilmente da questa esperienza così drammatica. Adesso capisco lo stato d’animo di quei poveri bambini, uomini e donne, al freddo e al caldo, sui gommoni dispersi in mezzo al mare. All’inizio pensavo che - vedendo i gommoni così colorati: davvero belli - quelle persone venissero per una vacanza felice in Italia. E invece mi sbagliavo. Me lo fece notare un mio intimo amico daltonico. Mi disse: “Giorgia i gommoni non sono colorati. Anzi dentro, credimi, ci sono anche delle persone di colore monocromatico”. Di sicuro come opposizione faremo qualcosa, anche di drastico se è necessario, non lasceremo che nessuno in Italia possa ridere liberamente in faccia o alle spalle di un Onorevole della Repubblica Italiana. Vi rendete conto? Un Onorevole… Roba che non accade nemmeno nel terzo mondo. Mi accappono.

Lionel Messi all’Inter non è uno scherzo. Nemmeno un goffo tentativo per accaparrarmi una manciata di facili visualizzazioni. Anche perché sono pieno di visualizzazioni in questo periodo. Anzi per l’occorrenza vendo 50 visualizzazioni con il resto di tre per soltanto pochi euro. Mi accontento anche di un buono Amazon di 20 euro di Massimo48. Contattatemi in privato, massima serietà.
Come scrivevo, solo pochi minuti fa ad una cara amica, in Italia con il gioco del calcio non si scherza affatto perché è lo sport nazionalpopolare per eccellenza. E con il popolo, dovete sapere, non si scherza mai e poi mai. In me è vivido il ricordo, anche grazie alle nozioni di vita acquisite durante le scuole medie, della fine orribile di Re Luigi XVI, decapitato in piazza della Rivoluzione. Se io fossi decapitato, solo virtualmente parlando, di me ad esempio resterebbe solo il cappero... E voi da me non volete soltanto il cappero, giusto? Siete più interessati alla mia capoccia. Almeno spero. Anche se De gustibus non est disputandum. Auuuu!

Capperi a parte con i quali tra l’altro, dovete assolutamente sapere, è possibile fare un primo piatto da leccarsi i baffi: Gli Spaghetti alla Puttanesca. Ricetta per due persone: 250 grammi di pasta di grano duro. Una scatoletta di tonno al naturale. Mi raccomando mettete solo il tonno, la scatoletta va messa nella differenziata. 25 grammi di alicette.  50 grammi di olive greche. 200 grammi di pomodorino pachino. Prezzemolo e sale q.b. E infine un dito di olio extra vergine di oliva, possibilmente di Canosa di Puglia. Va bene anche quello di Trinitapoli o di Cerignola. Tutto, e mi raccomando, accompagnato da un buon vinello bianco della casa con un elevata gradazione alcolica. Tra gli effetti collaterali del vino: potreste fare all’amore con il vostro partner abituale. Meglio restare sobri a questo punto o cercare un storiella extraconiugale.  

Ohibò e adesso? Ritorniamo subito al nostro calciomercato. Ogni tanto mi capita di divagare per la felicità dei puristi del gioco del calcio. Capra! Capra! Capra! Me lo sento ogni giorno nelle orecchie soprattutto quando vado a dormire. Da un punto di vista strategico e commerciale l’approdo di Messi all’Inter potrebbe essere un toccasana per tutto il movimento calcistico italiano che recentemente, ahimè, non se la passa affatto bene.  Anzi sono molte le società di calcio in grande difficoltà economica. L’argentino, grazie alla su fama, potrebbe attirare potenziali e facoltosi investitori stranieri soprattutto dai Paesi Medio Orientali.  Basta con gli americani: sono solo chiacchere e distintivo; E poi la loro dieta alimentare fa davvero pena.

Per non parlare sull’effetto positivo che l’acquisto di Messi avrebbe sul tifoso di calcio, anche, da un punto di vista prettamente psicologico. Infatti avere nel nostro campionato un campione come Messi, molto probabilmente, porterebbe ad un sano ma appassionante dualismo con un altro fenomeno come lo è il portoghese Cristiano Ronaldo. E l’Italia sportiva, da sempre, sopravvive anche grazie ai dualismi tra i grandi campioni: Coppi Vs Bartali, Riva Vs Rivera, Totti Vs Del Piero, Don Camillo Vs Peppone, Agresti Vs Arsenico17 e via dicendo….  

Magari la sfida tra i due campioni - si parla sempre da un punto di vista psicologico - potrebbe persino riaccendere, in tutti quei tifosi portatori sani di anti juventinità, quella vecchia fiammella ormai sopita da nove e lunghissimi anni a causa dell’egemonia dispotica della Vecchia Signora. Come se non bastasse nella vita di tutti i giorni, ahimè, quell’angoscia per l’altra Vecchia Signora, vestita di nero e con una falce tra le mani.

Cara, oggi, c’è la partita della Roma in TV. Non prendere impegni per questa sera. La Roma? E con chi gioca? Gioca contro il Torino! A che posto siete? Al quinto! E chi è arrivato primo? La Juventus. Ancora? Si!  Ma quanti campionati di seguito hanno vinto i gobbi? Nove! Così tanti, nove? Non ci credo! Si. Ti ho detto e ti riconfermo nove! Quante volte te lo devo dire? Ma nove sono tanti. Tu sei proprio sicuro? Si, sono sicuro! Aspetta che adesso controllo su internet! Controlla pure (tanto sei come tua madre). Amore avevi ragione sono nove di seguito. Fa caldo.

Ma non mettiamo il classico carro davanti ai buoi. Che poi, sinceramente, non ho mai capito perché i buoi si dovrebbero mettere, di proposito, davanti al carro. E poi, incuriosito, mi chiedo ancora: E se malauguratamente le bestie si dovessero mettere per davvero davanti al carro, qualcuno non può riportarle nuovamente indietro? Povere bestie e povero me.  E allora cosa fare? Per una volta fidiamoci delle voci di mercato, tanto a noi tifosi non ci costa nulla dare per scontato l’approdo di Lionel Messi all’Inter di Antonio Conte. Sognare, in estate, poi non costa nulla. A questo punto è lecito domandarsi chi sarà la squadra più forte tra la Juventus di Cristiano Ronaldo e l’internazionale di Lionel Messi?

#Giorgia fa’ caldo……..andiamo al mare! Aspetta che adesso controllo su Internet. Sei come tua madre altro che deriva liberticida.....


Arsenico17