Negli ultimi anni il debito finanziario della Juventus è in costante ascesa verso l’infinito e oltre. Via. Più veloce della luce. Go. Sgasa Paratici! Vai più su! Ti prego non ti fermare. Voglio vederti schizzare fino al punto più alto del cielo. E poi quando hai raggiunto lo Zenith plana, a tutta velocità e a caduta libera, verso il Nadir. Brum, brum! Mamma hai visto come vado veloce senza le rotelle? Come sei bravo figliolo mio. Sei bravissimo. Hai preso tutto da tuo padre.  Mamma che dici? Papà è scappato di casa con la segretaria. Pazienza figlio mio. Pazienza forse un giorno ritornerà, tu abbi fede.

UNA VISITA INASPETTATA E POCO GRADITA
Toc? Toc? C’è qualcuno in casa? Si! Chi è? Sono il sig. Debito. Cosa vuole a quest’ora del giorno?  Quest’anno ho raggiunto i 464 milioni. Posso entrare? Dai! Dai! Su! Posso? Posso? Voglio entrare solo per vedere la sua faccia quando glielo dirò.
(Andrea Agnelli: Maria digli che non ci sono. Per favore inventati una scusa delle tue. Ho avuto una nottataccia. Di recente non so cosa mi prende. Sarà l’età che avanza. Faccio fatica a digerire le ostriche e il caviale.  Forse è colpa dello Champagne. Quante volte ti ho detto di non comprare quello dell’annata 1999-2000? È stata una pessima annata per tutti gli juventini).
Il Signore non c’è. Oggi aveva da fare una commissione molto importante. Spero nulla di grave. No! No! Doveva solo rinnovare l’assicurazione dell’auto, il Pandino turbo diesel. Poi ha approfittato per andare al mercato a fare un po' di spesa per la cena di questa sera. Gli cucino il Bacalhau á Brás. È il suo piatto preferito
. Gli piace così tanto il baccalà. E piaceva anche al sig. Marotta. Quella buon’anima di Peppe. Ma che fine ha fatto? È andato all’Inter! Poverino che brutta fine. Eh già.
Mi dispiace! Avevo voglia di salutarlo. È da tanto che non lo vedo. Ma sta bene? Il Signore sta benissimo. E soltanto che in questo periodo è tanto, tanto, indaffarato. Sa, ehm, quel piccolo debituccio gli è proprio sfuggito di mente. Lo deve perdonare. Signora quando posso trovarlo? (Andrea Agnelli: digli di tornare a settembre quando gli azionisti avranno appianato qualche debito). Sig. Debito cortesemente può tornare tra qualche mese? Ok allora ci rivediamo a settembre. Ok grazie salutame 'a soreta.  'A soreta! 

Pensate che strano. Ehm, e io non ci volevo credere a quei giornalai comunisti. Sono brutti e cattivi. A cosa Arsenico17? A cosa? Diccelo, diccelo! Ti preghiamo. Non farci stare sulle spine. Con tante cose che aveva da fare, non mi ritorna il sig. Debito a settembre? Ohhh ma dici davvero? Non si è dimenticato? Si! Com’è possibile? Il sig. Debito è tornato trallallero trallallà, trallallero trallallà…… trallallero trallallà.
Ma che strana è la vita? Sono basito. Ho perso tutte le parole. E badate bene perché oggi non voglio fare il fico per accaparrarmi una manciata di visualizzazioni. Magari qualche like anche se mi farebbero tanto piacere. E dai mettimi un like, che ti costa? Attraverso un periodo difficile. È morta mia nonna. Subito dopo il suo gatto. Poi il criceto e tutta la fattoria. È la pura e cruda realtà. Fa male. Lo so. Ma non posso mentirvi. Siete troppo importanti per me.
Da quanto in qua il sig. Debito va a fare visita pure ai ricchi e ai potenti della terra? È uno scandalo! Come si permette questo grandissimo maleducato? Questa è la volta buona che io lo denuncio a sto cafone. Chi si crede di essere? Lui non sa chi sono io. Sono indignato.  

