Ho letto, con molto interesse, il pezzo di the RoS, e alla fine mi ha colpito un commento su tutti: quello ove etichetta i suo lettori come delle “bestie” e, in particolare, tutti quelli che non la pensano come lui. Del resto, questo è l’andazzo italico. Un clima da caccia alle streghe. Il giorno dopo ha scritto un pezzo sul green pass un altro blogger juventino, quest’ultimo una colonna portante di VxL; Giovanni T. è stato più equilibrato (lui vuole fare il giornalista) - e non avevo dubbi conoscendo il soggetto in questione - del suo collega juventino; Giovanni alla fine ha lasciato aperta una porticina per il dialogo tra i vaccinati e i non vaccinati, dimostrando una grande apertura mentale. Ricordiamolo, stiamo parlando di un ragazzo che si è vaccinato. Tanto di cappello per Giovanni, anche se da un avvocato mi sarei aspetto qualcosa di più. Ma lui vuole fare il giornalista e quindi è giustificato.

In realtà, l’argomento principe non è più quello della vaccinazione. Ora è una questione di democrazia. Libertà di espressione. Ebbene, mi sembra giusto aggiungere una voce diversa (magari quella di un baritono) al coro di soprani e blogger juventini. Sempre e se, questa volta, mi pubblicano il pezzo…. (Mi sono fatto forza dalle dichiarazioni di Giovanni. Il ragazzo sostiene che tutti in questo blog possano esprimere, liberamente, il proprio pensiero. Quindi se 1+1=2, allora posso anche io? Staremo a vedere!);

Prima di tutto voglio rispondere a The RoS. Puoi cantare nel coro delle voci bianche quanto ti pare, ma lo puoi fare, soltanto, dall’alto della tua grande ignoranza. Con il green pass, attualmente, ti pulisci il sedere in quanto il primo tentativo di convertirlo in un Decreto di legge è fallito. Questo lo si apprende dalla Gazzetta Ufficiale numero 171 del 19 Luglio. In poche parole, cosa significa? Che nessuno può vietare nulla a chicchessia, le prescrizioni del green pass sono incostituzionali, almeno fino a questo momento. Personalmente confido nella Lega e in Fratelli d’Italia.
Detto questo, voglio sottoporre ai miei lettori la seguente riflessione. In Italia le morti correlate ai vaccini anti covid sono, soltanto, quattro su un totale di 32,4 milioni di dosi somministrate. E qui, per fortuna, i numeri sono molto limitati. Ma io non vorrei mai essere nei panni di quelle persone trapassate a miglior via. Gli effetti collaterali avversi sono invece 66.258. Tanti? Pochi o pochissimi? I cinici diranno: tutti i farmaci hanno degli effetti collaterali! Benissimo! Ma è una giustificazione plausibile? Non lo so perché, secondo me, dipende sempre da caso a caso. Ma lasciamo perdere. I numeri sono questi e non possiamo farci nulla. E io non voglio annoiarvi con i numeri e, soprattutto, non voglio entrare in merito a discussioni mediche, in quanto non sono né un medico né uno scienziato. Recentemente mi ha colpito un’intervista fatta al Dr. Massimo Citro (p.s. un dottore vero, non un influencer alla Burioni). Il dottore dichiara, apertamente: “Mi sono laureato con la lode in medicina, ma a quanto pare a parlare di vaccini sono, soltanto, i politici e le case farmaceutiche”.
Non prendiamoci in giro! Politica e interessi economici sono, da sempre, due aspetti strettamente collegati tra di loro. Non voglio insinuare nulla e quindi lascerò nuovamente stare.
L’intervista va avanti e il dottore spiega, senza giri di parole, che trattasi di una terapia genica e non di un vaccino vero e proprio. Ma questo è un piccolo dettaglio. Se avete tempo e voglia, l’intervista completa è sul web. Non vi saprei dire esattamente dove...
Ma lasciamo stare, passiamo avanti, perché entreremmo in una discussione complessa: quella sul pensiero univoco e la censura. Non essendo dei medici, non possiamo valutare le dichiarazioni del dr. Massimo Citro. Ci sono dei medici in questo blog? Mi ricorda i vecchi film, come l’aereo più pazzo del mondo.
Ora, bene, soffermiamoci sui fogli illustrativi dei farmaci. Su internet è possibile scaricare il foglio illustrativo per l’utilizzatore di Vaxzevria, vaccino anti-Covid-19.  Non ci stiamo inventando nulla di nuovo, vero ragazzi? I fogli illustrativi dei farmici non l’hanno redatti i no-vax. Almeno su questo aspetto troveremo un punto in comune tra vaccinati e non? Ho i miei dubbi.
Ebbene mi colpisce il punto 1. Cos’è Vaxzevria e a cosa serve. Ebbene il foglietto illustrativo dichiara quanto sta per seguire: Vaxzevria viene somministrato ad adulti di età pari e superiore a 18 anni.
In questa affermazione si riassume tutto il discorso relativo alla sperimentazione di questa terapia genica. Se non erro il green pass è applicabile da dodici anni in su. Non voglio aggiungere altro alla discussione perché sarebbe fazioso e stucchevole. Ognuno di voi si deve fare la propria idea. Per quanto mi riguarda, fortunatamente, non ho figli a seguito.  

