A mio modo di vedere la  scelta del Napoli di  esonerare l'allenatore è stata corretta, anche se forse tardiva. 

A Napoli  Ancelotti   ha fatto malissimo, in un anno e mezzo non è stato capace di darle un gioco e la squadra, che ha reso con Sarri, proprio perchè   allenata con una chiara idea di gioco e con dei meccanismi predefiniti,  si è sciolta passando dallo sfiorare lo scudetto con Sarri arrivando seconda, all'arriva ancora dietro la Juventus ma con tanti punti di  svantaggio e poi  trovarsi alla 15 giornata di campionato al  settimo posto in classifica. 

Non basta aver superato il girone di Champions e aver fatto due buone partite con il Liverpool per giustificare  un andamento cosi disastroso in campionato e   poter dare qualche minima attenuante allo staff tecnico.

In questa stagione la squadra azzurra aveva tutte le possibilità di lottare per lo scudetto, se fosse stata ben allenata. 

Invece in campo si è vista una squadra senza logica, con giocatori fuori ruolo e che non sapevano cosa fare in campo.

Il mercato è stato fatto e per gli acquisti di Manolas e Lozano  la società ha speso. Ma in campo la squadra ha reso molto al di sotto delle aspettative.

Le colpe non sono da  attribuire a una solo componente, anche la società e i giocatori hanno le loro responsabilità.

Certamente la società  doveva  gestire meglio certe situazioni come alcune situazioni contrattuali, ma la responsabilità maggiore a mio avviso è dello staff tecnico che non ha saputo dare nulla alla squadra lasciandola in balia di se stessa.

 

Bassano Giancarlo