Che la Juve sia in parte ossessionata dall'Inter, è un dato di fatto incontrovertibile. Prova ne è il tweet post sconfitta dell'Inter dall'Europa League. Ma stiamone certi che la cosa è ricambiata. D'altronde se questo è il derby d'Italia, un motivo ci sarà. E questo derby passa anche da dispetti, provocazioni. La Juventus è quella società che può permettersi di esonerare uno dei migliori allenatori al mondo, Sarri, dopo aver vinto uno scudetto. Certo, è vero che l'obiettivo era il triplete, ma questo è quello che è successo. E la scelta su Pirlo va oltre l'essere la semplice scommessa. È una provocazione diretta all'Inter? Anche. 
 
Perchè è l'Inter che l'anno prossimo ha l'obiettivo di vincere lo scudetto, non può fallire, poi uno può raccontarsi tutte le storie che vuole, ma questo è. E la Juventus di Pirlo, deve puntare al decimo scudetto consecutivo. Una provocazione perchè se Pirlo dovesse riuscire in questa avventura, che sarebbe una vera impresa, si realizzerebbe quella gioia alla Leonardo da Vinci, l'allievo che supera il maestro. E sarebbe una beffa tremenda per Conte e per l'Inter made in Cina che sta sognando Messi, sperando che non sia l'ennesimo caso Modric. Ma sarebbe anche un messaggio chiaro, che la Juve può vincere con qualsiasi allenatore. Pirlo, Sarri, Allegri, che questo sia. Una chiara provocazione che solo Conte potrà fermare. Certo, va detto che se la Juve dovesse perdere lo scudetto avrebbe forse la scusa già pronta, era la prima esperienza di Pirlo, una scommessa tutta italiana, e nessuno in Italia oserà mai criticare Pirlo più di tanto, perchè è uno dei giocatori più rispettati nella storia del calcio italiano.
 
Insomma si sono tutti gli ingredienti perchè la prossima stagione, che è oramai alle porte, sia ricca di tensione calcistica, competizione, provocazione, e botta e risposta fino all'ultima partita, si spera. Infatti, l'auspicio di tutti è che il punto che possa separare le due duellanti in classifica sia reale e non illusorio come quello della stagione che si è appena concluso, con la Juve che dopo aver vinto lo scudetto ha mollato la presa, e quel punto di distanza non significa che l'Inter si è giocata lo scudetto fino all'ultima giornata, come qualcuno vorrebbe fare intendere o potrebbe intendere in modo errato tra qualche anno leggendo il risultato finale di questa classifica.