Siamo dunque oltre la metà di giugno: tutti i club cercano di rinforzarsi, sondaggi, trattative, affari paventati e proposti, partite mondiali con osservatori a caccia (difficile) di qualche nome non ancora noto ai vari mediatori e operatori di mercato; insomma, per tanti una situazione ancora tutta da scrivere. Ecco però una squadra che, c'è da dire, con grandissima lungimiranza si è mossa con discrezione e decisione, acquisendo con largo anticipo tre giocatori di alta levatura e si sta ora concentrando su un grande colpo in quella mediana da rinforzare, per tutti, assolutamente. Parliamo dell'Inter, e dell'acquisto di Radja Nainggolan.

Trattativa ben avviata, in chiusura diremmo intorno ai 30-35 milioni più contropartita tecnica giovanile, con il belga che, comunque a malincuore, raggiungerà il suo ex allenatore Luciano Spalletti, grandissimo estimatore del belga. In questo contesto sfugge a molti la già completata acquisizione del miglior centrale difensivo disponibile sul mercato, De Vrij, a parametro zero, dell'usato sicuro in corsia mancina Kwadwo Asamoah, anch'egli firmato dalla lista svincolati, e del nuovo "craque" argentino Lautaro Martinez, pagato intorno ai 35 milioni di euro ma sicuramente un prospetto meritevole di cotanto investimento .

Ad oggi possiamo dunque dire che la miglior programmazione estiva è stata architettata nel periodo primaverile dalla dirigenza nerazzurra, che univocamente merita la palma di regina del mercato. La Roma ha sicuramente investito su talenti dal grande futuro e dalle sicure qualità, ma la compagine interista ha messo in un motore già ben avviato ulteriori cavalli davvero di razza. Sotto a chi tocca quindi, il mercato ha ancora tanto da offrire...