Antonio Cassano, ex fantasista di Roma, Real Madrid, Sampdoria, Milan e Inter tra le altre, ritiratosi lo scorso 13 Ottobre dal calcio giocato, ha parlato a Sky Sport della situazione relativa a Gonzalo Higuain e del lavoro di Gattuso dicendo le seguenti parole: <<Per me la follia non è che Higuaín vada via, ma che lo danno via. E’ praticamente l’unico giocatore decente che c’è lì a Milanello, l’unico campione. Se il Milan vuole ricostruire per tornare a vincere, deve ripartire da lui poiché è uno dei centravanti più forti al mondo. Poi se gioca con questi giocatori qui è normale che faccia fatica… Io non lo darei mai via, anzi: come ha detto anche Rino, lo chiuderei in casa ma lo affiancherei con 5-6 giocatori forti attorno. Higuain ha fatto più di 150 goal in 7 anni al Real Madrid, non in una squadra normale. Se in rossonero ha difficoltà è perché non ci sono giocatori da Milan capaci di metterlo in condizione di far bene. Detto questo, lo porterei all’Inter. Icardi vuoi andare, no? Allora ciao, buon viaggio. Gattuso sta facendo un miracolo clamoroso. Senza i calciatori adeguati, neppure Dio riuscirebbe a fare certe cose con quest’organico. Biglia è un buon giocatore, ma non imbuca il Pipita come avrebbero fatto Pirlo o Pjanic. Servono giocatori che ti mettono davanti, giocatori bravi negli ultimi trenta metri. Se a Higuain arrivano due palloni è normale che faccia fatica. Avessi avuto io un attaccante come lui, avrei fatto 40 gol all’anno>>.

Su Higuain ha ragione in tutto, ma non si può che biasimarne la scelta se il Pipita avesse davvero scelto di e stesse spingendo per andarsene dal Milan: come dice Fantantonio siamo una squadra dove lui si ritrova ad essere l'unico vero top-player e gioca insieme ad altri molto meno forti di lui, alcuni di essi davvero mediocri.

Per quanto riguarda Gattuso invece ha torto, il suo Milan gioca in maniera ultradifensiva ed è improduttivo, lascia il controllo della gara in mano agli avversari pure se essi sono molto meno forti di noi, vive di contropiedi e non è in grado di vincere una partita se non sono gli avversari a fargliela vincere (ieri se fosse stato campionato avrebbe pareggiato per 0-0), manca di mentalità vincente ed è anche colpa del gioco rinunciatario di Gattuso se a Higuain arrivano una/due o a volte nessuna palla buona a partita, non è raro vederlo andare a prendersi la palla a centrocampo per far salire la squadra poiché in caso contrario i compagni continuerebbero col solito snervante ed inutile possesso in difesa. Se il Milan fosse allenato da un allenatore che pratica calcio offensivo e che insegna ai propri calciatori a dominare l'avversario il Milan avrebbe diversi punti in più e sarebbe sul serio appaiato con l'Inter al terzo posto, senza la necessità di ricordare che in un campionato immaginario che conta nulla il Milan si troverebbe in terza posizione (come paice fare a molti tifosi che non vogliono guardare la realtà dei fatti). Dopotutto nella prima stagione di Sarri al Napoli, la squadra partenopea non era certo costellata di fuoriclasse, ma nonostante ciò il Pipita segnò la bellezza di 36 goal in campionato battendo pure il record; pertanto ciò è la conferma che dietro allo scarso rendimento di Higuain c'è soprattutto un grande problema di non-gioco.

In conclusione dico che Cassano dovrebbero invitarlo più spesso in trasmissioni televisive, è uno che dice le cose come stanno senza avere peli sulla lingua e senza mezze misure: quelli come lui, che se c'è da dire che un giocatore fa schifo ed è sopravvalutato lo dicono senza pensieri, sono gli opinionisti che piacciono alla gente.