Spero vivamente che le voci che stanno  girando su una possibile conferma di Spalletti siano assolutamente false.  

La gestione tecnica di Spalletti per me sarebbe  fallimentare anche se la squadra dovesse arrivare terza.  La squadra in due anni non ha acquisito un gioco, ma soltanto improvvisazione e tanti cross per l'unica punta.  Un 4-2-3-1 basato soltanto sui cross  sugli esterni per la punta di turno che la maggior parte delle volte viene sovrastata dai difensori avversari. 

Basti pensare che nelle ultime tre partite a San Siro la squadra ha  segnato solo un goal, quello di Perisic contro la Roma.

Il goal è arrivato quando Spalletti ha schierato le due punte, con Icardi e Martinez.  Una volta arrivato il pari  l'allenatore ha pensato bene di coprirsi subito  facendo  entrare un pessimo Joao Mario per Martinez.  

Non è la prima volta che Spalletti sbaglia totalmente i cambi. Basti pensare al cambio Politano-Borja Valero a Torino contro la Juventus, un errore clamoroso che è costato il goal decisivo.  Un allenatore che spesso trasmette paura alla squadra e questo comporta  pessimi risultati in campo.

Le tre partite decisive nelle coppe sono state affrontate  male, con un sbagliatissimo approccio mentale. Tanti errori e il solito problema di rimontare a fatica il goal preso. Sempre la solita storia. Tre partite in casa, 1 goal fatto nei tempi regolamentari. 

Sarebbe un gravissimo errore tenerlo sulla panchina dell'Inter, il terzo posto è solamente un caso.

La Roma è implosa e quest'anno ha perso 6 punti con la Spal, 3 punti con il Bologna, 2 punti con il Chievo Verona, 2 punti con il  Cagliari,  3 punti con l'Udinese,  2 punti in casa con la Fiorentina. Ha vinto a fatica con Frosinone, Sassuolo  e Genoa, cambiando anche l'allenatore.  Facendo solo 1 punto  nella doppia sfida con il Milan.

Il Milan, che ai nastri di partenza partiva dietro all'Inter anche secondo il mio giudizio, ha perso  2 punti con il Frosinone, 2 punti con il  Bologna, 2 punti con l'Empoli, 2 punti  con il  Cagliari,  2 punti con il Parma, 2 punti con l'Udinese,  3 punti con la Sampdoria e    2 punti con il Torino.    Merito dell'inter è quellodi aver vinto i due derby. Però l'Inter  è più forte del Milan guardando l'organico.

La Lazio, che ha conteso la qualificazione alla Champions League all'Inter  nella scorsa stagione sino all'ultima giornata, ha perso  3 punti con la Spal,  5 punti con il Chievo Verona,   4 punti con il  Sassuolo, d2  punti con la Sampdoria,  2  punti con il Torino,  3 punti contro il Genoa.  

L'Inter avrebbe dovuto arrivare in Champions in tranquillità visto l'andamento di queste squadre. Invece ha perso 21 punti, 10 con Sassuolo e Torino,  3 con Bologna, Parma e Cagliari, due punti con il Chievo Verona. 

Anche Atalanta e Torino possonpo ancora sperare. L'Atalanta è l'unica che gioca un calcio di livello europeo e l'unico  che possa essere ritenuto decente. 

L'Inter è terza per caso, perchè anche le altre hanno buttato tantissimi punti.  Qualcuno può dire di  Spalletti che alla fine è terzo in classifica. Ci mancherebbe che non lo fosse.  Ma sul piano del gioco e della mentalità un vero disastro. Oltre che sul piano della gestione del gruppo.  

La corsa Champions è una lotta di livello mediocre, caratterizzato da squadre mediocri che giocano un pessimo calcio, a parte l'Atalanta come scritto sopra. Per questo preso Conte,  perchè la squadra deve essere ricostruita sul piano della gestione tecnica prima di tutto. 

 

 

Bassano Giancarlo