Il futuro dell'Inter sarebbe Martinez. A questo punto parlare in condizionale è d'obbligo. Perchè c'è qualcosa all'orizzonte che potrebbe essere veramente di esplosivo. Una bomba alla Mosca. La coppia LULA salterebbe, è vero, ma potrebbe crearsi un tridente da paura. Si dice che la Juve sia interessata a Suarez. Suarez grande amico di Messi, che giocherebbe insieme al grande rivale di Messi? Tutto può essere nel calcio. Quando il Barcellona ha scaricato Suarez, lì si è sfasciato tutto. È stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Alla grande. E si sogna alla grande. Suarez e Messi insieme, di nuovo. E a Milano. All'Inter. Per sfidare la Juve di CR7, per giocare in un campionato che simile a quello spagnolo a livello di ambientazione, e soprattutto per vincere. Non solo Messi, ma anche Suarez, insieme, all'Inter. Per molti una cosa del genere sarebbe fantascientifica, ma qui di mezzo ci sono anche questioni di immagine, politiche, di scontri tra gruppi economici importanti e la Cina potrebbe fare un colpo vitale madornale portando Messi all'Inter che potrebbe essere agevolato con l'arrivo di Suarez. Ma un prezzo da pagare ci sarebbe. E si chiama Martinez. Ma i benefici che per un paio d'anni avrebbe l'Inter sarebbero immensi. Ci sarebbe il tempo di andare alla ricerca di un nuovo talento su cui investire, anche con l'aiuto di Messi, che sicuramente favorirebbe come una calamita l'attrazione in casa in Inter di diversi giovani e talenti. L'Inter potrebbe diventare il nuovo Barcellona in quella sfida che vede la Juventus il Real Madrid italiano.
 
Per superare le rivali spagnole si è dovuto prendere i pezzi, pregiati, anzi pregiatissimi, di casa loro. Pezzi oramai incompatibili con Madrid, come Ronaldo, o Barcellona, come Messi o Suarez o Vidal.
 
E comunque il solo fatto che una società italiana possa essere in corsa per Messi è in motivo di vanto importante per il nostro calcio che finalmente può permettersi di avere pezzi da '90. Dieci anni fa circa pensare Messi o Ronaldo nella nostra SerieA sarebbe stato impossibile, oggi è la realtà, una splendida realtà. Certo, si tratta di giocatori che vanno verso la fine della loro carriera, ma si tratta di mostri epocali del calcio ed averli in SerieA sarebbe un qualcosa di fondamentale. Non siamo come il campionato americano dove si riciclano per giocare tra amici a colpi di miliardi alcuni giocatori, siamo un campionato che ha bisogno di rilanciarsi e per rilanciarsi ha necessità di avere anche dei grandi campioni che possono dare ancora tanto al nostro calcio.  Forse è stata messa troppa carne al fuoco, forse alla fine gli interisti rimarranno solo con la stecca dello spiedino e a stomaco vuoto, ma il gioco è appena iniziato e son certo che il popolo interista non passerà ora senza che vada a cercare notizie su Messi e il suo amico, Suarez. La pulce, il pistolero e il gigante. Vi immaginate che Inter sarebbe?