La decisione di proseguire con Conte è una decisione disastrosa, sotto tutti i punti di vista. Un allenatore che viene pagato 12 milioni all'anno,  a cui viene fatto un mercato importante, sbraita in maniera spropositata e delirante contro la società che non ha mai replicato in maniera altrettanto dura.  
Non solo sbraita dopo Bergamo e Colonia, ma durante l'anno sono state diverse le sbroccate contro la società ma anche contro i giocatori (ad esempio dopo Dortmund). Un allenatore che ha dimostrato di non saper gestire la non vittoria e di essere sempre incontentabile e non ha mostrato di capire che chi sta sulla panchina di una squadra importante non può comportarsi cosi.

Ma la società ha mostrato di essere debole e di non farsi rispettare dall'allenatore, che dal canto suo ha dimostrato che le sue parole non valgono a nulla. Un allenatore che dopo essersi preso il lusso di gettare fango sulla società dopo Roma, Bergamo e Colonia, non si è dimesso e non ha rinunciato ai soldi. 
Un allenatore top non si comporta così e non si è mai visto un mister che getta fango sulla società in questo modo e rimanere in sella.  
Un errore che si vedrà sul campo, con il rischio di essere costretti a concludere il rapporto durante l'anno perchè è evidente che è un allenatore che  sbarellerà di nuovo alle prime difficoltà.
Da ricordare che nel maggio 2014 la Juventus aveva annunciato su Twitter che Conte sarebbe stato l'allenatore per la stagione 2014/2015. E Conte due mesi dopo risolse il contratto con la società bianconera, a ritiro già iniziato.  

La storia non cambierà, questo progetto è destinato a naufragare o durante l'anno o alla fine. Perchè è un allenatore ingestibile, che non sa accontentarsi e che alla fine si lamenta sempre, sempre, sempre.
Così vai a sbattere contro un muro. 

 Bassano Giancarlo.