Fiorentina, i viola hanno ingranato la marcia decisiva per il mercato ed entro pochi giorni dovrebbero chiudere gli ultimi colpi. Dopo aver chiuso per il nuovo difensore, giocatore che andrebbe a rafforzare una difesa già molto forte, dopo l'arrivo di Lirola e le permanenze di Milenkovic e Pezzella. La Fiorentina sta cercando un altro centrale, giovane e di qualità, che possa garantire quando necessario il passaggio alla difesa a 3, ed il nome in cima alle liste degli uomini mercato viola è quello di Kevin Bonifazi.  Fiorentina e Torino stanno trattando, con i contatti tra le due società che hanno avuto una rapida accelerata nelle ultime ore. I club stanno parlando soprattutto di una formula che porterebbe in viola il difensore classe ’96, visto che Pradè ha sbaragliato la concorrenza, con la Spal che avrebbe riabbracciato volentieri il ragazzo dopo il prestito della scorsa stagione. Si attendono risvolti importanti della trattativa già nelle prossime ore. Dopo il sondaggio per Suso, che però ha una clausola di 38 milioni valutata troppo alta dalla società, la Fiorentina vuole un altro esterno e il nome in cima alla lista di Pradè è quello di De Paul, l'esterno dell'Udinese è valutato anche molto alto, 40 milioni, e perciò i Viola potrebbero virare sullo svincolato Ribery, unico ostacolo il suo ingaggio.  

Athletic Bilbao, I calciatori cresciuti nella cantera ed esplosi totalmente nel più che competitivo campionato spagnolo, sono spesso venduti a peso d’oro; basti pensare all’ultimo in ordine cronologico, Kepa Arrizabalaga, approdato al Chelsea per circa 80 milioni di euro. In questa finestra di mercato un altro grande giocatore era prossimo alla cessione. Il Manchester United sembrava disposto a tutto proprio nell’ultima giornata di mercato inglese. Date le difficoltà del club di Manchester ad arrivare alla firma di un potenziale sostituto di Romelu Lukaku, la società della famiglia Glazer aveva posto la sua attenzione su Iñaki Williams. Alla fine, tuttavia, il giocatore ha categoricamente rifiutato l’allettante proposta contrattuale inglese per legarsi “a vita” con la società spagnola. Nelle giornate successive, infatti, il ragazzo ha firmato un rinnovo di 9 anni con un clausola rescissoria da 135 milioni di euro, ergendosi, a tutti gli effetti, come potenziale bandiera del club. La scorsa stagione, per Williams, è forse stata quella della sua definitiva consacrazione. Agendo per tutto il campionato da prima punta, il giocatore ha trovato una continuità di rendimento, soprattutto a livello realizzativo, probabilmente mai palesata nelle annate precedenti. Ha chiuso il campionato con 13 marcature e 4 assist, ben 6 gol in più rispetto alla stagione 2017/2018. Il giocatore, è molto veloce e forte tecnicamente, nell’arco della sua carriera ha soprattutto agito come ala destra. Il giovane mister Gaizka Garitano, tuttavia, ha operato al meglio sia sul giocatore che sull’intera rosa. L’Athletic proveniva difatti da una stagione fallimentare, conclusasi al 16° posto e rischiando, per tutto il campionato, una clamorosa retrocessione. Il tecnico, proveniente dalla seconda squadra dell’Athletic, ha deciso apportare dei cambiamenti all’assetto tattico della squadra, proponendo qualche novità assoluta. La più importante, senza dubbio, è la progressiva esclusione dagli 11 iniziali di un calciatore del calibro di Ariz Aduriz. Si può quindi facilmente evincere come stia avvenendo un lento ma inevitabile passaggio di testimone all’interno dell’Athletic. Aduriz negli anni è sempre stato il centravanti titolare della rosa, oltre ad essere una bandiera e un vero e proprio simbolo del club. La passata stagione, tuttavia, non è stato più lo stesso. Aduriz ha anche già conclamato lascelta di volersi ritirare al termine della prossima annata, quando oramai avrà ben 39 anni. A guidare quindi l’attacco basco non ci sarà più lo storico centravanti di San Sebastián. 
È dunque necessario trovare un suo sostituto, non solo ideale dal punto di vista tecnico, ma che possa incarnare appieno i valori del club. Cresciuto sin dalla più tenera età con la maglia del Bilbao, Williams potrebbe essere un giocatore nel quale l’intera tifoseria possa riscontrarsi e l’accordo contrattuale appena stipulato può accrescere oltremodo questa fervente convinzione. Ciò che probabilmente gli manca rispetto all’attuale bandiera, può essere la continuità realizzativa. Seppur vero che Williams nella passata stagione ha decisamente migliorato il suo trend offensivo, è anche da considerare il fatto che Aduriz, dal suo ritorno a Bilbao, ha siglato 171 gol in 8 stagioni. Juve, la sfida in famiglia di Villar Perosa è sempre una festa speciale, quando il calcio giocato è solo un pretesto per vedere da vicino i nuovi campioni bianconeri. Anche Sarri, nonostante l'influenza non ha voluto saltare l'appuntamento con la tradizione, accolto da Jhon Ellkan ed Andrea Agnelli. Anche se indisponibili per la partitella, Cristiano Ronaldo, condizionato da un leggero affaticamento muscolare, e Matthis De Ligt, bloccato da una vescica al piede, hanno voluto comunque essere presenti guardando la sfida dalla panchina prima e concedendosi al calore dei tifosi poi. CR7 poi tornato a casa si è visto la sfida di Supercoppa tra Liverpool e Chelsea, con Georgina in veste di infermiera speciale per i muscoli affaticati del suo Cristiano. Senza le stelle CR7 e De Ligt in campo a prendersi la scena ci ha pensato Paulo Dybala che ha risposto ai rumors di mercato con una doppietta. Prima si è procurato ed ha trasformato un rigore e poi di destro ha scaraventato il pallone sotto la traversa. In mezzo ai due gol della "Joya" la sfortunata autorete del nuovo acquisto Demirale poi ,dopo la girandola di cambi nel secondo tempo ecco il definitivo 3-1, firmato di tacco da Quadrado. La rete del colombiano da di fatto il via alla pacifica invasione di campo dei tifosi.
Dybala il più acclamato, un segno che il popolo bianconero non vuole rinunciare al suo numero 10. Fabio Paratici,dopo aver provato a cedere l'attaccante allo United e al Tottenham, non si sbilancia: "Paulo è un grande giocatore della Juve, le trattative ci sono per tutti i giocatori della Juventus". Ridimensionato a parole anche il caso esuberi, portato alla ribalta da Maurizio Sarri: "nessun allarmismo". Allontanamento ma non chiusura totale su Icardi:"Icardi è un giocatore dell'Inter, noi siamo contenti degli attaccanti che abbiamo, poi si vedrà". Si vedrà dunque come le sfide con squadre come Napoli ed Inter, "che non possono più nascondersi", parole del capitano Giorgio Chiellini. Meno di 10 giorni all'inizio del campionato ma la sensazione è che la sfida scudetto sia già iniziata.  

