La competizione nei più grandi campionati d'Europa viene "distrutta" dai club che hanno "un enorme potere finanziario", afferma l'allenatore dell'Arsenal Arsene Wenger, facendo riferimento a esempi in Francia, Germania, Inghilterra e Spagna. Il Paris Saint-Germain ha 11 punti di vantaggio in Ligue 1, il Bayern Monaco ha un vantaggio di 16 punti in Bundesliga e il Manchester City ha 15 punti di vantaggio nella Premier League. Wenger ha aggiunto che è chiaro oramai a tutti come "l'imprevedibilità del calcio è diminuita. Quando guardi i cinque grandi campionati in Europa, a dicembre già conosciamo quattro campioni. Ciò significa che qualcosa non è giusto nel nostro gioco: l'enorme potere finanziario di alcuni club sta praticamente distruggendo la concorrenza". C'è da dire che in Spagna il Barcellona ha un vantaggio di 11 punti sull'Atletico Madrid. Ma sono i campioni in carica del Real Madrid che stanno soffrendo una stagione sorprendentemente difficile, trovandosi 19 punti dietro al Barça e al quarto posto. L'altro campionato che di solito figura nella "top five" europea è la serie A, dove il Napoli è un punto avanti rispetto alla Juventus, vincitrice del titolo nelle ultime sei stagioni. Questo è merito soprattutto del Napoli, che con un monte ingaggi molto più basso di quello della Juve sta riuscendo nell'impresa di tenere testa ai bianconeri, proponendo anche un bel calcio. Tutto al contrario della squadra di Allegri, che non si preoccupa molto di regalare un bel calcio ai suoi tifosi, è più preoccupata di vincere. Non importa come.

Le dichiarazioni del francese Wenger vengono rilasciate due giorni dopo che le spese di trasferimento in Premier League hanno raggiunto nuovamente livelli record. I club del massimo campionato inglese hanno speso 150 milioni di sterline mercoledì - il giorno di chiusura della finestra di trasferimento invernale - portando il loro esborso per il mese a 430 milioni di sterline. In seguito alla chiusura della finestra di trasferimento dell'estate a settembre, Wenger ha dichiarato che le regole del Fair Fair finanziario dell'Uefa - introdotte per prevenire il cosiddetto "doping finanziario" - dovrebbero essere eliminate perché i club "non le rispettano". Il PSG ha più che raddoppiato la quota di trasferimento del record mondiale quando ha acquistato Neymar dal Barcellona la scorsa estate, prendendo anche Kylian Mbappe in prestito, con un accordo secondo cui dovrebbe prenderlo a titolo definitivo per 165,7 milioni di sterline alla fine della stagione. Inoltre il Manchester City è stato accusato di "doping finanziario" dal presidente della Liga Javier Tebas, il quale ha anche detto che il PSG stava "ridendo del sistema" con i loro acquisti estivi.

Le uniche domande che mi pongo sono:

1) Vedendo le spese dell'Arsenal nel calciomercato, è Wenger la persona adatta a parlare di spese folli?

2) Vedendo i risultati in campo di Arsenal, United, Liverpool ecc., il calcio ha perso veramente imprevedibilità?