Ascoli Benevento 2-4 
Al Del Duca Sau sfrutta una sponda di testa di Improta, per il suo tredicesimo goal stagionale. Spunta Barba in area che con un colpo di testa raccoglie un traversone sempre di Improta e porta le streghe sullo 0-2. Ascoli alle corde ed Insigne ne approfitta per la terza marcatura, su un invitante assist del ex attaccante Cagliari. Accorcia le distanze Morosini, tra le contestazioni dei tifosi di casa fuori dallo stadio. Moncini prima e Trotta dopo fissano il risultato sul 2-4, che comunque salva i marchigiani dalla lega pro.

Chievo Pescara 1-0
In un Chievo Pescara a maglie invertite gialle per gli abruzzesi e blu per i clivensi, Garritano manda gli Adriatici all’inferno a due minuti dalla fine. Gli uomini di Aglietti disputeranno i play off contro l’Empoli mentre i biancazzurri condannati ad affrontare il Perugia ai play out. Aspettando la sentenza della Lega sul caso Trapani che la potrebbero vedere anche retrocessa, se verrà restituito un punto ai siciliani.

Cosenza Juve Stabia 3-1
Sciaudone raccoglie una spizzata in area di Anibal e con un destro al volo infila Provedel.Non si ferma il Cosenza che su rigore di Reviere porta a due le marcature per i calabresi. Provano a reagire le vespe ma la traversa ferma l’attaccante Forte. E’ solo il preludio al goal. Qualche minuto dopo Tonucciaccorcia le distanze su tocco da calcio d’angolo con errore di Saracco. Dopo un vano assalto dei gialloneri la chiude Reviere al tredicesimo centro. Al novantesimo festa al Gigi Marulla per una salvezza conquistata che sa di miracolo per la compagine di Occhiuzzi e lacrime a bordo campo per i retrocessi stabiesi.

Cremonese Pordenone 2-2
Da un atterramento di Ciurria in area scaturisce il rigore di Tremolada che porta in vantaggio i ramarri. Pareggio immediato del gioiellino partenopeo Gaetano con una perfetta pennellata dal limite del area. Burrai subentrato nel secondo tempo, al primo pallone toccato riporta in vantaggio gli ospiti con un tiro da fuori area. È ancora Gaetano con un bel piazzato a riportare in parità il match. Con il Pordenone che parte quarto nella griglia promozione.

Entella Cittadella 2-3
Botta e risposta in due minuti. Ospiti in vantaggio con Panico che approfitta di uno svarione difensivo della difesa biancazzurra e batte a rete con un diagonale all’angolino. Sul capovolgimento di fronte un cross in area di Schenetti viene deviato di testa da Rizzo per il più classico degli autogol. Raddoppio degli uomini di Venturato ancora di Panico, con una botta di prima intenzione da fuori area. De Luca riacciuffa il pari allo scadere del primo tempo approfittando di una errata smanacciata di Maniero, scatenando tutta la sua tensione con un pianto liberatorio per un goal che mancava da un girone. L’ultimo lo aveva realizzato proprio ai veneti nella partita di andata. A dieci minuti dalla fine Maniero para un rigore a Schenetti ed è poi bravo a metterci il piede sulla ribattuta di Morra. Ma allo scadere Stanco fissa il risultato sul 2-3 per gli ospiti e quinto posto per il Cittadella, che dovrà vedersela con il Frosinone per realizzare il sogno promozione.

Frosinone Pisa 1-1
Il solito Marconi stacca sul secondo palo su assist di Siega e gela la squadra di casa. Ma al settantesimo un intervento in area di Masucci ai danni di Rohdén permette a Ciano di pareggiare dagli 11 metri e portare i laziali ai play off con i nerazzurri fuori causa per la classifica avulsa che la vede perdente con Empoli e appunto Frosinone.

Livorno Empoli 0-2
Il derby toscano lo sblocca Antonelli allo scadere del primo tempo su assist di Henderson. La Mantia con uno stop e tiro in area labronica raddoppia per l’Empoli, permettendo loro di salire sul ultimo treno per la serie A.

Salernitana Spezia 1-2 
Vivace la Salernitana con Gondo, particolarmente ispirato che al trentunesimo porta in vantaggio i campani con un diagonale secco all’angolino. Sul finale di recupero del primo tempo Mora la pareggia al secondo goal stagionale, con deviazione sfortunata di Ciccarelli. Con la squadra di casa rimasta in dieci per l’espulsione di Maisto, Nzola la chiude al novantesimo classificando le aquile al terzo posto ed ennesimo fallimento di Ventura.

Trapani Crotone 2-0
Uno due del Trapani firmato da Taugourdeausu punizione deviata da Barberis ad ingannare Festa e Dalmonte con un diagonale in area. In attesa del verdetto penalizzazione per gli stipendi non pagati a gennaio, la banda di Castori spera nei play out.

Venezia Perugia 3-1
Clima infuocato a Venezia per un rigore prima assegnato e poi giustamente annullato agli umbri. Clamoroso palo di Longo per i lagunari a dieci minuti dal rientro negli spogliatoi. Non perdona invece Aramu con un penalty teso e centrale per la gioia degli arancioverdi. Notte fonda per gli uomini di Oddo quando ancora Aramu porta a due le sue marcature e quelle del Venezia. Il tris con sinistro a rientrare di Capello, sveglia però il Perugia che sigla il 3-1 con Sgarbi, ma il risultato rimane inchiodato a favore dei ragazzi di Dionisi. Per gli umbri l’unico sorriso arriva dal goal di Garritano al Bentegodi che la portano agli spareggi salvezza.