Cristiano Ronaldo non è più un giocatore della Juventus. 
Questi fatti testimoniano la fine del mito di CR7. Di un Cristiano Ronaldo che vuole andarsene, ma che nessuno ha voluto fino a pochi giorni dalla fine del mercato, di un Cristiano Ronaldo che arriva a fine agosto, che ancora spera di andarsene quando uno come lui dovrebbe decidere dove andare, e aveva trovato il Manchester City che lo voleva solo perché non è riuscito a prendere Kane, salvo poi tirarsi indietro considerandolo nemmeno una seconda scelta.
Questi fatti testimoniano inequivocabilmente il passaggio di Cristiano Ronaldo da giocatore straordinario ambito da tutti, a giocatore normale, che a pochi giorni dalla fine del mercato ancora era alla ricerca di un ingaggio, dopo aver snobbato senza farsi problemi la Juventus, nella stessa estate in cui Messi trova immediatamente un ingaggio da 35 mln annui al PSG. Questi fatti testimoniano la morte del mito di CR7, che torna ad essere soltanto Cristiano Ronaldo.

I veri giocatori si vedono nei momenti di difficoltà e Cristiano Ronaldo appena la Juventus è entrata in difficoltà, se ne è scappato senza farsi problemi. Ha dimostrato che della Juventus non gliene è mai fregato nulla, ma lo stesso vale per i tifosi della Juventus nei suoi confronti, perché Cristiano Ronaldo resterà nel cuore di ben pochi juventini. La verità è che Cristiano Ronaldo non è mai stato parte del gruppo Juventus, fateci caso, si è sempre parlato di una Juventus più Ronaldo, non ha mai fatto davvero parte del gruppo, e se ne va da menefreghista e da sconosciuto dimostrando per l'ennesima volta di essere un individualista senza carattere.

Cristiano Ronaldo si è dimostrato per l'ennesima volta un arrogante che pensa solo a se stesso ed è questo che ha impedito alla Juventus di arrivare ai traguardi che sperava prendendolo, ottenendo invece l'effetto contrario: perchè quando hai CR7 in rosa, o hai 10 fuoriclasse che giocano esclusivamente in sua funzione (come nel suo Real Madrid), o l'unico risultato che ottieni è che lui segnerà 40 gol a stagione, ma il resto del gruppo ne uscirà indebolito e risentito e con esso anche i risultati sportivi. Cristiano Ronaldo si dimostra un uomo senza carattere che quando la Juventus ai suoi occhi non è stata più abbastanza forte, l'ha abbandonata senza farsi alcuno scrupolo.

Per come la vedo io, il vero Cristiano Ronaldo è quello del Manchester United e della Juventus, un grandissimo giocatore ma non un fuoriclasse capace di segnare un'epoca, il mito che si è costruito nei 9 anni di Madrid lo deve a una sola persona: a Florentino Perez, che per 9 anni non ha pensato ad altro che a costruire una squadra di fuoriclasse che giocassero esclusivamente PER lui, senza di essi è solo una macchina da gol fine a se stesso, perché i gol non conta quanti ne fai, ma conta quando li fai e soprattutto quanto sai essere utile alla squadra.

Nel calcio vincono le squadre, non i singoli e questo concetto a Cristiano Ronaldo, all'età di 37 anni, ancora non è chiaro e non lo sarà mai.