Quando qualcuno mi chiede: secondo te dove risiede in Italia la massoneria? Non ho mai avuto alcun dubbio nel rispondergli, là dove troverai chi ha mandato il Cristo in croce! Coloro che diedero vita a sanguinose quanto inutili battaglie, tanto per citarne una: Le Crociate!
Là dove i bambini vengono molestati, le ragazze seviziate e fatte scomparire. Là dove tutto viene puntualmente insabbiato. In quel luogo ove fino a poco tempo fa impedivano alle gente divorziata di poter risposarsi in chiesa. Là dove gli veniva vietata la confessione e partecipare alla mensa del Signore.
Il "Cuore pulsante" della santa inquisizione, che oggi prende altri nomi o si cela dietro un silenzio tombale. Per la  serie: “Chi deve morire, muoia pure, perché tanto noi non alzeremo mai un solo dito, in quanto servi fedelissimi dediti ai Poteri Forti”.
Sei milioni e mezzo di ebrei ammazzati in tutti i modi, la Santa Sede cosa fa? Se ne resta immobile a guardare la scena dalle loro finestrelle dorate, come fosse un macabro film, ma che a loro non sfiora minimamente, come al solito, i Poteri Forti non si ostacolano tra di loro, il massacro degli ebrei fu un ordine della Massoneria Sionistica Ebrea, non della follia di Hitler, la razza ariana, ed altre menzogne furono attentamente studiate da ebrei e americani!
Solo dopo aver raggiunto una cospicua cifra, la decimazione della popolazione mondiale c’è sempre stata, come un orologio, o meglio una sirena che urla quando il limite fissato viene superato! In africa, 8 volte si 10 ci pensano “le menti distorte” dei “Piani Alti” della Novartis e Nestlè ad inviare in dono tonnellate di latte in polvere scaduto da 5-7 anni.
Ogni 2-3 anni muoiono in media un milione di mamme e neonati e bambini. Mamme giovanissime, considerato che a 12-14 anni devono sposarsi. Gli spezzano nell’età procreativa, così più alta sarà la percentuale di non innalzare la demografia della popolazione.
Il tutto viene svolto continuamente, solo rare volte viene diffusa la notizia. La Chiesa lo sa bene, ne è al corrente. La Svizzera pure, a cui hanno dato la neutralità per poter agire incontrastata. Dire Svizzera è come dire Vaticano e viceversa. Filo diretto con le 54 dinastie mondiali dell’elite massonica.
Che il DEEP STATE è felice di incorporare a sé. A capo, nel modo più SOVRANO, del DEP STATE, il Pentagono, Casa Bianca, NATO e servizi segreti, dove spicca la CIA ed FBI, associati.
Allora la mia fervida fantasia vola sino ai meandri di quella struttura che fu edificata per pregare, per riunire i fedeli di tutto il mondo per metter in pratica tutte le leggi di nostro Signore Gesù Cristo. "Amatevi, rispettatevi, vogliatevi bene, aiutatevi l'uno con l'altro, così come io vi ho insegnato, perché io sono Amore". "Non avrete altro Dio all'infuori di me". "Non potete amare due dio... Scegliete dunque, o me o il vile denaro!"

La Chiesa cattolica sembra aver preso alla lettera quanto Dio ha tramandato prima col Cristo e dopo con gli apostoli. Ho fatto la battuta!
La Santa Sede, non ha mai fatto nulla di tutto questo, tranne in virtù di qualche apostolato (vedi Karol Wojtyla per non dover andare troppo indietro nel tempo).
L'umanità, in quanto peccatrice cronica, ha sempre preferito le scorciatoie e le cose belle anche se peccaminose. La Chiesa Cattolica è l'unica religione a disporre di una dottrina sociale, fondata sulla lotta alla povertà e la demonizzazione del danaro, chiamato lo "sterco del diavolo".
Cito testualmente un passetto del Vangelo secondo Matteo: "E' più facile che un cammello passi nella cruna dell'ago, che un ricco entri nel regno dei cieli". Ma, guarda caso, chi predica la povertà dello spirito e della carne è anche l'unica religione ad avere una propria BANCA, per poter maneggiare affari ed investimenti, l'Istituto Opere Religiose, meglio conosciuto come IOR. La sede dello IOR non è altro che uno scrigno di pietra all'interno delle mura vaticane. Una suggestiva torre del Quattrocento, fatta costruire da Niccolò V, con mura spesse nove metri alla base. Si entra attraverso una porta molto discreta, senza una scritta, nè una sigla o un simbolo.
Soltanto il presidio delle guardie svizzere notte e giorno ne segnala l'importanza. All'interno si trovano una grande sala di computer, un solo sportello e un unico bancomat. Attraverso questa cruna dell'ago passano immense e molto spesso "oscure fortune".
Le stime più prudenti calcolano 5 miliardi di euro di depositi. Accipicchia! Uno schiaffone ed un calcione nel sedere alla povertà, a tutti coloro che per vivere fanno i tripli salti mortali con doppio avvitamento in aria!
La ricchissima Banca Vaticana offre ai correntisti, fra i quali come ha ammesso una volta il presidente Angelo CALOIA "qualcuno ha avuto problemi con la giustizia", rendimenti superiori ai migliori Hedge Found e un vantaggio inestimabile: la totale segretezza!

