“Il peso delle parole dipende da chi le pronuncia”.

Una massima importante e molto spesso tirata in ballo nei discorsi di tutti i giorni, ancor più se una delle alte cariche del giornalismo come Carlo Freccero, direttore di Rai2, sferra un attacco così netto a carico della Juventus.

Sia ben chiaro, non è importante la verità delle sue dichiarazioni, ma lo è la portata delle sue parole, perché nel sistema Italiano e Europeo (Lega e Uefa) la Juventus ha assunto una posizione di spicco e non tanto in campo ma quanto dal punto di vista dirigenziale. 

I suoi introiti e il suo marchio sono diventati top mondiali, così come Real, Barcellona, Bayern Monaco e così come tutte queste squadre, la Juve ha ora un “peso” nelle scelte del calcio, lo dimostra il fatto che colossi come City e Psg rischiano molto per quanto riguarda il Fair Play Finanziario e squadre che cercano il rilancio vedi: Inter, Milan, Atletico ecc. vengono di continuo affossate da questo marchingegno.

È un disegno ben chiaro, le squadre con più sostenitori e che fanno più introiti devono avere vantaggi, al discapito di chi prova la scalata con soldi freschi (arabi,cinesi, fondi esteri) tutto per creare i super team e creare super partite con 22 stelle in campo e aumentare i fatturati della Uefa.