L'Inter vince a Marassi con una notevole prova di forza, dominando nel primo tempo e mostrando il carattere nel secondo tempo giocato in dieci uomini. 

Il primo tempo la squadra ha segnato due goal, una rete annullata di Candreva e tre occasioni sprecate da Lautaro Martinez. I nerazzurri hanno totalmente avuto il pallino del gioco in mano. Nella ripresa l'ingenua espulsione di Sanchez ha ravvivato una spenta Sampdoria facendole accorciare distanze. 
Ma i ragazzi di Conte hanno reagito segnando il terzo goal e poi non rischiando più nulla, salvo una parata di Handanovic su punizione.

L'identità è chiara e il lavoro di Conte si vede. Una squadra che lo segue e che sa già cosa fare nelle due fasi di possesso e non possesso.  Ottimo l'esordio di Bastoni, straordinaria la prestazione di  Brozovic e Sensi. Sanchez bene, tranne che sull'episodio che ha portato alla sua espulsione.

Lautaro Martinez nota dolente. L'attaccante  in queste prime sei giornate di campionato ha sbagliato troppi goal e deve essere molto più cattivo. 

La squadra dovrà mantenere questa costanza di prestazioni e risultati per tutti i 9 mesi della stagione se vuole ambire a qualcosa di più della qualificazione Champions. Anche se, ottenere una qualificazione alla massima competizione europea, in maniera tranquilla e serena sarebbe  un ulteriore passo in avanti rispetto alle stagioni precedenti.

Però non bisogna mai porre limiti alle ambizioni. 

 

Bassano Giancarlo