E adesso vorrei sottoporvi altre riflessioni, ma questa volta lo vorrei fare a modo mio e cioè attraverso una lettura leggera e spero divertente.  
In Italia e nel resto del mondo non si parla più del covid-19. Ah, come sono felice! E voi lettori non potete, nemmeno, immaginare quanto, cavolo, io sono felice. E allora possiamo affermare di aver sconfitto, una volta per tutte e finalmente, quel maledetto figlio di Sars con quella grande testa a forma di corona? A quanto pare no, perché all’orizzonte è comparsa una nuova variante: la famigerata Epsilon. Come sono sfortunato! Ahh! Come mi sento sfortunato! Ma il corpicino questo virus non lo poteva avere a forma di pene come tutti i virus del mondo? No! No! Lui si doveva distinguersi da tutti gli altri colleghi virologi. E come no? Ecco il solito no-vax della porta usb accanto, espertissimo in taglia e incolla. A questo punto mi sento in obbligo di specificare quanto segue: per lo scrivente è una questione di vita e soprattutto di libertè, egalitè e fraternitè. Per chi non lo sapesse (i mass media italiani sono ormai monotematici e leggermente di parte): Milioni di francesi sono scesi in piazza per protestare contro il green pass obbligatorio. Notizia francobollata, come non importante, dai media italiani. E se non lo sottolineassi, con enfasi e convizione, mi sentirei ferito nell’orgoglio e nell’animo. Insomma mi sentirei una grande merdaccia. Ebbene, soltanto, adesso campane potete suonate a festa: Din! Don! Din! Don! Din! Don! Din! Don! Più forte, suonate sempre più forte ragazze perché vi devono sentire tutti. Solitamente, in una società moderna ed evoluta dovrebbe funzionare, pressappoco, in questo modo (la faccio alla spicciola per non farvi perdere del tempo prezioso). Le parole dette dovrebbero essere altrettanto importanti come i fatti compiuti. In genere dovrebbe essere più o meno così. Ma questo sembrerebbe non essere applicabile in Italia, ove ognuno dice la sua senza dare alcun peso alle parole. Magari queste persone pensano che tutti gli italiani siano una manica di imbecilli e rincoglioniti. In parte è vero, ma non sta a me sottolinearlo. Fino a questo punto è tutto nella norma a parte la mia grande simpatia. Ma la mia qualità, in realtà, è un modo infantile per sdrammatizzare la situazione attuale, perché sono oggettivamente incazzato nero. Quindi consapevole del peso delle parole e cosciente del fatto che voi non siate una manica di rincoglioniti, anzi tutt’altro, mi sento di affermare quanto segue: Il covid-19 fa parte del passato. Fine della storia!
Arse non ti arrabbiare, ma io ho una domanda da fare: quali sono le basi scientifiche del tuo fine ragionamento?
Che sia tutto finito lo dimostra il nome stesso del virus che non si chiamerebbe più Covid-19. Bensì - come è logico che sia - sarebbe passato ad altra revisione aggiornata: 20 e 21. Quindi avremmo a che fare con il covid-20 e il covid-21. E appare logico a tutti che non sia il nostro caso perché in tv si parla sempre di covid-19 e le sue varianti. Ehm, e i nomi hanno sempre ragione. Soprattutto, da quando esistono pure i cognomi sulla faccia della terra. Avete mai visto un uomo nascere con il nome di Matteo e poi cambiare con il nome di Enrico Berlinguer? Io mai! Di contro, ho visto tanti uomini incollati su una comoda poltrona di pelle. Sono le leggi spietate della sedentarietà. A proposito, adesso è sulla cresta dell’onda la famigerata e temutissima variante Gamma proveniente dall’India. Notizia dell’ultima ora: la variante Gamma è stata sostituita dalla variante Epsilon per fare un dispetto ad Arsenico17 che stava scrivendo un pezzo sul Covid-19. Ecco fatto, lo sapevo. La variante Epsilon mi ha bruciato il pezzo. Come sono sfortunato!!! Non mi va bene nulla di recente. E nuovamente entra in ballo la mia immensa simpatia per nascondere il mio attuale stato d’animo, solo leggermente, alterato dal corso infausto degli eventi.

