Diciamo che si è evitato forse un nuovo caso Modric, semplicemente perchè un caso Messi non c'è mai stato, nonostante quella pubblicità cinese, nonostante i ni, nonostante tutto quello che si poteva dire. All'Inter serviva e serve un campione, un fuori classe, per riaccendere l'entusiasmo a dovere. Messi sarebbe stato il colpo ad effetto perfetto. Certo, abbiamo Lukaku, Martinez, Eriksen, forse Vidal, c'è Sanchez. Ma nessuno di loro è in grado di accendere l'entusiasmo come Ibra. Forse lo stesso Tonali al Milan, per tanti il nuovo Pirlo della SerieA, ha creato più entusiasmo che altrove. In questa nuova stagione tanto per cambiare sarà la Juve la squadra da battere. Ovvio. Scontato. Da nove anni vince lo scudetto, che aspettarsi? La Juve punterà a fare l'ulteriore salto di qualità, diventare ancora più forte. Una squadra condotta alla prima da Pirlo, che dovrà evitare di diventare un caso Ferrari nella prossima SerieA e che a dirla tutta in Italia non ha tante contendenti per il titolo. Il calciomercato è appena iniziato, ma tra crisi economiche, bilanci, e quant'altro nessuno farà colpi di testa. Si cercherà di assestare la propria squadra. L'Inter per poter competere con la Juve ha bisogno di pezzi importanti. E soprattutto di quell'entusiasmo che tra gli interisti dopo il sogno, diventato presto illusione, Messi, sembra essere non alle stelle. Contrariamente da quello che accade in casa Milan. Che sta effettivamente ponendo le basi per un progetto che potrà fare uscire il diavolo da quell'inferno nel quale è caduto negli ultimi anni. Insomma, più che un duello per lo scudetto, che sembra anche per quest'anno essere solo fumo, l'Inter dovrà forse duellare con la sua diretta rivale cittadina, il Milan. Sicuramente non era questo il progetto di Conte, ma con uno stipendio milionario come il suo, di che lamentarsi?
 
Il Milan avrà dalla sua l'entusiasmo di far bene, la voglia di riscatto, di rinascere, dimostrare di esserci, l'Inter, dalla parte sua, la rincorsa di Conte verso la Juve, ma che rischierà di rivelarsi un boomerang se non si apre il portafoglio e non si porteranno campioni con la C maiuscola a Milano. Attenzione, insomma, al Milan. Potrà essere il diavolo la vera antagonista dell'Inter, con la Juve che se la riderà, perchè avrà altro a cui pensare, oltre a fare bottino pieno di punti il prima possibile, a vincere quella Champions che sta rincorrendo da troppo tempo. CR7 era stato comprato per questo in quello che sarà l'ultimo anno di Buffon alla Juve, e forse sarà quello giusto per alzare quel benedetto trofeo.