E ALLORA? ARRIVIAMO AL DUNQUE ARSENICO17!  
E allora un piffero. Anche io sono d’accordo con il dottore. Anzi le dirò di più caro lettore. D’accordissimo! Perché quello che è giusto è giusto. Sebbene conscio d’andare incontro al mio triste destino. E non c’è bisogno di aggiungere altro. Ma dove siamo arrivati? E soprattutto, una volta arrivati, dove andremo a finire? Ha forse ragione Salvini: È tutta colpa degli extracomunitari? Ha forse ragione mia mamma: Non esistono più le mezze stagioni? Ha forse ragione lo svedese: Trump merita il premio Nobel per la pace? Aveva forse ragione mio nonno: si stava meglio quando si stava peggio? Insomma chi ha o aveva ragione? Rispondetemi, vi prego! Perché io sto impazzendo. Sono un fesso?
E non dipende dal tempo che passa. E non dipende dal fatto che sto invecchiando. E non dipende dal fatto che uomini e donne non possono essere amici, perché il sesso ci si mette sempre di mezzo.

E' semplicemente che ti amo quando hai freddo e fuori ci sono 30 gradi. Ti amo quando ci metti un'ora a ordinare un sandwich. Amo la ruga che ti viene qui quando mi guardi come se fossi pazzo. Mi piace che dopo una giornata passata con te sento ancora il tuo profumo sui miei golf, e sono felice che tu sia l'ultima persona con cui chiacchiero prima di addormentarmi la sera. E non è perché mi sento solo, e non è perché è la notte di capodanno. Sono venuto stasera perché quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita cominci il più presto possibile.

Ammetto di essermi un po' perso. Divagare mi è dolce in questo luogo. Perdonatemi. Non lo faccio di proposito. Non voglio fare il fenomeno. E che alcune volte - con tutti i problemi che ci sono nel mondo - mi sta sulle palle scrivere soltanto di calcio. Lo reputo riduttivo per il mio intelletto. E offensivo per il vostro.
E i risultati si vedono perché, ahimè, divago mentre vi sto scrivendo di calcio. Ma parliamoci chiaro. Abbassiamo le difese immunitarie. Dovrei essere premiato per questo. Riuscire a fare due cose contemporaneamente è un merito. Non un demerito. Insomma una virtù per pochi eletti. Però non prendetemi ad esempio. Ehm, e allo stesso tempo non pretendo di essere capito.  E voi non capitemi perché mi sentirei troppo in colpa.  

E IL SIG. DEBITO È TORNATO E QUESTA VOLTA PIÙ INCAVOLATO DI PRIMA.  
Ma come possibile? Siamo o no in Italia? E se fosse un complotto politico semplicemente per destabilizzare la famiglia Agnelli? Magari una banale e volgare scusa per non regalare i contributi statali alle sue aziende. Del resto l’Italia è un paese abituato a questi colpi di potere. Mi viene una rabbia al sol pensiero che abbiamo avuto come Presidente del Consiglio il migliore di tutti. Destituito solo per colpa di quella Magistratura di sinistra. Il Presidente di un milione di posti di lavoro. Quello che mi avrebbe potuto aiutare. Come? Facendomi restare a casa con vitto e alloggio a carico dei miei genitori. Sir. Silvio il Cavaliere Templare, colui che ha battuto un piccolo e insignificante virus. Un eroe dei tempi moderni. Un antieroe per quelli passati. Ahimè così non è stato e sono emigrato a Milano. Eh che cavolo! Che sfortuna. Nemmeno un’opportunità per essere un bamboccione. Famoso almeno una volta nella mia vita. Ne pago oggi le conseguenze. Sulla mia pelle e soprattutto sulla mia testa. Calvo e triste. Con problemi esistenziali e condannato a vita a scrivere solo di calcio per questo blog di calcio. Che ingiustizia!
Difatti a settembre il debito finanziario netto della Juventus è salito a 574 milioni. Ohh! Così tanto? Dai Arsenico17 sarà un errore di battitura di quei giornalisti di sinistra. No! Non è possibile. Ci metto la mano sul fuoco. Attento che ti scotti! Questi hanno uno Stadio di proprietà. Sono pieni di soldi. Cristiano Ronaldo si è ripagato da solo. E invece è possibile. Ahimè è tutto vero! Mi dispiace deludervi ma i commercialisti della Vecchia Signora non si sono sbagliati.  Ma non è tutto perduto. Per fortuna - come aveva previsto il Signore - c’è stata la ricapitalizzazione degli azionisti. È un messaggio di speranza per milioni di ragazzi e ragazze: nella vita si può ricominciare e soprattutto ricapitalizzare… Juventus docet.