Ah, come aveva ragione mio padre! Ah, come aveva ragione quel santo uomo. Nato a Cerignola il 17-10-1945. Un giorno sei sulla cresta dell’onda e l’altro sei una: pecora! pecora! pecora! Ma poco importa, andiamo avanti senza perderci nei meandri oscuri della ragione. Brum! Brum! Brum! Papà hai visto come vado veloce sulla mia nuova bicicletta? Brum! Brum! Brum! Attento sei con un ruota su un precipizio molto pericoloso, figlio mio!!!! Papà, sono caduto e mi sono sbucciato il ginocchio. Hai visto cosa t’avevo detto? Ho la bua! Mi fa tanto male il ginocchio. Così impari figlio mio e ricorda che sbagliando s’impara. Azzz!!! Ma non me lo potevi dire prima che c’era quel dirupo? No perché tu non avresti imparato niente. Come è umano lei signor papà!!

E dunque, signori e signore della rete USB, alla notizia dell’ennesima variante da gestire i sig.ri Borioni, Bassetti e Sileri (i miei miti attuali) sono andati in vacanza. Troppo stress accumulato in questi lunghi e duri mesi invernali. Voci, non ufficiose, mi hanno riferito che i tre uomini sulla cassa del morto abbiano prenotato su Booking un fantastico e luminosissimo bungalow in un villaggio turistico, top secret, tra Foggia a Mare e la piangente, in quanto salina, Margherita di Savoia. Lontano dagli occhi degli italiani e lontano dalla dichiarazione dei redditi? E no. Magari! Per quanto mi riguarda semplicemente e banalmente lontano dall’ISEE… Incredibile ma è tutto vero. Scoop! I più intelligenti del gruppo avranno notato una coincidenza, alquanto, sconvolgente per non dire bizzarra: i cognomi dei tre uomini terminano tutti con la terza vocale dell’alfabeto, la “i”. Wow. Non ci posso credere!!! E poi il numero tre non è anche il numero perfetto? Allora caro Arsenico hai avuto, sempre, ragione dalla notte del backup del Server! Affermativo signore perché in Italia chi ha in mano gli organi di stampa ha sempre ragione in quanto non ha nessun contradditorio. E non esistendo più l’Opposizione da una vita, gli organi di stampa sono di proprietà, esclusiva, di chi è al Governo. Ci mancherebbe pure il Premio Pulitzer! Vaccinato anche quello. Ah, che bei tempi quelli! Quando il creatore dell’universo scriveva sulle tavole sacre dell’IKEA!!! E con lui c’erano i vari Jeff Bezos, Bill Gates e George Soros. Tutto funzionava alla perfezione e il costo della vita era davvero molto basso. E allora le chiediamo scusa Dr. Arsenico17. La perdono perché cosa sarebbe un uomo senza un like? Nessuno!!! Nessuno. Non dovete ringraziare me, ma le case farmaceutiche. Diamo a i farmaci quello che è delle case farmaceutiche! Se non fosse stato per esse non avremmo avuto ben 4-5 vaccini, tutti sperimentali doc. E tutto questo senza nessun scopo di lucro. Ci mancherebbe pure altro! Il fine virtuoso è stato, esclusivamente, quello di tutelare la salute di milioni di persone nel mondo. Ma quanto siamo fortunati da uno a dieci rispetto ai nostri nonni? Loro avevano la prima e la seconda guerra mondiale. Tutte e due dichiarate ufficialmente. Che fortuna! Loro potevano divertirsi a giocare con le maschere antigas (quelle vere), le granate, i soldatini e i carri armati. Noi, invece, viviamo una sorta di terza guerra mondiale “ufficialmente” non dichiarata da nessuno. Ufficiosamente tutti contro tutti. Di conseguenza siamo costretti a giocare con le autocertificazioni del Governo Conte, i green pass del Governo Draghi, una mascherina di carta e l’amuchina sempre a portata di mano. Che tristezza infinita! E poi ci dicono che la tecnologia si sia evoluta negli ultimi vent’anni. E’ l’esatto contrario: l’uomo è passato dalle maschere antigas di ultima generazione alle mascherine chirurgiche stipate al posto dell’Abre Magique nelle automobili di milioni di italiani. A questo punto - se non ci sono domande che possibilmente non siano faziose - l’argomento è chiuso a doppia mandata. Ci sono domande non faziose? Il covid-19, fa parte del passato. Fine della storia! E tutto ciò lo dobbiamo al lavoro estenuante e meticoloso delle case farmaceutiche. Attività laboriosa e meticolosa che negli ultimi mesi ha raggiunto un livello tale di Know-how che di solito si raggiungeva in ben tre anni di ricerca scientifica. Vi rendete conto? Che risultato eccezionale! Come erano arretrati i farmacisti del passato? Primitivi! E vogliamo ricordare anche le guerre fatte dagli animalisti che si opponevano alla sperimentazione sugli animali? Oggi, ahimè, la sperimentazione scientifica viene fatta direttamente sugli uomini, gli animali sono sui mezzi pubblici senza la museruola e in Europa si viaggia prevalentemente via mare…..senza il passaporto e il permesso di soggiorno.

