La squadra di Simeone è uno sciame d'api in movimento, tra la metà campo e la propria area.
Compatto, solidissimo, attacca la palla e l'avversario in maniera sistematica e organizzata, per poi ripartire velocissimo in verticale, con contropiede velenoso e spesso letale.

I colchoneros non temono il confronto fisico ed atletico, tecnicamente dotati, con qualche individualità di spicco: Griezmann, Morata, Godin, Costa, Correa ed un gran portiere tra i migliori d'Europa: Jan Oblak.

La forza dell'Atletico è sopratutto l'insieme, non ci sono reparti specifici, la squadra di Simeone è una cellula compatta, che provvede a tutte le funzioni. Molto difficile da accerchiare , da penetrare frontalmente,  eccellente sia nel gioco a terra che in quello aereo . Raramente subiscono il gioco dell'avversario e prendono gol rarissimamente, micidiali in contropiede...!
L'atletico Madrid che parte dal 2 a 0 maturato all'andata , si trova anche nelle condizioni ideali per affrontare il return match  in tutta tranquillità.
La Juventus , viceversa, non vanta oggi  una condizione psico fisica eccellente, si trova nelle condizioni , non solo di dover  fare la partita, ma di doverla aggredire con forza e disperazione per poter sperare di ribaltare il risultato dell'andata.

La Juventus non è allenata a giocare questo tipo di partite abituata com'è ad un gioco al risparmio, quasi ostruzionistico , d'attesa... e che in Italia, contro avversari di media o bassa caratura continua a dare risultati . Questo atteggiamento permette alla Juventus di  gestire le partite rischiando pochissimo.
Non è affatto vero che i bianconeri dispongano  di un impianto difensivo di prim'ordine, affidato com'è ad un solo  grande difensore vero : Chiellini. I pochi gol subiti in campionato sono da attribuire ad un gioco prettamente difensivo, operato dalla squadra di Allegri  al quale partecipano  un po' tutti , piu o meno ordinatamente. Se la squadra è sottoposta a pressione salta tutto e la sofferenza è tanta anche a livello difensivo...

La Juventus, dopodomani, non potrà giocare contro l'Altetico la sua solita partita... prudente , dovrà gioco forza snaturare se stessa , con tutti i rischi che ne conseguiranno...
La Juventus dovrà attaccare con grande forza e convinzione, dovrà forse anche sbilanciarsi per tentare di penetrare  il muro madridista,  che tenterà di rimalzare ogni azione in contropiedi micidiali, affidati principalmente alla grande velocità e alla tecnica di Alvaro Morata. e/o Griezmann.

Non vedo punti deboli nell'organizzazione di gioco dell'Atletico Madrid , non vedo punti forti nel gioco d'attacco Juventino, difficile poter sperare quindi in qualcosa di positivo.
La Juventus per passare il turno avrà bisogno di tanta fortuna e di combinazioni molto favorevoli. Potrebbe sbloccare il risultato con calci piazzati o tiri da fuori. Difficile penetrare la difesa madridista in dribbling, molto difficile superarla nel gioco aereo...

Morata sembra il giocatore ideale per infilare la Juventus in contropiede...
La partita mi sembra segnata, domani per passare il turno dovrebbe accadere qualcosa di imponderabile, un miracolo...! Ma il bello del calcio è che mai si potrà dire mai!

Forza Juventus! Comunque vada.