L'Inter batte la Sampdoria meritatamente e comincia il ciclo di 13 partite vincendo e dominando la gare nei primi quarantacinque minuti. La squadra ha messo in mostra ottime azioni corali e un trio in grande spolvero. Bravo Conte a inserire ormai stabilmente Eriksen trequartista alle spalle delle due punte. Il giocatore danese ha mostrato tutta la sua qualità servendo anche l'assist per il goal di Lukaku.  
Ottime le prestazioni anche di Lukaku e Lautaro Martinez, che con i loro movimenti hanno messo in crisi la squadra doriana. Anche se Lukaku ha sprecato due ottime occasioni da goal per fare doppietta.   
Tuttavia se il primo tempo è stato condotto abbastanza bene, il secondo è stato in calando e la squadra nerazzurra non solo non è riuscita a chiudere definitivamente la partita, ma ha subito un goal su calcio d'angolo e ha portato la partita sino alla fine con un goal di vantaggio.  
La squadra si è allungata e ha cominciato a lanciare palle lunghe. Ecco lo step che deve fare la squadra di Conte: riuscire a gestire bene fisicamente e mentalmente la partita, non calando il ritmo e la qualità del gioco in maniera così vistosa tra un tempo e l'altro. 
Non che abbia sofferto in maniera clamorosa, ma un goal di vantaggio non è mai troppo rassicurante. Ecco dove Conte può ancora lavorare, su una squadra che comunque ha messo delle basi importanti. 

Bassano Giancarlo