I 5 migliori giocatori in coppa d’Africa
La coppa d’africa, arrivata ormai alla sua trentaduesima edizione è giunta agli ottavi di finale, è stata vinta nella sua ultima edizione dal Camerun, nel 2017 mentre la nazione che ha vinto più edizioni è L’Egitto, che è riuscito a portare a casa le edizioni del 1957,1959,1986,1998,2006,2008,2010, a seguire c’è proprio il Camerun seguito al terzo posto dal Ghana.

Grazie alla Coppa D’Africa abbiamo conosciuto moltissimi talenti, soprattutto in Italia, dove abbiamo visto e vediamo giocare giocatori dal calibro di Salah, uno dei candidati agli scorsi palloni d’oro, Koulibaly, difensore del Napoli richiestissimo che in pochi anni ha conquistato tutti, Ghoulam, terzino degli azzurri insieme anche a Malcuit.
Questi erano solo alcuni dei giocatori che hanno fatto così bene da meritarsi di entrare nella Top 11 della Coppa D’Africa.

Denis Onyango
Nel 2016 ha vinto la Premier Soccer League sudafricana e la CAF Champions League con il Mamelodi Sundowns.
Il 5 gennaio 2017 è stato votato Giocatore africano dell'anno tra quelli militanti nei campionati africani. Ha raccolto 252 voti, 24 in più di Khama Billiat.
È stato votato decimo miglior portiere del mondo del 2016 dall'IFFHS.
Inizia nel 2004 al Villa dove resta un anno a giocare molto poco prima di passare al St. George, dal 2006 al 2010 si afferma in SudAfrica oltre ad affermarsi con la sua nazionale ai Mondiali di Germania.
Nel 2010 rimane in Africa giocando nel Mpumalanga, rimanendo ìci per 1 anno e collezionando 16 presenze prima di passare al Mamelodi, dove gioca dal 2011 e dove si è affermato come grande portiere tanto che nel 2016 è stato votato come decimo migliore al Mondo.

Faouzi Ghoulam
Nato in Francia, nel 2013 ha cambiato la sua nazionalità, diventando giocatore della Nazionale Algerina, inizia a giocare nel 1999 nelle giovanili del Saint Etienne, dove cresce molto bene in ambito calcistico, nel 2010 approda nella squadra maggiore dei neroverdi, rimanendo fino al 2014 e segnando 1 gol in 87 presenze.
Dal 2014 è un giocatore del Napoli, richiestissimo anche da moltissimi club europei, dove ha giocato per 121 volte, causa anche un infortunio, è ancora un azzurro.

Kalidou Koulibaly
Passa il suo periodo nelle giovanili iniziando dal Saint-Diez per poi passare al Metz, squadra che lo fa esordire nella squadra maggiore per giocarci 2 anni, attirando l’attenzione del Genk dove va a giocare, alla grande dal 2012 al 2014 per passare poi al Napoli, attirando l’attenzione di Monaco e Manchester United.

Al Napoli dal 2014 ha giocato per 158 volte segnando 10 reti, tra cui una indimenticabile per i tifosi italiani la rete contro la Juventus, rivelatasi alla fine inutile perché lo scudetto alla fine fu vinto dai bianconeri, bianconeri che adesso sono molto interessati, insieme a molte altre squadre europee, al giocatore del Senegal ed ex Nazionale under 21 francese valutato però 100 milioni dal club di De Laurentis

Medhi Benatia
Dopo vari anni, dal 2000 al 2010, in Francia tra giovanili e squadre maggiori quali il Marsiglia, il Tours, il Lorient, il Guigmamp, il Clement Foot, nel 2010 passa all'Udinese, dove rimane per 3 anni, prima di consacrarsi e passare alla Roma nel 2013, dove resta fino al 2014, proprio in quell'anno passa al Bayern. Rimane in Germania per 2 anni prima di passare alla Juve dove resta per 3 anni, quando dopo delle incomprensioni con Allegri decide di passare all'Al-Duhail dove gioca tutt'ora.

Kwakwo Asamoah
Può essere schierato come laterale sinistro di difesa o centrocampo, nonché come centrocampista centrale. L'allenatore Massimiliano Allegri, suo estimatore, l'ha descritto come: «uno di quei cavalli che stanno fermi a lungo, e appena hanno occasione, ripartono a mille». [1] Dopo vari anni nelle giovanili del Kaseeman, passa al Liberty Prof, in Ghana e un anno dopo passa la Bellinzona, squadra svizzera. L’anno seguente arriva in Italia, al Torino oltre ad essere convocato nella nazionale del Ghana. Nel 2008 arriva all’Udinese, dove resta per un quattro anni e dove si afferma come terzino per poi passare alla Juventus dove gioca dal 2012 fino al 2018, prima di passare all’Inter dove gioca tutt’ora.

Hachim Zyech
Esordisce nell’Heerenven dove gioca molto bene e dove rimane dal 2007 fino al 2014, segnando 11 gol in 36 presenze per poi passare al Twente nel 2014, per rimanerci 2 anni e per esplodere, segnando 30 gol in 68 presenze per poi passare all’Ajax dal 2016 è un giocatore dei lancieri, con cui ha segnato 34 gol in 91 presenze.oltre ad essere uno dei migliori giocatori in forza al Marocco con cui dal 2015 ha segnato 14 gol in 28 presenze.

