Altro giro altra corsa, la Juventus vince nella nebbia di Bolagna e si porta a 31 al quinto posto a pari merito con la Roma che ieri ha sfondato un'Atalanta 1-4, uscita qualche giorno prima dal giro Champions con un'altra caduta interna contro il Villarreal. La Juventus vista ieri al Renato Dall'Ara ha fatto una buona impressione per un tempo, collegando il buono del primo e del secondo, con al seguito quel blackout che si porta dietro nelle gestioni Allegri dai tempi.
Come si è ben notato questa Juventus non può fare a meno del miglior Cuadrado, altro che di Paulo Dybala, al contempo il far rifiatare Alex Sandro mettendo dentro Luca Pellegrini ha portato quella freschezza che mancava da qualche giornata a questa parte, il romano sta scalando le gerarchie di Allegri e non è detto che venga riconfermato anche nella prossima gara di campionato.
La Juventus piace, ma continua a non convincere del tutto, e questo credo che continuerà anche se porta a casa le vittorie come ha fatto fino ad ora, ma se le porta a noi tifosi non può far altro che piacere, si dice che spesso la fortuna aiuta gli audaci, quindi perchè non volare sulle sue ali fin quando questa c'è? A me non piace, questo è assodato fin dall'inizio della stagione, forse potrei cambiare idea se a gennaio arriveranno queste benedette cessioni e al contempo questi benedetti acquisti, o se vogliamo dirla tutta rinforzamenti soprattutto sulla mediana.
Che questa Juve abbia del potenziale lo potremmo pensare benissimo, anche perchè se i giocatori vengono messi nel ruolo che preferiscono potremmo vedere davvero di che pasta sono fatti. Sorpreso da Bernardeschi? A me non piace, è una cosa a pelle? Diciamo di sì.
Sono soddisfatto che Luca Pellegrini abbia spazio, perchè lo ricordo sia in Under 20 italiana che nel Genoa, a mio avviso è un prospetto da non far rovinare alla spalle di Alex Sandro, cha a mio avviso si può anche cedere a fine stagione è puntare sul romano. Nella speranza poi che rientri Danilo il prima possibile, perchè è un giocatore a mio avviso insostituibile, spero venga fatta una iniezione di fiducia su qualche altro giovane, che salga dalla primavera o dall'Under 23, spazio anche all'astro nascente Matias Soulè, diciottenne argentino che Allegri ha portato spesso in panchina e ha fatto anche esordire. Questa squadra ha del potenziale, certo bisogna anche capire chi non è da Juve; A malincuore e con la speranza che andando in un'altro club riesca a far vedere quello che nella Juve non è riuscito a far vedere, Dejan Kulusevski va ceduto il prima possibile, così come Arthur, altro giocatore che sembrava dovesse spaccare le partite, mentre qui ha spaccato solo le p***e, per passare a Ramsey che si è messo sul mercato da solo, per chiudere con Moise Kean che quando andò via venne rimpianto e dopo averlo preso ci ha fatto rimpiangere il non avergli preferito un Icardi o un Cavani della situazione.

Chiudo con un plauso alla mia squadra, che anche io ho bersagliato spesso in questa stagione, per la sua sesta posizione, anche se poi è quinta a pari merito con la Roma, ma sotto nella differenza reti fatte mentre è apri in quelle subite, a cinque punti dal Napoli quarto, a sei punti dall'Atalanta terza che ha già giocato, e a otto punti dal Milan secondo, punti irraggiungibili al tempo, mentre oggi con la sconfitta di una delle due, Napoli o Milan, la Juve avrebbe preso tre punti su una, e se pareggiano ne prenderebbe comunque due, mentre per ora è quasi impossibile vedere distanza dall'Inter, che viaggia ad un ritmo insostenibile a quota 43 punti e difficilmente, ad oggi, lascerà punti in casa o fuori.

Ma quel detto che spesso ho sentito dire "Piano piano, si arriva fino a Milano", non ci resta che sperare e aspettare.