L'Arsenal è una squadra che dopo aver chiuso, ormai una stagione fa, l'era sportiva durata ventidue lunghi anni targata Arsene Wenger, ha iniziato sotto la guida di Unai Emery un percorso di rinnovamento mirato a tornare ai livelli a cui i Gunners da troppi anni non competono. Parliamo di una delle tre squadre più vincenti d'Inghilterra insieme al Manchester United e al Liverpool, e della più vincente tra le tante squadre della Città di Londra; tuttavia l'ultima Premier League vinta risale a quindici anni anni fa, e nelle due maggiori competizioni europee, Champions ed Europa League, mai ha conquistato un titolo.  Quello che segue è il progetto che io, se fossi a capo dell'area sportiva dei Gunners, attuerei al fine di riportare l'Arsenal sul tetto d'Inghilterra e di renderlo in grado, nel giro di due o tre stagioni, di essere competitivo anche nell'Europa che conta.

Partiamo dall'allenatore. Confermerei senza dubbio Unai EMERY: nella sua prima stagione londinese il suo Arsenal ha sempre proposto un grande calcio, molto offensivo, sempre fluido e spettacolare. In campo nazionale si poteva fare meglio del quinto posto ottenuto in campionato e dei non esaltanti percorsi in League Cup ed F.A. Cup, ma in Coppa UEFA non ha invece deluso le attese raggiungendo la finale, poi persa contro il Chelsea. Tutto sommato la considero una discreta stagione, tenendo conto che era la prima di Emery su una panchina inglese e che l'Arsenal aveva appena chiuso un ciclo ventennale sotto la guida di Wenger, l'allenatore spagnolo si merita la conferma.

Arriviamo alle cessioni. Venderei tutti quei giocatori che non giudico adatti a far parte di un progetto vincente a lungo termine. Cederei:

  • Mesut OZIL per 30 milioni: giocatore che da troppi anni non è più in grado di mettere in campo l'intelligenza tattica, la visione di gioco e le geometrie che tra il 2010 e il 2015 ne avevano fatto uno dei centrocampisti più forti al mondo. Ormai è da tempo che quando gioca lo fa svogliatamente e rappresenta più un peso che un valore aggiunto, basti vedere l'indegna prestazione della finale di Europa League di qualche giorno fa.
  • Laurent KOSCIELNY per 5 milioni: difensore centrale che dopo tanti anni su alti livelli, ha già dato il meglio di se, serve qualcosa di diverso.
  • Sottolineo che diversi giocatori importanti, come Aaron RAMSEY, Stephan LICHSTEINER, Danny WELBECK e Nacho MONREAL, lasceranno il club a parametro zero per fine contratto.

Dalle cessioni si ricaverebbero 35 milioni di euro (valuto in €, non in £). Considerando che stiamo parlando di una squadra inglese, per giunta di vertice, la quale non è nuova a spese elevate per acquistare i propri top-player, direi che il budget acquisti potrebbe tranquillamente ammontare a circa 150 milioni.

Cifra quest'ultima con la quale andrei ad assicurarmi le prestazioni di quattro giocatori, dando particolare attenzione al migliorare la difesa, reparto critico che quest'anno ha determinato la maggior parte delle sconfitte o mancate vittorie dei Gunners. Acquisterei:

