La Juventus è prima in classifica insieme all'Inter e ha superato il girone di Champions League agevolmente, quindi non si può dire che i risultati non li stia producendo. Ha perso la supercoppa con la Lazio, ma è pur sempre un trofeo minore, che non determina la valutazione di una stagione a Maggio.  

Certo, per una squadra che ha un organico nettamente superiore tutte in Italia perdere per due volte contro una squadra a lei inferiore tecnicamente fa effetto, specie perchè è avvenuta praticamente nella stessa maniera.

Sarri vuole dare alla squadra bianconera un’idea di gioco diversa da quella di  Allegri,  un’idea di gioco basata su una difesa alta, su un possesso palla da attuare nell'area avversaria cercando di schiacciare quest'ultima all'interno della sua area di rigore.

Ma si è potuto notare, come ha ammesso Sarri stesso, che la squadra ha difficoltà ad attuare questo tipo di calcio in maniera convincente per tutti i 90 minuti senza concedere non poche occasioni.

Nelle due partite con la Lazio, la Juventus ha subito la capacità della squadra di Inzaghi di verticalizzare immediatamente non riuscendo  a  dissinescare l'idea di calcio della squadra biancoceleste. 

La squadra bianconera subisce più goal e più occasioni da goal rispetto al passato, dando la sensazione di perforabilità.
Mentre guardando la squadra di Allegri, quella Juventus dava la sensazione di forte solidità e difficilmente si aveva l'impressione che la squadra avversaria potesse far goal da un momento all'altro.

Probabilmente la squadra ha bisogno di più tempo per assimilare quell'idea di gioco, e l'assenza di Chiellini è pesante in questo senso. La presenza del leader della difesa avrebbe garantito maggiore protezione  in una fase di assimilazione di una nuovo modo di giocare.
A mio avviso la capacità di un grande allenatore è quello di sapersi adattare alle situazioni e saper leggere le partite.

Probabilmente nella partita di campionato, una volta rimasto in dieci, Sarri avrebbe dovuto leggere meglio la partita e fare un gioco diverso per cercare di portare a casa almeno il pareggio. Perchè una grande squadra quando non può vincere non deve perlomeno perdere.

Alla domanda: Sarri si deve adattare anche alle situazioni e cambiare la sua idea a seconda della partita e del momento?
Per me si, perchè un grande allenatore cambia la sua idea di gioco a seconda della situazione per portare a casa il risultato. 

Sarri saprà farlo? 

 

Bassano Giancarlo