Caro Consiglio dei dieci assenti, temerari azionisti, tutti voi umili dipendenti. Oggi è un giorno importante per la Società Juventus. Un giorno che rimarrà alla storia come la presa della Bastiglia da parte dei cittadini francesi. Sono lieto di comunicarvi che al 31 Dicembre il debito della nostra società è sceso da ben 574 milioni di euro alla misera somma di 327 milioni. Lei è un genio, un santo, un apostolo.
(Se fossimo in un altro Paese sarebbe il contrario: roba da alluce vago degenerato per via della notizia).

Ma a quanto sembra per gli amici juventini non è successo nulla. Tanto il pollice vago si può operare. O peggio ancora te lo tieni per ricordo. Anzi, gli juventini delusi dalla stagione in corso, imperterriti rilanciano la sfida all’Italia e all’Europa. Vogliono a tutti i costi un attaccante. Possibilmente un grande centravanti. E non importa se per averlo devi sganciare soltanto 10 milioni netti a stagione. Tanto poi ricapitalizzano.
Anche in questo, eh già, la Juventus dimostra di essere la prima della classe. Top! Non c’è nulla da fare. Gli juventini vogliono essere sempre i migliori in tutto. Costi quel che costi. È nel loro DNA vincente. E per favore non mi si venga a dire che non sono intellettualmente onesto. Che io non abbia una certa coerenza. Perché riconosco sempre i meriti altrui. Li metto in evidenza. Diamo a Cesare quello che è di Cesare. Diamo a Gianni quello che è degli Agnelli.
Gli Juventini non si accontentano mai. Loro vogliono sempre battere tutti i record. Puntano sempre al miglioramento continuo. A Deming gli fanno un baffo. Per questo si chiamano gobbi. E lo dimostrano ogni anno con i fatti. Con le evidenze oggettive. Negli ultimi anni una decina di campionati messi in bacheca e centinaia di migliaia di euro bruciati con una facilità imbarazzante da fare invidia persino alla Shura Maria. Quella che alla domenica pomeriggio, all’orario di chiusura, si presenta disperata da Zara Home in Corso Vercelli a Milano per comprare un asciugamano per il bagno.
E se mi sbagliassi? Tutto è possibile soprattutto quando si parla dei potenti della terra.
Sicuramente mi sbaglio. Sono i fatti che lo dimostrano. Nella Juventus ci lavorano sicuramente dei capoccioni, assunti dalle migliori Università del mondo: Oxford, Cambridge, la Bocconi di Milano e l’Università degli Studi del Molise.
Poi a Torino c’è un’ottima Facoltà di Ingegneria. E se gli ingegneri avessero costruito vicino allo Stadio di proprietà, un Termovalorizzatore (anch’esso di proprietà) alimentato a euro? Ci metti dentro 300 milioni di euro all’anno e lui ti produce acqua calda per il riscaldamento di tutto lo Stadio. E per quale obiettivo? Semplice per essere indipendenti anche da un punto di vista energetico. Nel lungo periodo, se ci pensate, un gran bel risparmio per le casse deficitarie della società torinese. E comunque un sistema all’avanguardia per sostituire il metano.  Quest’ultimo inquinante e soprattutto molto costoso. Quanto costa un metro cubo di gas metano? Dipende dal livello di consumo annuo e dalla regione di residenza, comunque il costo di un metro cubo domestico varia da varia da 0,85 a 1,20 €. Ci vogliono tanti soldi per scaldare una superficie grande come quella dell’Allianz Stadium. Quindi gli juventini sono virtuosi non solo da un punto di vista economico ma soprattutto ambientale.
Poi non immaginate quanta energia consuma Cristiano Ronaldo per farsi una doccia. È così vanitoso quel ragazzo. Voi non potete capire quanto. Per carità di Dio è un così bravo ragazzo. Ma il portoghese quando si lava non bada a spese. Ore e ore sotto l’acqua bollente a cantare a squarciagola. Canta di tutto da Albano a Romina fino a Pupo. All’inizio cantava spesso la musichetta della Champions League. Dopo un paio di anni ha smesso perché non ne ricordava più il testo. E nessuno a Torino lo poteva aiutare. Buffon una volta ci ha provato. Si sono messi tutti a ridere.  
​Purtroppo questo consumo elevato ha come conseguenza una bolletta salatissima per le casse della Juventus che va a sommarsi agli stipendi di Higuain (13,1 milioni), Ramsey e Rabiot (10,6 ciascuno), Douglas Costa (10,5); Khedira (10,5); Rugani (6,1) e De Sciglio (5,3). Tra l’altro meritatissimi. Ad esempio un Rugani a soltanto 6,1 milioni di euro è un affare.  

