Il Manchester United, la squadra dei diavoli rossi, è probabilmente il club più glorioso d'Inghilterra. Club però che negli ultimi sei anni, da quando quel genio del calcio di Sir Alex Ferguson ha lasciato la sua storica panchina dopo ventisette anni di successi, attraversa un periodo buio nel quale è stato scavalcato nelle gerarchie della Premier da diverse altre squadre. Non ci sono riusciti due fuoriclasse della panchina come Louis van Gaal e José Mourinho a rialzare la squadra, non ci sono riusciti neppure i tanti giocatori acquistati spendendo vagonate di milioni, e difficilmente sarà possibile tornare ai fasti d'un tempo se la mentalità societaria continuerà ad essere quella attuale. Questo è il progetto di calciomercato che io, se fossi a capo dell'area sportiva dei Red Devilds, attuerei all'obiettivo di riportare la squadra mancuniana sul tetto d'Inghilterra prima, e d'Europa poi.

Partiamo dall'allenatore: in una squadra diretta da uno che vede il calcio come lo vedo io, non ci sarebbe mai posto per un allenatore che nella sua carriera non ha dimostrato tramite la gavetta di avere le capacità caratteriali e di pensiero tattico necessarie a guidare un top-club europeo come lo United; pertanto nel mio Manchester, per Ole-Gunnar SOLSKJAER sarebbe disponibile solo un ruolo di secondo piano nello staff tecnico, è impensabile affidare a lui il nuovo ciclo vincente e ci sono gli ultimi mesi di campionato a dimostrarlo, se non fosse d'accordo con tale scelta, che si dimetta pure. Il nome su cui punterei sarebbe Mauricio POCHETTINO: uno che in cinque anni di lavoro al Tottenham è riuscito a portare il club londinese dall'essere considerato una discreta squadra di medio-alto livello in Premier League, all'essere annoverato tra i club più forti e fiorenti a livello continentale. Secondo diverse indiscrezioni sarebbe in procinto di lasciare il Tottenham dopo la finale di Champions, e lo considero il profilo giusto per riportare il Manchester United ai livelli che gli competevano fino ad un lustro fa. Lo preferirei a Conte poiché già con Mourinho si è visto che nella sponda rossa di Manchester gli allenatori caratterizzati da una forte personalità e che mirano a vincere le partite più in fisicità che sul piano tattico, non funzionano granché; Pochettino è molto più tranquillo, pacato e calcolatore, maggiormente simile a ciò che era Alex Ferguson.

Ora valutiamo le cessioni. Cederei tutti quei giocatori che non considero adeguati a basare su di loro un progetto di squadra vincente a lungo termine. Venderei:

  • Paul POGBA per 130 mln: il Real Madrid non avrebbe problemi a prelevarlo per tale cifra, e io non mi opporrei ad una sua cessione. In tre anni a Manchester, ha dimostrato di essere un giocatore dalle grandi qualità, ma tutt'altro che affidabile nelle situazioni che davvero contavano.
  • Romelu LUKAKU per 75 mln: giocatore piuttosto sopravvalutato per il quale dire che in due anni ha deluso le aspettative è poco. Allo United è del tutto fuori luogo e spaesato e non sarebbe difficile trovare acquirenti per lui.
  • Alexis SANCHEZ per 30 mln: giocatore abbastanza arrivato che rispecchia il totale contrario dei requisiti che valuterei per i calciatori sui quali puntare.
  • Juan MATA per 20 mln: stesso discorso fatto per Sanchez.
  • Chris SMALLING per 15 mln: idem anche per lui.
  • Matteo DARMIAN per 10 mln: non ho mai neanche capito perché un giocatore tanto mediocre giochi in un top-club come il Manchester United.
  • Marcos ROJO per 10 mln: stesso discorso fatto per Darmian.
  • Diogo DALOT lo cederei in prestito per una stagione al fine di fargli accumulare esperienza: pare veramente troppo acerbo per rappresentare un valore aggiunto in un campionato come quello inglese.
  • Infine è importante sottolineare che due giocatori fondamentali come Ander HERRERA e David DE GEA lasceranno a parametro 0.