Inter, la doppietta di Dybala non ha fatto di certo piacere ad Icardi, e se aumentano le possibilità della "Joya" di rimanere alla Juve, diminuiscono quelle di Maurito di andare a Torino. L'Inter infatti non ha nessuna intenzione di fare sconti ai bianconeri, 80 milioni oppure scambio con Dybala, non esistono altre vie d'uscita. Il pugno duro vale anche per Icardi, nessuna possibilità di prestito alla Perisic, o cessione definitiva o rimane ad Appiano a continuare la sua vita da emarginato dalla squadra come oggi. Con la Juve che si allontana, che Icardi aspetterà fino a metà della prossima settimana, aumentano le chance di Roma e Napoli, l'Inter però metterebbe una clausola anti-Juve per impedire un prossimo passaggio dell'ex numero 9 verso Torino. Non è da escludere che dietro alla Roma ci possa essere la Juve che non riuscendo a prendere subito Icardi, lo possa fare l'anno prossimo, sfruttando la recente alleanza di mercato con i giallorossi, favoriti sul Napoli anche perché la famiglia dell'argentino preferirebbe la Capitale. Marotta e Ausilio però non vogliono farsi trovare impreparati e sono pronti a cautelarsi con una clausola molto robusta. Lo stallo Icardi blocca di conseguenza l'approdo di Dzeko in nerazzurro, con la Roma che filtrare che il bosniaco partirà solo se Icardi dovesse fare il percorso inverso, i 40 milioni più bonus insieme a Dzeko si avvicinano alle richieste di Marotta ma ancora manca il si definitivo del giocatore, che dopo un'iniziale apertura continua a prendere tempo. Si alimentano anche le voci da Parigi, con il Psg che potrebbe pensare ad Icardi per il dopo Neymar, ma come già detto Wanda e famiglia hanno intenzione di restare in Italia. Intanto ad Appiano per Antonio Conte non esistono giorni di festa, doppia seduta nonostante sia Ferragosto e si continuerà così fino all'esordio in campionato del 26 agosto contro il Lecce per cercare la migliore forma dei suoi giocatori, per quella data il comandante spera che Icardi abbia già preso un'altra strada.  

