L'Atalanta batte il Valencia 4 a 1 agli ottavi di Champions League  e ha una grande possibilità di qualificarsi ai quarti  della massima competizione europea, la Lazio di Inzaghi  si trova a meno uno dalla Juventus in piena lotta scudetto. 

Gasperini e Inzaghi  lavorano da anni e ottengono risultati importanti e superiori rispetto alle aspettative anche grazie al sostegno della società che negli anni hanno appoggiato i propri tecnici, anche nei momenti più difficili.   

Gasperini allena a Bergamo dalla stagione 2016-2017. Il primo anno dopo un inizio faticoso con 3 punti dopo 5 partite, l'Atalanta ha ingranato arrivando al quarto posto e qualificandosi ai gironi di Europa League.  

La stagione 2017-2018 la squadra di Percassi svolge un ottima Europa League, superando il girone con Lione, Everton e Apollon Limassoll in maniera agevole e qualificandosi per i sedicesimi dove viene eliminata dal Borussia Dortmund, in un doppio confronto dove ha pagato i diversi errori sotto porta. In campionato paga il percorso europeo arrivando comunque a qualificarsi per i preliminari di  Europa League.  

In questi anni l'Atalanta cresce sempre di più mostrando di giocare un calcio che la fa passare dal lottare per la salvezza al lottareper la posizione europea.  Hateboer, De Roon, Freuler, Toloi oltre al solito Gomez emergono in maniera clamorosa.

La stagione 2018-2019 parte con un'eliminazione ai preliminari di Europa League con il  Copenaghen.  Un eliminazione che però non ha fatto smettere alla società di credere nel lavoro dell'allenatore. Nonostante questa sconfitta avrebbe potuto avere ripercussioni dal punto di vista mentale,   la squadra migliora ancora disputando eccellenti partite contro l'Inter nel novembre 2018 (4 a1), contro la Juventus nel gennaio 2019 (3 a 0), arrivando alla qualificazione in Champions recuperando  10 punti alle squadre che sostavano al quarto posto  e  arrivando alla finale di Coppa  Italia. 

In questa stagione, si trova a più sette (considerando lo scontro diretto) sulla Roma quinta e con la possibilità di arrivare ai quarti di Champions Da menzionare il 5 a 0 a dicembre 2019 contro il Milan e il 5 a 0 contro il Parma.

Senza spendere molto e rivendendo a prezzi importanti, la squadra ha cresciuto il suo livello e i giocatori sono inseriti in un contesto dove sono valorizzati, sanno quello che devono fare e credono nell'allenatore e nelle sue idee.

Inzaghi si siede sulla panchina subentrando nell'aprile  2016 al posto di Pioli. La squadra arrivò ottava alla fine della stagione, ma sembrava un traghettatore  in attesa di un nuovo allenatore.   

Saltato Bielsa, che sembrava essere destinato a sedere sulla panchina biancoceleste, Lotito decise di dare fiducia a Inzaghi.

Nella stagione 2016-2017 la squadra arriva a qualificarsi all'Europa League, arrivando al quinto posto. 70 punti e 74 reti messo a segno.  In quella squadra  contribuiranno al risultato giocatori che oggi formano la struttura portante, come Immobile, Milinkovic Savic, Luis Alberto e Lulic.  

La squadra biancoceleste raggiunge anche la finale di Coppa Italia dopo aver battuto la Roma di  Spalletti nel doppio confronto, finale perduta contro la Juventus di Allegri. 

La stagione 2017-2018  comincia con la vittoria della supercoppa italiana contro la Juventus, per 3 a 2. Una partita che ha certificato  già come le idee di Inzaghi sono stati ben assimilati dalla squadra e  che comincia a ottenere incredibili risultati.

Una squadra che vince di nuovo contro la Juventus  due mesi dopo, a Torino, con doppietta di Immobile. 

La squadra arriverà a battersi per il quarto posto con l'Inter sino all'ultimo perdendo lo scontro diretto. In Europa League arriva sino ai quarti, viene eliminata dal Salisburgo dopo aver vinto l'andata per 4 a 2. 

Nella stagione 2018-2019 la Lazio vince la Coppa Italia, battendo l'Atalanta in finale per 2 a 0. Una squadra che ha un gioco basato su una grande densità sotto la linea della palla e immediate verticalizzazioni. 
In campionato arriva ottava, perdendo la possibilità di lottare per il quarto posto dopo le sconfitte con Spal e Chievo e pareggiando con il  Sassuolo. 

In Europa League viene eliminata dal Siviglia ai sedicesimi. 
In quest'annata, ad oggi, lotta per il campionato  e in casa ha battuto sia la Juventus che l'Inter.
Juventus battuta non solo in campionato ma anche in supercoppa, vincendo così il terzo trofeo della sua gestione.
In Europa League eliminata ai gironi.

La squadra di Inzaghi, così come quella di Gasperini, è formata da giocatori che stanno insieme da tanti anni e questo ha portato a far si che  all'interno del gruppo si sia formata una sorta di "chimica"  che aiuta e contribuisce a portare   dei risultati superiori alle aspettative.
Un percorso fatto di ostacoli e che hanno superato grazie al supporto della società. La Lazio è stata eliminata ai gironi dell'Europa League a sorpresa e  l'Atalanta  nella stagione 2018-2019  è stata eliminata dal Copenaghen  ma hanno continuato a lavorare cambiando sempre poco.

Ma il loro modello è replicabile nei grandi club? 

Probabilmente con il fatto di non spendere tanto ma essendo società oculate e quindi non creando pressioni e aspettative al contesto, fanno digerire molto più facilmente i passi falsi che nelle piazze più grandi sono condannati molto di più.

Ecco perchè probabilmente il loro modello non è facilmente trasportabile nei grandi club. Inter, Milan e Juventus hanno un peso diverso e le  loro maglie "pesano" molto di più nei giocatori che in squadre come Atalanta e Lazio.

Inoltre, avendo raggiunto nella loro storia i  più altri  traguardi, i risultati che stanno ottenendo Atalanta e Lazio non verrebbero accolti allo stesso modo se raggiunti da questi club con grande storia, perchè hanno raggiunto diverse volte il massimo risultato possibile in quelle competizioni e quindi quei  traguardi  verrebbero considerati scontati.

I giocatori che giocano con Atalanta e Lazio hanno molta più possibilità di fare bene che nelle squadre più blasonate perchè giocano senza pressioni e con le "luci " dei media non  puntati su di loro. I giornali e programmi più  esposti  alle critiche  e alle pressioni. 

Questo non significa che non sia un modello da seguire, ma la società deve essere brava a proteggere e sostenere il gruppo di lavoro anche nei momenti di difficoltà anche contro le critiche.

 

Bassano Giancarlo