Ormai l'Atalanta è una realtà del campionato di Serie A e non più una sorpresa. Il lavoro di Gasperini è stato impressionante. Ha creato una struttura di gioco con dei meccanismi collaudati che rendono la squadra nerazzurra di Bergamo bellissima da vedere, con giocate da uno e due tocchi e repentini cambi di gioco con frequenti  inserimenti degli esterni.

In questi anni ha ottenuto un quarto e un terzo posto, raggiungendo il settimo nell'anno in cui ha giocato l'Europa League vincendo il girone contro Lione, Everton e Apollon Limassol, venendo eliminata dal Borussia Dortmund in un doppio confronto in cui la squadra bergamasca  è andata vicinissima al passaggio del turno.

Ma la qualificazione alla prossima Champions League ha premiato il grande lavoro non solo di Gasperini, ma anche della società bergamasca.  

Quest'anno, con gli innesti di Muriel, Malinosky e Skrtel, la squadra nerazzurra può competere per ritornare in Champions League la prossima stagione, anche se bisogna vedere come i ragazzi di Gasperini reagiranno al doppio impegno Campionato-Champions League.

La Champions League comporta un importante dispendio di energie fisiche e elevate. Ma è un palcoscenico straordinario che l'Atalanta si è meritata e che sogna di poterci rimanere per lungo tempo. 



Bassano Giancarlo