  • Mats HUMMELS per 40 milioni: per vincere la Premier sarà necessario avere la difesa più forte del campionato, e allora ecco che andrei a prendermi Hummels, uno dei migliori difensori a livello continentale dell'ultimo decennio. Dopo una stagione sottotono al Bayern, penso sarebbe contento di cambiare aria e di approdare nel miglior campionato calcistico al mondo, e dal punto di vista della squadra, i bavaresi hanno già acquistato Pavard e Lucas Hernandez con l'obiettivo di ringiovanire la rosa, quindi a mio avviso non si farebbero troppi problemi a vendere il difensore tedesco, il quale nella stagione appena passata è stato anche più volte lasciato in panchina.
  • Kostantinos MANOLAS per 36 milioni: convincerlo a lasciare la Roma, club in confusione e con poche ambizioni, per giocare nell'Arsenal non sarebbe complicato e pertanto pagherei la clausola rescissoria, bassa per un difensore del suo calibro. Con Hummels e Sokratis andrebbe a comporre un trio difensivo di altissimo livello, uno dei reparti arretrati sulla carta più forti d'Europa.
  • Ivan PERISIC per 35 milioni: un affare che si doveva già fare a gennaio, ma che per dei non specificati motivi saltò. L'esterno croato è un giocatore completo come se ne vedono pochi, capace di fare tutto, in un campionato fisico come la Premier, dove i giocatori come lui danno il meglio di se, avrebbe l'opportunità di mostrarsi in tutte le sue grandissime qualità e sarebbe devastante sulla fascia.
  • Aleksej MIRANCHUK per 22,5 milioni: dalla Lokomotiv Mosca, un trequartista che è il miglior giovane talento dell'Europa dell'Est, magari non sarebbe un colpo di quelli che rubano l'occhio, ma lo sarebbe in futuro. Questo perché basta vederlo giocare per capire che non parliamo di un centrocampista offensivo comune, possiede un'eleganza e una visione di gioco veramente notevoli e può diventare un top-player di livello internazionale. Per farvi un'idea è molto simile a Zaniolo.
  • Anton MIRANCHUK per 22,5 milioni: sì, avete capito bene, sono fratelli, per di più gemelli identici e giocano pure nello stesso ruolo e nella stessa squadra. Da quello che ho visto, Anton rispetto ad Aleksej è meno elegante nel controllo e nel portare palla, ma è più fisico, veloce e concreto nelle azioni; sono complementari calcisticamente e, per chi non lo sapesse, tra i gemelli vi è una sorta di connessione speciale che va oltre la concezione tradizionale delle ralazioni umane: due come loro non sono qualcosa che si vedono tutti giorni.

La somma totale che si spenderebbe per migliorare la rosa sarebbe di 156 milioni, il tutto in linea con il budget prefissato.

In conclusione, seguendo il progetto di calciomercato appena esposto, la squadra sulla quale l'Arsenal potrebbe fare affidamento la prossima stagione all'obiettivo di tornare a lottare per la vittoria della Premier, sarebbe un 3-4-1-2 con:

  • POR - Bernd Leno
  • DCD - Kostantinos Manolas (Shkodran Mustafi)
  • DC - Sokratis Papastathopoulos
  • DCS - Mats Hummels (Rob Holding)
  • ED - Hector Bellerin (Ainsley Maitland-Niles)
  • CCD - Lucas Torreira (Mattéo Guendouzi)
  • CCS - Granit Xhaka (Henrikh Mkhitaryan)
  • ES - Ivan Perisic (Sead Kolasinac)
  • TRQ - Aleksej Miranchuk (Anton Miranchuk)
  • PD - Pierre-Emerick Aubameyang
  • PS - Alexandre Lacazette (Alex Iwobi)

Questa squadra si presenterebbe alle competizioni potendo vantare una delle difese sulla carta più forti d'Inghilterra, e questo sarebbe un passo cruciale per l'Arsenal dato che quest'anno la difesa, palesemente inadeguata a contenere i fortissimi attacchi degli altri squadroni inglesi, è stata il vero tallone d'achille. Conterebbe su due mediani completi, esplosivi in fase di contenimento, instancabili nel pressing e abili anche in fase offensiva. Sulle due corsie disporrebbe di due esterni devastanti con le loro veloci falcate, la loro fisicità e la perfezione dei loro cross. Infine notiamo un reparto offensivo composto da due fuoriclasse del ruolo, collaudati e con esperienza internazionale, che sarebbero coadiuvati da un trequartista, Miranchuk, che con le sue giocate permetterebbe loro di arrivare numerose volte in ogni partita a tu per tu con il portiere avversario, segnando valanghe di goal. E poi ci sarebbero dei giocatori come Iwobi e Mkhitaryan che sono talmente duttili che, quando sono in forma, possono giocare allo stesso rendimento in ogni ruolo dal centrocampo in su!

Commentate scrivendo cosa ne pensate e, in caso, quello che voi cambiereste.