Spero di aver chiarito l’attuale situazione economica della Juventus. E concludo sostenendo che, secondo il mio autorevole punto di vista, la condizione della Vecchia Signora è sotto controllo sotto tutti i punti di vista. Per questa ragione mi unisco alla riflessione fatta da un carissimo collega juventino che termina il suo fantastico pezzo con la seguente arguta riflessione:

Detto questo, mi fido ciecamente della dirigenza bianconera e credo che saprà uscire dal problema. Quante incognite, nuova Juve. Ma credo, comunque, che non ci deluderai”.
Anche io sono sicuro che Gianni Agnelli non ci deluderà……Mi fido ciecamente di lui e delle sue capacità manageriali.


COMUNICAZIONE DI SERVIZIO  
Arsenico17 la vuoi smettere di fare il cretino? Cosa, cosa ho fatto adesso? Sentiamo! Non fare il finto tonto. In questo modo ti metti tutti contro. Tutti chi? I ricchi, i potenti della terra, i giornalisti, i presunti tali e i direttori dei giornali. Si e perché mai? Cerco solo di dire la mia. Cosa hai ottenuto fino a oggi con questo modo di fare? Niente. Però ci sono persone che la pensano come me. Si? Sentiamo e chi sarebbero queste persone? Beh adesso non mi viene in mente nessuno. Arsenico17 come sei ingenuo. Sono tutti amici tra di loro. Cosa? Non ci credo. Fidati di me. Fanno finta di litigare. Però alla fine mangiano tutti nello stesso piatto. Scusi ma lei chi è? È possibile che non l’hai ancora capito? Eh no, oggi mi sfugge. Arsenico17 io sono DIO, l’occhio che tutto guarda. No? Anche lei fa parte degli illuminati? Si! Anche io di recente ho mangiato ostriche e caviale a cena. No! Non ci posso credere. Credici Arsenico17. Beh, allora il discorso cambia. Lei ha ragione perché Dio è il creatore di tutto. Ho sempre sbagliato nella mia vita? Si tutto. Io ho provato in tutti i modi a fartelo capire. Ma tu sei di coccio. Ehm, soltanto ora capisco tutto. E allora la smetterai di fare il cretino? Si Dio. Te lo prometto. Ma almeno mi può pubblicare quest’ultimo pezzo? Sa ci tengo molto. Non lo so Arsenico. Non lo so! Anche io devo mangiare. Ma DIO almeno per questa volta non può chiudere un occhio? Un altro? E poi come vedo? Sentiamo genio. Ah mi scusi, non ci avevo pensato. Arsenico in fondo in fondo…un po' ci tengo a te. Mi ricordi mio figlio, il povero Cristo. Ma come Signore? Suo figlio? Quello che ha fatto una brutta fine? No! No! Cosa hai capito? Allora fu tutta una sceneggiata, lo abbiamo fatto per accontentare i farisei e i romani. Per te è diverso, tu se davvero un poveraccio. Dio come è umano lei…..! Va beh dai, soltanto perché mi fai pena. Per questa volta ti pubblico il pezzo. Grazie Dio, le sarò riconoscente per sempre.
Lei della redazione pubblichi subito il pezzo di Arsenico17 in prima pagina. Facci subito. Ah DIO un’ultima cosa? Sentiamo cosa c’è adesso? E che questa sia per davvero l’ultima volta.
 
Mi potrebbe cortesemente mettere la seguente colonna sonora? Ah! Ah! Ah! In questo caso, devo ammettere, è cosa buona e giusta……

 

Arsenico17