Adesso ho finalmente una bella domanda: E il virus dell'influenza, il virus della parainfluenza, l'adenovirus, il virus respiratorio sinciziale, l'adenovirus e il virus varicella-zoster dove li mettiamo? E io non rispondo a questa tua osservazione in quanto la ritengo leggermente faziosa e tendenziosa. Mi rovinerebbe il pezzo e quindi io non ti rispondo.

Ahhh! Come sono lontani i tempi bui delle chiamate con il numero anonimo! Personalmente lo ritengo uno dei problemi più sottovalutati nella storia recente dell’umanità. Tempi bui quelli, altro che questi. Oh! Oh! Oh! (Colpo di tosse che indica infinita saggezza); Noi della generazione degli anni Ottanta ne sappiamo qualcosa. Altro che covid-19 e le sue varianti. Quella macchina infernale - il cellulare, quello che poi si sarebbe trasformato in una variante terrificante e super tecnologica: lo smartphone di ultima generazione - la dovevi tenere sempre a portata di mano. Non sia mai il contrario!! Vade retro-macchina del demonio piena di transistor!!! Ma chi mi avrà chiamato? Eh, e se è la tipa che ho conosciuto l’altra sera? Mamma mia quanto è gnocca quella! E così via fino alla sera inoltrata a rimuginare su quella maledetta chiamata anonima. Perché non mi richiami? Perchèèèèèè? Percuotendone il tasto verde della chiamata fino all’alba con il dito medio. Ma ritorniamo al presente, anche se mi è davvero tanto difficile cambiare discorso. Preferirei divagare e ricordare gli anni 90 e quelli 2000.

