L'Atalanta  ha compiuto un altro miracolo, qualificandosi  agli ottavi di  Champions League.  Un risultato che premia gli sforzi della squadra di Bergamo che supera   il girone favorito anche dalla presenza di squadra di non elevato prestigio. 

Senza Zapata e Illicic,   l'Atalanta si è imposta  meritando la vittoria e concedendo poco agli avversari.  Una squadra  che pratica un calcio europeo, caratterizzato da  tecnica e velocità. Evvero, che gioca  con una difesa a 3,  ma i  due esterni sono  offensivi e la squadra gioca alta cercando di giocare sulla metà campo avversaria.  

Gasperini ha portato l'Atalanta ha lottare per la salvezza a lottare   per la qualificazione in Champions League e giocare gli ottavi   della massima competizione europea. Anche se, a mio avviso, per suggellare un percorso  che porta una squadra a essere competitiva,  è necessario che essa vinca almeno un trofeo. Perchè poi nella bacheca rimangono trofei, non le qualificazioni  a un turno di coppa  o alla competizione. 

La Lazio  con Simone Inzaghi ha vinto una supercoppa e una coppa italia,  anche se non ha mai giocato in Champions sino ad ora    in bacheca  ha posto due trofei. 

I complimenti   alla società e alla squadra sono comunque  doverosi, perchè il percorso è straordinario e frutto di un ottimo lavo

Bassano Giancarlo.