Forse un modo per fermare o rallentare la follia che esiste nel calciomercato esiste.
E l'occasione d'oro la sta offrendo Pogba, costato poco più di 100 milioni di euro al Manchester United. Si dice che avrebbe nostalgia di Juventus, che a Manchester è stato un vero flop, dovuto non solo ad infortuni ma anche a questioni tattiche e spaesamento del giocatore e scarso impegno dello stesso. 

Vuole andare via? Bene. Vuole andare o meglio ritornare alla Juve? Benissimo.
Ma prima dovrebbe risarcire il Manchester United per i danni subiti dal club e dai tifosi, il danno alla reputazione e all'immagine, è un danno conseguenza ed il Manchester dovrebbe solamente provare la sussistenza di questo danno per fermare le lagne di un giocatore diventato forse più noto per la sua moda, per la sua dance, che per il suo essere giocatore.

Certo, non è forse etico e morale prendersela con i giocatori, però sinceramente i danni patiti dalla società, in casi come questi, sono importanti. Lo stesso discorso dovrebbe valere per tutti i giocatori che cambiano casacca con facilità estrema perchè corteggiati dal dio danaro. Tradisci la fiducia dei tifosi, rechi un grave danno morale e all'immagine alla società?

Visto che se lo possono permettere pagassero i danni. Se fosse stato un lavoratore qualsiasi dipendente da qualche azienda seria come minimo lo avrebbero già licenziato ed i danni li avrebbero chiesti eccome, ma visto che nel calcio si possono permettere di comportarsi come vogliono, perché tutto è permesso a questi signori... vip, allora che nessuno si lamenti se poi tutto ciò altro non è che alla fine una strana ed anomala circolazione di danaro.