Ascoltate un fesso: La Pandemia è soltanto un vago ricordo di un lontano passato.
Difatti più del 40% della popolazione italica è stata vaccinata. Sono numeri importanti questi sopracitati. Vedi i risultati “eccellenti” raggiunti in Inghilterra. E non sto parlando di calcio. L’unica manifestazione sociale che riesce a portare in piazza gli italiani. Gli possono togliete la libertà, ma non togliete agli italiani un bel pallone da calcio. "Governare gli italiani non è difficile, è inutile."
Inoltre, le regioni più virtuose, in ambito vaccinazione, tra qualche giorno raggiungeranno quota 70%. Percentuale che significa: immunità di gregge. Ricordate il giochino dei nomi? Beh, lo dice la parola stessa: “immunità”. Quindi “teoricamente” tutti gli abitanti della Lombardia saranno immuni al covid-19. Così come ci hanno spiegato le case farmaceutiche e i loro rappresentati ufficiali e non. Sarà immune la Regione che all’inizio della pandemia proponeva una cura di eccellenza mondiale ai propri residenti: la tachipirina per contrastare un’infezione respiratoria, molto grave, dell’apparato respiratorio. Vietava ai medici di base di visitare i pazienti fisicamente, ma soltanto con consulto telefonico. E, infine, di supporto aveva messo a sistema una serie di slogan di incoraggiamento per la popolazione: Milano non si ferma! Mamma mia, se ci penso oggi con il senno del poi. Quale colpa aveva il nostro Presidente della Regione se nessuno del Governo aveva aggiornato un Piano Pandemico che ormai era datato da quasi 20 anni? E infatti sembrerebbe, oggi, più facile fare un vaccino che revisionare un Piano Pandemico. Forse perché i soldi creano la motivazione giusta?
Papà tra qualche giorno farò parte di un grande e immenso “gregge” che finalmente è stato immunizzato da un virus superato e ormai variato in qualcosa d’altro…la fatidica variante…. Come sono fortunato!!!! Come sono fortunato!!!! Cosa potremmo volere di più dalla vita?

E adesso che abbiamo scherzato, passiamo agli argomenti seri. Però, prima debbo confidarvi un piccolo segreto. Faccio parte di quei 17 milioni di italiani che non si sono ancora vaccinati. Mi danno la caccia manco fossi Matteo Messina Denaro. Che tra l’altro risulta ancora tra i latitanti più pericolosi e ricercati al mondo.
E io oggi mi sento braccato più che mai. Mi prenderanno?
Insomma, in Italia c’è un bel clima da caccia alle streghe. E, onestamente, non vedo l’ora che al centro dell’attenzione ritornino gli sbarchi degli extracomunitari. "A difesa dei confini nazionali!". Ah, come era bello sentire quelle sante parole. #MatteosubitoPresidentedellaRepubblicaItaliana. Ci facevano sentire tutti dei gran signori, dal nord al sud. E purtroppo oggi, a causa del covid-19, abbiamo perso il riferimento verso il basso. Siamo tutti uguali!!

E allora è giusto il green pass obbligatorio per tutta la popolazione? Non lo chiedete a me, ma lasciamo parlare gli esperti:
Non si vaccina mai durante una pandemia”, così dichiara l’infettivologo Garavelli. Chi è costui? Medico primario di Malattie Infettive all’ospedale universitario “Maggiore della Carità” di Novara e insignito dell’onorificenza del Cavalierato dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
Montagnier: Vaccinazione di massa causa varianti! Chi è costui? E’ un medico, biologo e virologo francese Presidente della Fondazione Mondiale per la ricerca e prevenzione dell’AIDS. Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore nel 1984. Premio Nobel per la medicina 2008 per aver scoperto il virus dell'HIV assieme a Françoise Barré-Sinoussi.
Il dott. Robert Malone ha dichiaro che i vaccini anti COVID sono prodotti sperimentali. E ha aggiunto: Per questo la gente comune deve essere pienamente informata dei rischi legati agli effetti collaterali, cosa che a questo momento non sembra avvenire. Chi è costui? E’ uno degli inventori della tecnologia dei vaccini a mRNA (e a DNA).

E infine, per non farci mancare nulla in Italia, APPLET segnala a AGCOM la mancata diffusione stampa di una risoluzione importante come quella adottata dal Consiglio D’Europa sulla non obbligatorietà dei vaccini.

E tra i punti più importanti della risoluzione:

  • Garantire che i cittadini siano informati che la vaccinazione non è obbligatoria e che nessuno è sottoposto a pressioni politiche, sociali o di altro tipo per essere vaccinato se non lo desidera;
  • Garantire che nessuno sia discriminato per non essere stato vaccinato, a causa di possibili rischi per la salute o per non voler essere vaccinato.

E per finire una notizia che come al solito non è stata battuta dagli organi di stampa….
Il green pass non è stato convertito in un Decreto di legge. Questo lo si apprende dalla Gazzetta Ufficiale numero 171 del 19 Luglio.

E che l’auuuuu sia sempre con voi…..mie prodi cavalieri………….
perchè fino a quando c’è la censura c’è Speranza….Roberto….

 

Arsenico17