Con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l'intelligenza che si vincono i campionati.”

Lo sostiene Air JORDAN, uno dei più grandi cestisti della storia del basket mondiale.

La storia del calcio offre un piatto ricco di calciatori dotati di grande ingegno e spirito di gruppo. Tra questi c’è pure l’ex terzino sinistro della Juventus, Gianluca Pessotto. Basta leggere il ricco palmares del calciatore friulano per capire che l’affermazione di Michael Jordan è assolutamente vera. Fanculo al talento e a Madre Natura. Fanculo ai lacchè, ai saltimbanchi e a tutti quelli che ci ricordano, da quando eravamo piccoli bozzoli sull’astronave madre: “Non ce la puoi fare!”.
Io ce la posso fare, anzi ce la farò….e ti dimostrerò che ce la farò.

Meglio essere orfani a questo punto - bastardelli dentro come filosofia di vita, ripudiando il sentimento più viscerare e puro di tutti: l’amore di un figlio per colei che ci ha portato per nove mesi in grembo - piuttosto che chinare il capo dinnanzi alle regole assurde, spesso ingiuste, del destino. Fanculo, pure, al destino avverso! Fanculo a chi sostiene, con convinzione, che il brutto anatroccolo rimarrà tale per tutta la sua vita bestiale. Costui, maledetto, fatemelo conoscere perché gli voglio parlare; Gli metterò - sono incazzato nero con l’uomo senza il volto - le mani addosso quando lo vedo. Datemi almeno una possibilità di contradditorio, vi prego, non chiedo tanto alla mia vita; non credi? Lo si fa anche per un condannato a morte. Non voglio vivere la vita con una pena ingiusta da scontare.
Perché alla fine il destino può essere riscritto da chiunque, seppure a fatica, uomo o donna. Sì, ne sono assolutamente convinto. Chiunque abbia un po' di spirito di volontà e amor proprio; colpo su colpo, sfinito dalla fatica, all’estremo delle forze, soddisfatto dagli obiettivi raggiunti, deluso dai possibili fallimenti, angosciato dal peso enorme delle proprie e altrui colpe. Finché c’è vita, c’è speranza di superare i propri limiti e in questo caso - l’epopea calcistica di Gianluca Pessotto è un esempio in tal senso - non è una frase fatta, ma è semplicemente realtà. Una realtà netta, schiacciante, che molti di voi faranno fatica a comprendere tra queste righe perse di un blogger senza arte né parte. Perché è naturale, persino umano, vivere con il freno a mano tirato, come unica ragione di vita, per non pensare alla pochezza dell’esistenza umana dinnanzi alla sconfinata grandezza del cielo e le sue stelle luminose, lontane e accecanti come i sogni.   

Nella bacheca di Pessotto c’è un po' di tutto e di più: un bottino di inestimabile valore da nascondere sotto il miglior albero del giardino dei ciliegi e coltivato con amore dentro ciascuno di noi.
Un campionato di Serie C2 vinto con il Varese nella stagione 1989-1990, quattro Campionati di serie A, quattro Supercoppe italiane, una UEFA Champions League, una Coppa Intercontinentale, una Supercoppa UEFA e una Coppa Intertoto UEFA.
Dodici trofei conquistati con la gloriosa maglia della Juventus cucita, dal miglior sarto sulla piazza, sulla seconda pelle di un calciatore. La mitica casacca a strisce bianche e nere - quella di Boniperti e Omar Sivori tra i tanti campionissimi juventini - che soltanto pochi anni addietro era stata indossata da Gaetano Scirea, Paolo Rossi, Marco Tardelli e Michel Platini. Uomini della provvidenza, bastoni della vecchiaia, fari abbaglianti nel cammino buio della Vecchia Signora.
Perché - mi pare scontato - quando la storia è stata scritta con pagine memorabili della memoria difficili da dimenticare anche per l’uomo meno nostalgico esistente sulla faccia della terra, sarà difficile per chiunque giocare a calcio con quella maglietta cucita a fuoco sulla pelle.  
Chi veste la maglia della Juventus diventa juventino dentro finché morte non lo separerà da quel feticcio materiale.
Pessotto porterà sulla sua schiena, curvata dalla fatica che non è mai sprecata per un terzino sinistro, la maglia pesante di un certo Antonio Cabrini, campione del mondo ’82 e uno dei terzini italiani più forti di tutti i tempi.  

