Fino a poco tempo fa Antonio Conte era tra gli allenatori più richiesti e forse lo è ancora, ma le dinamiche di questo mercato allenatori sembra chiudergli varie destinazioni. Un suo ritorno in Italia sembra al momento impossibile visto che le squadre italiane maggiori hanno confermato gli attuali allenatori, a meno di clamorosi ripensamenti, un ritorno in nazionale idem, il PSG che sembrava la destinazione predestinata ha già scelto. Il suo divorzio dal Chelsea è ormai scontato, ma che farà. L'unico top team che non ha ancora sciolto le riserve sarebbe il Real Madrid, ma in caso di ennesima vittoria sabato prossimo nella finalissima di Kiev sembrerebbe impossibile un cambio alla guida delle merengues, ma nel calcio tutto cambia in un attimo, basta un tassello che si sposta per ottenere un effetto domino. 

Vedremo, ma per il momento il rischio per Conte di rimanere fermo attualmente è abbastanza alto.

Senza contare che anche Ancelotti è tra il top allenatori che non ha ancora trovato una sistemazione adeguata per la prossima stagione.

Bisognerà aspettare sabato prossimo per vedere se partirà da Madrid quella scintilla che poi farà scattare una sorta di valzer delle panchine e vedere se in questo ballo Antonio Conte farà la sua parte.