Roma, per il nuovo bomber si monitora sempre Icardi, infatti se Dzeko partirà lo farà solo in cambio di Mauro, l'offerta c'è ma manca ancora il si definitivo dell'argentino, che aspetta la Juve fino alla settimana prossima e poi potrebbe decidere di accettare i giallorossi. Ci potrebbe però essere una pista clamorosa, quella che porterebbe ad un giocatore del Real Madrid ovvero Luka Jovic. Il giocatore dei Blancos è stato scartato da Zidane un mese dopo il suo arrivo e potrebbe essere ceduto subito in prestito, i giallorossi potrebbero pensare ad un suo arrivo, che la scorsa stagione ha fatto faville con il Francoforte. Lovren sempre più vicino: il ds Petrachi ha già l’accordo con il giocatore, resta da trovare l’intesa con i Reds. Il club inglese sembra disposto ad accettare l’ultima offerta della Roma. I giallorossi hanno proposto un prestito con obbligo di riscatto legato alle presenze, un’operazione complessivamente da circa 25 milioni di euro. Modalità che pare aver convinto i Reds a dire di sì alla Roma. Intanto Under ha rinnovato fino al 2023 dopo Zaniolo, allontando così le voci che li avvicinano a Bayern e Juventus.  


Ultim'ora:
Milinkovic-Savic apre all'Inter, il giocatore che era vicinissimo allo United, in un'intervista ha aperto ad un trasferimento, Non mi sentirete mai dire che voglio lasciare la Lazio. Non ho mai menzionato un possibile trasferimento al Manchester United, era solo un articolo di giornale. "Non mi pesa ⁿla situazione perché so che c'è tempo per un eventuale trasferimento. Se qualcosa deve accadere, accadrà, finora non c'è nulla e stiamo andando avanti". Queste le parole del centrocampista serbo attualmente in forza alla Lazio. Ultim'ora #2 Clamorosa: Il ds del Valencia ha appena annunciato che l'Atletico Madrid si è tirato indietro per Rodrigo. Una vicenda che può avere conseguenze determinanti anche nel mercato in entrata e in uscita del Milan, che confida proprio nel club di Peter Lim per piazzare André Silva e avere a quel punto il tesoretto necessario per dare l'assalto decisivo al colchonero Angel Correa.  “Al momento, sul tavolo non esiste alcuna offerta ufficiale per il giocatore. Comprendo la decisione dell'azionista di maggioranza di cedere il giocatore, considerando la situazione economica della società. Chi stava trattando Rodrigo, ora ha ritirato l'offerta; quello che sembrava un accordo non è diventato esecutivo e io non ho niente a che vedere con questo. Il calciatore è ora a disposizione per gli allenamenti e potrebbe scendere in campo contro la Real Sociedad. Non so da chi dipenda quello che è successo, ma penso dall'Atletico Madrid. Dobbiamo comunque essere preparati all'eventuale partenza di Rodrigo e alla necessità di trovare un sostituto all'altezza”.  Queste le parole di Mateu Alemany.  


Mitragliatrice a cura dei ragazzi della pagina Instagram "l'angolo del tifoso", seguiteli:
Supercoppa Europea Partita sfavillante al Vodafone Park di Instabul. Liverpool e Chelsea regalano spettacolo sul terreno di gioco. Partita storica dal punto di vista arbitrale, visto che è stata la prima partita arbitrata da un terna femminile. Al 36’ i Blues passano in vantaggio con Giroud, raccogliendo i frutti della mole di gioco costruita fino a quel momento. Prima dell'intervallo il Chelsea trova anche il raddoppio con Pulisic, ma la Var annulla tutto per fuorigioco. Al rientro il Liverpool cambia veste e dopo 3 minuti trova il pareggio con Manè. Fino alla fine della partita ci sono varie occasioni, soprattutto per la squadra di Lampard ma il risultato non cambia. Ai tempi supplementari è la squadra di Klopp a passare in vantaggio, autore della rete ancora Manè; gioia che dura poco perché dopo una manciata di minuti l’arbitro Frappart fischia un rigore per il Chelsea. Sul dischetto si presenta Jorginho, che con la sua freddezza spiazza Adrian. La partita si conclude ai rigore dove Abraham sbaglia il rigore decisivo e Adrian diventa l'eroe di giornata, consegnando la 4° supercoppa ai Reds. Calciomercato news 15 agosto Roma, Under rinnova con la Roma fino al 2023. Nzonzi ufficiale al Galatasaray e ei concretizza il rinnova di Zaniolo fino al 2024. Per l’attacco il nome nuovo è Werner del Lipsia, ma c'è la concorrenza del Bayern e Valencia. Proposto anche Sturridge svincolato dal Liverpool. Ben avviata la trattativa tra Sassuolo e Zenit per Mammana. Da definire se si tratterà di diritto od obbligo di riscatto. Taarabt rinnova fino al 2022 col Benfica. Parma scatenato: interesse concreto per Fabio Coentrao, reduce dall'esperienza al Rio Ave. Pedina importante potrebbe risultare Bruno Alves, pedina importante per la squadra emiliana anche la prossima stagione.