In questo articolo nel quale non mi dilungherò più di tanto voglio trattare di un giocatore, che a mio avviso il Milan dovrebbe fare di tutto per acquistare. Costui è Stanislav Lobotka del Celta Vigo.

Slovacco, classe 1994, 170 centimetri di altezza e con un passato in Danimarca, oltre che in patria, prima di arrivare nel 2017 nella Liga spagnola. Parliamo di un regista di qualità, il quale predilige giocare in posizione di mediano all'interno di un classico centrocampo a tre componenti, ma che può con facilità anche andattarsi a giocare mezzala o in una linea di mezzo a due. Quando dico che si tratta di un giocatore di qualità, non lo dico banalmente come se fosse un luogo comune che viene usato un po' per tutti quei giocatori che mostrano una sufficiente dimistichezza col pallone, intendo che questo piccolo centrocampista è veramente uno che con la palla tra i piedi sà sempre quello che deve fare scegliendo l'opzione giusta ed il più delle volte vincente. Il suo baricentro molto basso fa sì che portargli via la palla quando ne è in possesso sia un'impresa quasi impossibile, è un evento vedergli sbagliare, che esso sia corto o lungo, un passaggio verso un compagno, quando è chiamato in causa pare avere gli occhi dietro la schiena denotando una impressionante visione di gioco ed inoltre è ottimale anche il suo lavoro in fase di non possesso giacché è un buonissimo recuperatore di palloni. Non vorrei fare paragoni troppo scomodi o che qualcuno potrebbe considerare addirittura "blasfemi", ma a vederlo giocare ricorda molto Luka Modric, non a caso è visto da molti come suo possibile erede.

E voi vi chiederete ora "ma come può arrivare al Milan, il Celta Vigo chiederà una cifra assai elevata...", beh, non posso che darvi ragione, ma c'è una cosa importante da considerare: il buon club iberico è, a detta di insistenti voci degli ultimi giorni ed a conferma anche delle parole del loro DS, molto interessato ad un nostro giocatore che da noi è null'altro che un esubero, il quale ha dimostrato di non essere adatto a giocare nel Milan e da cui c'è liberarsi al più prestoparlo di Samu Castillejo. L'operazione perfetta in tal senso è facile da pensare e, se vogliamo dirla tutta, neanche troppo complicata da attuare: intavolare uno scambio di prestiti annuali con obbligo di riscatto con il Milan che pagherebbe per la stagione appena iniziata parte dell'ingaggio di Castillejo, considerando che il Celta si è pubblicamente lamentato dell'eccessivo costo dello stipendio del giocatore, con Stan Lobotka che compirebbe il percorso inverso arrivando a vestire la maglia del Milan in cambio appunto di Castillejo al Celta Vigo con l'aggiunta di un conguaglio agli spagnoli che verrebbe pagato il prossimo 30 Giugno pari a 20-25 milioni di euro. Per come la vedo io la trattativa andrebbe in porto e dopodiché al Milan non resterebbe che sistemare Lucas Biglia, giocatore abbastanza arrivato e dall'ingaggio troppo ingombrante per quello che è il suo valore, al fine di non sovraffollare il centrocampo, cessione che secondo me non sarebbe poi troppo complicata.

Prima ho detto che non voglio fare paragoni scomodi e in tutta sincerità ad oggi descriverlo come uno che sicuramente arriverà ai livelli di Modric è eccessivo, ma vi assicuro che parliamo di un giocatore non comune e che al Milan prenderebbe immediatamente e alla grande in mano il timone della manovra. Io l'ho seguito per gran parte della passata stagione e sono sempre rimasto impressionato dalla sua capacità di sbagliare letteralmente mai nulla, per farvi un'idea sommaria di che tipo di giocatore sia vi basta guardare il video che ho inserito qui sotto. Tuttavia se dovessi proprio indicare un giocatore noto a tutti di modo da far capire all'istante Stan Lobotka, direi che è l'esatta copia di Marco Verratti con l'aggiunta di un poco di N'golo Kanté, e solo con questo penso di aver già detto tutto. 

Ovviamente questo articolo mai arriverà agli occhi di Paolo Maldini, ma se dovesse accadere sarebbe davvero opportuno che cercasse almeno di capire la fattibilità reale del trasferimento appena discusso, fattibilità che a mio avviso esiste pienamente e che permetterebbe di portare al Milan un regista nel pieno della sua carriera che possiede tutti gli attributi per diventare un vero ed autentico fuoriclasse.