Devo dire che l'Inter ha fatto più di quanto mi aspettassi dopo la partita di Cagliari. Una squadra priva dei giocatori fuori lista, priva di Icardi, Keita e Nainggolan e con alcuni giocatori non al massimo della forma. Soprattutto nel primo tempo la squadra non ha sofferto i tedeschi e ha fatto la partita. 
Nel secondo tempo i nerazzurri hanno sofferto il Francoforte che ha alzato i ritmi e ha creato alcune occasioni pericolose. Però troppi i passaggi e i movimenti sbagliati nella fase di transizione dalla fase passiva alla fase attiva. La squadra ha mostrato limiti tecnici evidenti. 
Per il ritorno Asamoah e Martinez non ci saranno per squalifica e questo comporterà un ulteriore riduzione della rosa a disposizione di Spalletti per il ritorno.  

Però mi vorrei soffermare sul calcio di rigore. L'Inter ha avuto un'occasione importante che Brozovic ha sprecato. Ma premesso che chiunque può sbagliare un rigore. Ma domando: perché ha tirato Brozovic il rigore? A Vienna ha tirato Martinez, a Firenze Perisic e ieri Brozovic. Ma non ci dovrebbe essere una sorta di gerarchia che regola queste situazioni? 

La gestione del rigore non mi è piaciuta perchè mi ha dato la sensazione che il gruppo sia comandato da quei due giocatori ma è una sensazione. Brutta.
Quello che emerge, ancora una volta, è che questo è un gruppo non coeso e non amalgamato bene e che in estate, Champions o non Champions, va rivisto per crearne uno nuovo con un sergente di ferro in panchina; con tutto il rispetto per Spalletti a cui vanno riconosciuti di affrontare problemi di spogliatoio, di lista limitata in Europa e di infortuni non facile da gestire.

Bassano Giancarlo