Naby Keita

  1. nella terza serie francese nel 2013, con l’Istres, per rimanerci un anno e per segnarci 4 gol. Nel 2014 passa al Salisburgo, dove rimane per 2 anni segnando 17 gol in 59 presenze dove si afferma prima di passare all’altra squadra targata RedBull, il Lipsia, che in questi anni ha sfornato un sacco di talenti. Nel 2018 passa al Liverpool per circa 51 milioni di euro. Dal 2013 gioca con la nazionale della Guinea.

Ryad Mahrez
Mancino naturale, dotato di ottima tecnica di base e di un grandissimo dribbling, può giostrare su entrambe le fasce ma il ruolo in cui riesce a dare il meglio di sé è quello di ala destra, dove può puntare l'avversario rientrando, per convergere nel calciare verso la porta con il mancino. Nel Leicester occupava il ruolo di esterno destro nel 4-4-2. Buon rigorista, ha segnato 9 dei 12 rigori calciati con la maglia del Leicester City.
Inizia con il Quimper Cornouaille per poi passare alla seconda squadra del Le Havre, dove rimane per 3 anni, segnando 24 gol in 63 presenze per passare alla prima squadra nel 2011 alternandosi con il Le Havre 2, nella prima squadra segna 6 gol in altre 60 presenze.
Passa al Leicester nel 2014, portando la squadra allenata da Ranieri a vincere lo scudetto e rimanendoci quattro anni, segnando 42 gol in 158 presenze, prima di passare al Manchester City nel 2018 segnando 7 gol in 27 partite.
Dal 2014 è anche un giocatore della nazionale algerina, con cui ha segnato 11 gol in 49 presenze.

Momo Salah

  1. il Messi d'Egitto, è considerato uno dei migliori giocatori in circolazione. Il suo ruolo preferito è ala destra in un attacco a 3, così da poter rientrare sul suo piede forte, ma può giocare anche sulla fascia sinistra, come trequartista, come punta centrale, o come seconda punta. Mancino naturale, le sue caratteristiche migliori sono la velocità di dribbling, la tecnica e la rapidità che sfrutta per duettare con i compagni di reparto e lanciarsi a rete.

Inizia a giocare Al-Mokawloon, squadra egiziana dove è rimasto per 2 anni, segnando 11 gol in 38 presenze, mettendosi in mostra e passando al Basilea, arrivando in Europa ed esplodendo alla grande a Basilea, in Svizzera, dove resta 2 anni, e dove è notato dal Chelsea, che lo porta in Inghilterra nel 2014 dove però gioca molto poco ma riesce comunque a farsi notare segnando 2 gol in 13 presenze, per poi passare alla Fiorentina dove però non gioca molto ma fa vedere cose molto interessanti, tanto da meritarsi l’interesse e la fiducia della Roma, che ripaga segnando 29 gol in 2 anni, dal 2015 al 2017 facendo tantissimi assist, tanto da far diventare il bomber Dzeko capocannoniere della Serie A.
Passa al Liverpool nel giugno 2017 per 42 milioni di euro, divenendo l’acquisto più costoso della storia del Liverpool fino a quell’anno, ma Salah si rivela un acquisto magistrale, infatti oggi il suo valore è lievitato ed oggi vale 150 milioni di euro.
Dal 2011 gioca con l’Egitto, con cui ha segnato 41 gol in 66 presenze, divenendo un vero e proprio idolo per l’intera nazione.

Sadio Manè
Compagno di squadra di Salah, esordisce nel Metz nel 2011, per passare al Metz nel 2011, dove tra pirma e seconda squadra realizza 4 gol in 34 presenze per poi passare al Salisburgo nel 2012, dove rimane per 2 anni, giocando molto bene e segnando molto, 31 gol in 67 presenze.

Passa al Southampton nel 2014 per rimanerci altri 2 anni, fino al 2016 ed i 21 gol in 67 presenze attirano il Liverpool che decide di portarlo a casa per 41 milioni di euro, proprio come Salah oggi il suo prezzo è lievitato ed è anche uno dei migliori giocatori della sua nazionale, il Senegal.

Nicolas Pepè
Esordisce nell’Angers, dove gioca anche nelle giovanili dell’Angers dove gioca solo 7 volte prima di passare all’Orleans, dove colleziona 29 presenze segnando 7 gol.
Nel 2016 passa all’Angers, dove rimane un anno giocando da titolare e segnando 3 gol conditi da molti assist in 33 presenze.
Dal 2017 gioca nel Lille ed è seguito da mezza Europa per i suoi 35 gol in 74 presenze.
Dal 2016 gioca nella Costa D’avorio


Andiamo a vedere la squadra dei titolari insieme ai promettenti sostituti

Onyango(Onana);

Ghoulam;Koulibaly(Bailly);Benatia(Ndidi);Asamoah(Thomas);

Zyech;Keita;

Manè(Sarr);Mahrez(Miya);Salah(Henry Onyekuru)