La 30° giornata ha sancito un passo decisivo verso la lotta scudetto. La Juventus batte il Torino 4 a 1 grazie a una ritrovata forma e ai colpi dei suoi fuoriclasse, mentre la Lazio perde nettamente e meritatamente contro un Milan che dopo la sosta ha dimostrato di essere in buonissima forma.
Avevo pensato che la Lazio potesse lottare sino alla fine, ma dalla ripresa ha dimostrato di faticare più del previsto e i numeri lo confermano. 8 goal in 4 partite sono troppi per una squadra che vuole vincere lo scudetto, che è riuscita a ribaltare le partite contro Fiorentina e Torino più per demeriti degli avversari che meriti propri.
Contro la squadra rossonera la prestazione è stata altamente insufficiente. Non può bastare l’assenza di Immobile e Caicedo per giustificare una sconfitta così pesante. Non può pretendere la squadra biancoceleste di vincere lo scudetto se basta l'assenza di due giocatori titolari per fornire  una prestazione così scadente.
La Juventus si appresta dunque a vincere il nono scudetto consecutivo e in questo caso dopo le partite non brillanti in Coppa Italia è evidente il cambio di passo della squadra di Sarri. Al contrario della squadra di Inzaghi, nelle ultime 4 partite la squadra di Sarri ha subito solamente due goal, facendone 13. In questo finale di campionato potrà gestire le partite, avendo ormai un distacco importante dalla seconda.
Ronaldo e compagni potranno così preparare senza troppi affanni la ripresa della Champions League.

Bassano Giancarlo