Io vorrei che qui sotto nei commenti venga data risposta ad una semplice (o forse non troppo) domanda: perché il Genoa sta vendendo nel calciomercato di gennaio il suo miglior giocatore?

Questi fatti confermano l'ormai palese svogliatezza di un presidente, Enrico Preziosi, che farebbe molto meglio a vendere il club a qualcuno di più ambizioso. Parliamo di un uomo che possiede uno dei patrimoni più alti d'Italia (cifre a nove zeri...) e che nonostante sia proprietario, di un club calcistico con una storia prestigiosissima come il Genoa, investe in questo somme pari a squadre di seconda serie. Qualche mese fa ha esonerato Ballardini, con il quale il Genoa viaggiava a ritmo Europa League e l'ha sostituito con Juric, uno che nella sua carriera in Serie A ha mai combinato nulla, e il risultato è che ora il Genoa è quattordicesimo. L'affare Piatek conferma tutto questo: vendere a gennaio il proprio miglior giocatore, il quale è stato autore di più della metà dei gol siglati finora dall'intera squadra (13 di Piatek su 25 totali), è la prova che a Preziosi del Genoa frega ormai meno di nulla; mancano ancora diciotto partite e senza il polacco la possibilità di retrocessione è assolutamente concreta. I TIFOSI DEL GENOA DOVREBBERO ORGANIZZARE UNA MAXI-PROTESTA contro il proprio presidente e costringerlo a vendere il club.

In ogni caso, dal punto di vista del Milan, non capisco perché abbiano comprato Piatek. Ora, io non so perché in casa rossonera considerino Cutrone tanto inadeguato a giocare da titolare (e la cosa è strana visto che trattano il mezzo allenatore che si ritrovano come un salvatore della patria), ma veramente serviva prendere come titolare una sua copia solo molto più costosa? Io Piatek non l'avrei mai preso, la storia recente è colma di attaccanti che avevano fatto grandi cose in piccole/medie squadre ma che poi hanno fallito il grande salto: basti pensare a Kalinic, il quale alla Fiorentina era uno dei migliori centravanti della Serie A e poi al Milan pareva l'ombra di se stesso, oppure Bacca che fu protagonista di due Europa League vinte dal Siviglia ma che poi in rossonero sembrava neppure saper controllare un pallone, per non parlare poi di André Silva. Per questi tre attaccanti citati furono sborsate cifre molto alte simili all'esborso che sarà effettuato per Piatek, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: Milan scarso come mai negli ultimi trentacinque anni e l'UEFA che non fa altro che assegnarci sanzioni. Nella situazione finanziaria in cui si trova il Milan, una tale cifra spesa per un giocatore che avrà sì segnato tredici gol, ma la maggior parte di questi durante un inaspettato expoit ad inizio stagione e che prima di settembre nessuno conosceva, mi sembrano francamente una grande follia.

L'operazione comunque ancora non è conclusa e dal canto mio continuo a pensare che sia davvero stranissimo che il Genoa stia vendendo a gennaio il suo miglior giocatore, con tutto un girone di ritorno da affrontare e una possibile retrocessione da evitare in ogni modo. Che tutte queste voci non confermate siano solo delle stra-gonfiature su un'interessamento del Milan per Piatek da parte di giornalisti a corto di idee? Non mi sorprenderei se fosse così.