L'Inter conferma i progressi delle ultime partite di campionato, della partita con il Getafe e si qualifica per la semifinale di Europa League, battendo meritatamente il Bayer Leverkusen. Una partita dominata, in cui la squadra neroazzurra non ha subito quasi nulla a parte il goal e ha creato tante opportunità per segnare. Se c'è un neo nella partita contro la squadra tedesca, è quello di non aver chiuso prima la partita non sfruttando le varie occasioni che la squadra di Conte è stata brava a costruirsi.  

Bisogna dare merito al portiere del Bayer che si è distinto per alcune parate importanti su Lukaku, Sanchez e Moses. Ma la squadra neroazzurra si è meritata la semifinale, giocando compatta e sempre concentrata, dimostrando di essere sul pezzo. 

Tra tutti spiccano le prestazioni di Lukaku e Barella. Il belga ha confermato di vivere un annata strepitosa, non solo in termini di goal ma anche per movimenti e aiuto alla squadra in fase di non possesso. Giocatore che riesce a tenere palla e a far salire la squadra, e a tenere botta con i difensori avversari.  Barella  è diventato anche lui un punto stabile della squadra, facendo filtro a centrocampo e arrivando anche a segnare.

Ma sarebbe ingeneroso non sottolineare che anche i loro compagni hanno fornito una buona prestazione e che tutti si stanno applicando per cercare di vincere e fare la storia.

Godin, D'Ambrosio, Lautaro Martinez, Handanovic, Brozovic, Young, Gagliardini, De Vrji,  Moses, Eriksen, Sanchez: tutti stanno dando tanto ed è anche per questo che l'Inter può andare sino in fondo in questa competizione.

Un applauso va dato a Conte, che sta tenendo la squadra concentrata e sul pezzo, affrontando l'Europa League come si deve.

Adesso la squadra ci deve credere perché ha tutte le qualità per andare a Colonia.

 

Bassano Giancarlo.