Oramai nei campionati di massima serie esistono tre diverse competizioni, guardando ai principali o più noti tornei, quali la Premier, la Bundesliga, la Ligue 1 e la Liga e la Serie A, anche se a detta di molti è oramai da considerare come campionato di seconda fascia.
Vi è la competizione per il record per chi è in testa che corre per il conseguimento dei propri primati personali, lasciando alle proprie spalle il vuoto, come accade per il PSG, il Manchester City, il Barcellona, per il Bayern Monaco e per il duetto Napoli/ Juventus, unica anomalia nei campionati più noti a livello europeo. 
Poi vi è quella che per molti è la vera competizione, cioè la lotta per il piazzamento Champions, con l'accontentino della coppetta Europa League, e poi la competizione delle provinciali, come si è sempre detto, che vede interessare e coinvolgere sempre un numero maggiore di squadre, quella per non retrocedere.

A quanto pare non è un problema solo della Serie A il livellamento verso il basso, ma anche di altri campionati europei, perché se in Premier hai un pacchetto di 8 squadre su 20 che lottano per non retrocedere, l'ultima è il W.B. Albion con 20 punti, in Bundesliga sono 6, in un campionato a 18 squadre con il Colonia ultima a 17 punti, in Ligue 1 su 20 squadre sono 6, ultima il Metz con 19 punti, ed in Serie A sono 7 squadre, con il primato negativo europeo del Benevento a 10 punti, al Chievo fino 25 punti, significa che qualcosa non va.
Unica eccezione al momento è la Liga, l'ultima squadra ha 13 punti, il Malaga, e quelle che se la giocano per non retrocedere al momento sono solo quattro squadre.