La vita è dura per un calciatore della Juventus. Diciamo la verità, mettendo la faziosità del tifoso in un angolo. Da parte, come essa meriterebbe sempre nello sport. Perché una lunga storia di successo peserà sempre, e per sempre, sulle gambe e nella psiche di un calciatore bianconero. Perché nel DNA della Juventus c’è la vittoria come unica ragione di vita. Vittoria o morte, tutto il resto non conterà un cazzo perché la Juventus ha sposato, a pieno, l’antica teoria dell’evoluzione dei club vincenti di calcio. Vi dirò di più, già, si racconta che lo stesso Darwin fosse uno juventino sfegatato, ancor prima che il calcio fosse inventato - sembrerebbe - dai cinesi durante l'XI secolo avanti Cristo.
Perché nello sport nessuno ti regala niente. Perché i bla, bla, bla nel mondo del calcio, come nella vita, contano come uno zero a zero, senza emozioni, tra la prima in classifica e l’ultima. Odio i Bla, bla, bla che renderanno la vita di un pover uomo fin troppo ridondante da essere, pure, raccontata dall’umile scrivente. Peggio, se vissuta come attore protagonista pagante.  
Eppure, c’è qualcosa che non tornerà nella storia di Gianluca Pessotto nonostante il grande successo ottenuto durante la sua lunga carriera agonistica. Ma ci ritorneremo più avanti.

Protagonista assoluto nella finale della Champions League 1995-1996 vinta 4-2 ai rigori contro l’Ajax. Gianluca Pessotto è il titolare inamovibile di una delle squadre più forti della rosa bianconera. 
Di seguito, la formazione titolare di Champions; serata durante la quale Gianluca Pessotto e i suoi compagni - con allenatore Mr. Lippi -  hanno fatto la storia del calcio italiano e mondiale.
Peruzzi, Ferrara, Pessotto, Torricelli, Vierchowod, Paulo Sousa, Deschamps, Conte, Vialli, Del Piero, Ravanelli.

Pessotto è un terzino affidabile, molto duttile e capace di giocare su entrambe le fasce di gioco. Dotato di un piede destro educato, ben undici reti siglate in carriera. Fisico compatto per un’altezza di 1,73 cm, agile ed esplosivo, abile nel cross, veloce nel breve e nel lungo. Insomma, il prototipo perfetto del terzino sinistro della vecchia scuola italiana. Quella che sfornava, a regola d’arte, un terzino sinistro uno dietro l’altro. Da Facchetti a Cabrini, da Nela a Maldini fino ad arrivare a Pessotto; Colui da prendere ad esempio tra i campetti di periferia dove l’erba si fa spazio a fatica tra le crepe dell’asfalto e da quel terreno arido come il Deserto del Sahara. Un esempio da importare nelle scuole di calcio, dove la fame e la sete è tanta. Affamati di calcio tanto da organizzare più di un pasto ricco e abbondante durante la giornata. Assetati di leggerezza: quella sensazione di libertà, calciando un pallone in aria, a cielo aperto, fino la siepe del vicino; fuori dal campo visivo dello sguardo, a perdersi nello spazio e nel tempo. Pessotto è stato un calciatore, molto corretto in campo. Un leader silenzioso, un umile predicatore di calcio con i capelli dorati e corti come quelli di un modesto monaco francescano; un capitano senza gradi sul petto, soltanto con una piastrina di riconoscimento al collo: quella del terzino sinistro. Fuori dal rettangolo di gioco Pessotto è l’antistar per eccellenza, un sopravvissuto alla fama e al successo tipico della gabbia dorata del mondo del calcio. Laureato in Economia, appassionato di letteratura. 
Eppure, il successo, la fama, il denaro, i titoli messi in bacheca, gli amici, l’amore, la società e la vile materia non lo cambieranno come calciatore, ma soprattutto come uomo. Dentro si porterà quell’angoscia tipica degli uomini troppo sensibili per essere capiti dal mondo. Gianluca Pessotto vive costantemente in una bottiglia di vetro portata via dal mare da un capo all’altro del mondo tra le onde del mare, il garrito del gabbiano e il silenzio assordante dell’Oceano. Shhhhhh!
Pessotto vive in un mondo ovattato, un’isola deserta dove il silenzio è l’unica motivazione, nonché fonte d’ispirazione, per continuare a sopravvivere in un mondo difficile da comprendere a cuore aperto.  Pessotto vive la quotidianità con quella sensazione di disagio che ti logora dentro, efficace e crudele come una goccia d’acqua che scava una roccia.
E con un rosario in mano il 22-05-1996, in una notte calda dell’Olimpico, lontano dalla sicurezza delle mura amiche, nell’assoluta mancanza di suoni e di rumori dell’ambiente circostante, in una condizione spirituale votata all’ascolto e alla pace……Gianluca Pessotto si dirigerà “solo” nell’aria a battere un calcio di rigore. Un sognatore con un rosario in mano e un pallone tra i piedi a undici metri dalla linea di porta. Perché per un terzino sinistro della Juventus non è mai troppo tardi. Perché, talvolta, il silenzio per un terzino sinistro è the Champions!!!

Shhhhhhh!

 

Arsenico17