Il totale capitalizzato con le cessioni ammonterebbe alla straordinaria cifra di 290 milioni, e considerando le immense capacità economiche della proprietà statunitense dei Red Devilds, direi che si potrebbe tranquillamente contare su un impressionante budget di 350 milioni. Somma con la quale intraprenderei una sorta di rivoluzione nella rosa, acquistando: 

  • Gianluigi BUFFON a parametro 0: le ultime voci danno come molto probabile un suo mancato rinnovo con il PSG, ma tuttavia sembra che il leggendario estremo difensore italiano non abbia ancora intenzione di smettere; per come la vedo io, lo considero ancora un grandissimo portiere e allora ecco che andrei a prenderlo affidando (per la prima stagione, da quella dopo è ovvio sarebbe necessario investire su un altro profilo più giovane) ad un leader nato come lui la difesa della porta del Manchester United. Poi ho sempre pensato che, per il suo stile, sarebbe perfetto in Inghilterra.
  • Kalidou KOULIBALY per 100 mln: per una tale cifra nemmeno quel super taccagno di De Laurentiis sarebbe in posizione di rifiutare, cento milioni per un difensore centrale sono qualcosa che non capita tutti i giorni.
  • Kostantinos MANOLAS per 36 mln: fisico possente e velocità, le caratteristiche perfette per sfondare in Premier, e quando un difensore fortissimo come Manolas ha una clausola tanto bassa e c'è bisogno proprio di un giocatore in quel ruolo, sarebbe da incompetenti non sfruttare l'occasione. Con Koulibaly si andrebbe a comporre un muro difensivo, sulla carta, insuperabile.
  • Aaron WAN-BISSAKA per 40 mln: giovane terzino destro ventiduenne del Crystal Palace, è il classico esterno che quando parte palla al piede sulla fascia è così incontenibile che pare un treno in corsa, a vederlo giocare si capisce immediatamente che ha le qualità per diventare un crack.
  • Thiago ALCANTARA per 80 mln: mezzala o trequartista dotato di qualità e fantasia non comuni, sarebbe la mente pensante del centrocampo di Pochettino. Dopo tanti anni al Bayern, penso sarebbe disposto a partire, e per ottanta milioni credo anche la società bavarese sarebbe d'accordo.
  • Ivan RAKITIC per 45 mln: il Barcellona lo ha messo sul mercato e, dopo l'arrivo di Frankie De Jong dall'Ajax, il croato rischia fortemente di vedersi scavalcato nelle gerarchie e relegato a panchinaro per tutta la prossima stagione; per tale motivo convincerlo ad accettare il progetto del Manchester United non sarebbe complicato.
  • Joao FELIX per 120 mln: basta vedere una partita di questo giocatore per capire che possiede gli attributi per diventare uno dei migliori calciatori al mondo per i prossimi quindici anni, quando prende palla ricorda il primo Cristiano Ronaldo, è un colpo da fare assolutamente.

In totale per la campagna acquisti si spenderebbero circa 420 milioni. Tuttavia non sarei preoccupato, lo United è una delle società calcistiche più ricche al mondo, seconda solo all'altra squadra di Manchester, il City, ed al Paris SG, e per di più è una squadra inglese e chiunque abbia un poco di familiarità con le questioni di calcio al di fuori del campo è pienamente consapevole delle vagonate di milioni che incassano ogni anno le squadre inglesi da sponsor vari e diritti televisivi.

In conclusione, seguendo il progetto di calciomercato appena esposto, la squadra ipoteticamente titolare con la quale il Manchester United scenderebbe in campo sarebbe: 4-3-1-2 con Buffon (Romero)_ Wan-Bissaka (A. Valencia) - Manolas (Bailly) - Koulibaly (Lindelof) - Shaw (Young) _ Rakitic (Lingard) - Matic (McTominay) - T. Alcantara (A. Pereira) _ J. Felix (Fred) _ Rashford - Martial _ allenatore Mauricio Pochettino. Questa squadra, da notare come disponga anche di una panchina di tutto rispetto la quale permetterebbe di affrontare al meglio le circa sessanta partite stagionali che saranno in programma, è completa e dotata di grandissima qualità in ogni reparto, oltre che essere composta sia da giocatori giovani e dal grandissimo potenziale, sia da player di grande esperienza internazionale. Vincere la Premier League nel giro di due stagioni con questa squadra non sarebbe un'impresa poi tanto complicata.

Commentate scrivendo cosa ne pensate e, in caso, voi cosa cambiereste.