Ora hai capito piccolo risparmiatore? Tu che con i tuoi miseri risparmi aiuti solo Draghi e Monti e tutti i loro sistemi bancari!
Più impermeabile ai controlli delle isole Cayman, più riservato delle banche svizzere, lo IOR è un vero paradiso ancestrale e fiscale in terra! Un libretto d'assegni con la sigla IOR non esiste. Accipicchia!!
Tutti i depositi e i passaggi di denaro avvengono con bonifici, contanti o in lingotti d'oro. Nessuna traccia. Solo benefici e immensi Benefit! Da vent'anni, quando si chiuse il processo per lo scandalo del Banco Ambrosiano, lo IOR è un buco nero in cui nessuno osa guardare dentro. Per uscire dal crac che aveva rovinato decine di migliaia di famiglie, la banca vaticana dovette versare ben 406 milioni di dollari ai liquidatori. Meno di un quarto rispetto ai 1.159 milioni di dollari dovuti secondo l'allora ministro del Tesoro, Beniamino Andreatta.
Lo scandalo fu accompagnato da infinite leggende e da una scia di cadaveri eccellenti. Michele SINDONA, avvelenato nel carcere di Voghera, Roberto CALVI, impiccato sotto il ponte dei Frati Neri a Londra, il giudice istruttore Emilio ALESSANDRINI ucciso dai colpi di Prima Linea, l'avvocato Giorgio AMBROSOLI freddato da un killer della mafia venuto dall'America, per aspettarlo al portone di casa. Senza contare il mistero più inquietante, la morte di Papa Luciani, dopo soli 33 giorni di pontificato, alla vigilia della decisione di rimuovere Paul Marcinkus e tutti i vertici dello IOR.
Sull'improvvisa fine di Giovanni Paolo I si sono alimentate macabre dicerie, aiutate dalla reticenza vaticana. Non vi sarà mai alcuna autopsia per accertare il presunto e fulminante infarto e non sarà mai trovato il taccuino con gli appunti sullo IOR che secondo molti testimoni il papa portò a letto l'ultima notte.
Fu avvelenato, il veleno fu versato nel bicchiere d'acqua che era solito far mettere Papa Luciani sul comodino.

Era lo IOR di Paul Marcinkus, il figlio di un lavavetri lituano, nato a Cicero (Chicago) a due strade dal quartier generale di Al Capone, protagonista di una delle più clamorose quanto inspiegabili carriere nella storia recente della chiesa. Alto e atletico, buon giocatore di baseball e golf, era stato l'uomo che aveva salvato Paolo VI dall'attentato nelle Filippine.
Ma forse non basta a spiegare la simpatia di un intellettuale come MONTINI, autore della più avanzata enciclica della storia, la Populorum Progressio, per questo prete americano perennemente atteggiato da avventuriero di Wall Street, con le mazze da golf nella fuoriserie, ed il sigaro, rigorosamente “avana”, incollato alle labbra, con al fianco stupende segretarie bionde e gli amici del poker della P2.

Con il successore di papa Luciani, Marcinkus trova subito una buona intesa. A Karol Wojtyla piace molto quel figlio di immigrati dell'Est che parla bene il polacco, odia i comunisti e sembra così sensibile alle lotte di Solidarnosc.
Quando i magistrati di Milano spiccano mandato d'arresto nei confronti di Marcinkus, il Vaticano si chiude come una roccaforte per proteggerlo, rifiuta ogni collaborazione con la giustizia italiana, sbandiera i passaporti esteri e l'extraterritorialità.


Fine prima parte – la seconda ed ultima parte, tra qualche giorno.