Sono stati i cambi a dare la svolta della partita dell'Inter a Parma. Con l’ingresso di Sanchez, Moses e Bastoni la squadra nerazzurra ha cambiato volto e ha vinto la partita. Sanchez ha dato la possibilità a Lukaku di tirare una sassata che è andata vicina alla porta di Sepe, poco dopo lo stesso cileno ha impegnato il portiere gialloblù con un tiro da fuori area. Moses ha fatto l’assist per Bastoni che ha segnato la rete decisiva.
Una partita molto sofferta nei primi 45 minuti dalla squadra nerazzurra, che ha concesso svariate occasione oltre al goal alla squadra di D’Aversa. La squadra che ha cercato di creare e con Barella ha avuto anche l’occasione di segnare, ma in fase di non possesso ha concesso troppo.
A mio avviso prestazione insufficiente di Candreva, Biraghi, Gagliardini che hanno commesso troppi errori nelle due fasi, ma soprattutto a deludere è stato Eriksen. Evidentemente ancora deve prendere confidenza con il calcio italiano. Giusto aspettarlo, lui dovrà sicuramente incidere sulla squadra nerazzurra. 
Nella ripresa la squadra nerazzurra è scesa meglio in campo, concedendo meno al Parma. Ha rinchiuso sempre di più i gialloblù nella loro area, non creando prima dell’ingresso di Sanchez grandi pericoli. Solo un'occasione per Eriksen, che dal limite dell’area sbaglia manda a lato un tiro da buona posizione.
L’importante è per adesso consolidare la posizione Champions per la squadra nerazzurra, anche se visti gli investimenti fatti, ci si aspettava di più. La squadra sembra faticare con questo modulo, con i due esterni che fanno faticano a coprire tutto il campo.
Conte dovrebbe provare probabilmente un modulo che dia più solidità alla squadra e faccia rendere meglio i giocatori in campo.  

Bassano Giancarlo