Vorrei sapere oggi se esiste un tifoso juventino, esperto di calcio, disposto a scommettere un soldo sul passaggio della Juventus ai quarti di Champions.

Anche se nel calcio, come nella vita, nulla si può escludere... Forse solo qualche inguaribile ottimista, magari troppo tifoso, potrebbe immaginare un evento simile. Io non sono tra  questi pur essendo sincero appassionato-Juve di vecchia data...

Ritengo molto improbabile una remuntada, non tanto perché  ritenga  l’Atletico Madrid squadra di grande livello ed insuperabile... tutt’altro…! Gli spagnoli sono ''solo'' una  ottima squadra  molto ben organizzata, compatta, fisica con un gioco sporco ma efficace assimilabile per certi versi (compattezza e determinazione) a quello attuato dalla Juventus di Conte , con in più  un contropiede micidiale!
Il problema è la Juventus! Non la ritengo all'altezza di questa impresa.

I bianconeri  a mio parere e contrariamente a ciò che affermano in tanti non  sono abbastanza forti né mentalmente né strutturalmente. La squadra non  ha l'attitudine, il gioco, la personalità di livello europeo europeo, nonostante schieri in attacco uno dei più forti giocatori al mondo.

Le lacune anche gravi della Juventus sono evidenti, le possiamo riscontrare ogni volta che la vediamo giocare. Sostanzialmente è  squadra incompleta, arrangiata e priva di schemi, non sa, ne è in grado di imporre un gioco d'attacco, perché gioco non ne ha. A Torino rischia seriamente di buscarle un'altra volta.

Dato il livello tecnico piuttosto scadente del nostro campionato, non sempre la Juventus viene attaccata agonisticamente, quando questo accade (esempio classico contro l’Atalanta) non si riesce ad uscire dalla propria metà campo e neanche e reagire… a fare il gol della bandiera. Ma perfino domenica sera la Juventus ha subito per lunghi tratti la pressione del Bologna !!!Squadra che le ha buscate un po da tutti e occupa le ultimissime posizioni in classifica.

Qualcuno potrà obbiettare e dire: Ma l’anno scorso a Madrid? Due anni fa col Bayern che successe?

Una partita giocata alla morte, o a la va o la spacca, la Juventus potrebbe farla anche con lAtletico... Ma quando sei poco abituato a giocare in un certo modo, rischi di pagarne lo scotto. Poi... non  tutte le ciambelle escono col buco... e col buco la ciambella non usci neanche in quelle due occasioni... Facemmo una ottima figura, vero, ma questo forse anche grazie all'atteggiamento non troppo battagliero della squadra avversaria, che  dopo aver maturato un ottimo risultato all'andata si sentì forse troppo tranquilla ed inevitabilmente concesse qualcosa ad una Juventus che ebbe il merito , anche con un po' di fortuna, di saper sfruttare appieno quello stato e motivo e psicologico dell'avversario.
Mi sento di dire già da adesso che con l'Atletico Madrid non sarà la stessa cosa... Ma a prescindere, una Juventus cosi ‘’determinata’’ dovremmo accontentarci di vederla solo una volta all'anno? Solo quando a comandare non è l'allenatore ma solo la disperazione? Oppure dobbiamo sperare, chiedere e pretendere che la Juventus quando scende in campo debba presentarsi sempre come Juventus ??!!

Non mi sono annoiato tanto in via mia a guardare le partite della Juventus come in questi ultimi 5 anni.
Tante volte ho spento il televisore prima che la partita finisse e quest’anno avevo anche deciso di non rinnovare l’abbonamento a Sky.
Sono rimasto ''mentalmente'' alla Juventus arrembante di Conte o meglio ancora a quella totale fortissima di Lippi, che dopo il primo tempo scendeva in campo per prima ed aspettava l’avversario salire dagli spogliatoi, con la palla gia posizionata a centrocampo e pronta a dare battaglia. Bei tempi! La Juventus di Conte non aveva grandissimi giocatori, ma a centrocampo aveva giocatori di livello e con le palle! E soprattutto una mentalità aggressiva da grande squadra, da Juventus!
In quella di Lippi ad attendere gli avversari a centrocampo c’erano Davids… Nedved…Tacchinardi… oppure Sosa ,Jugovic… e quando si muoveva la palla, la direzione da prendere era solo una, verso la porta avversaria.
Molti si sono chiesti se questa Juventus che si accinge a vincere l’ottavo titolo italiano consecutivo sia la Juventus più forte di tutti i tempi! ERESIA bella e buona! Possiamo invece affermare e senza dubbi che da 10 anni a questa parte, il campionato italiano è il piu scarso di sempre! Questo sì!
Non è un caso, che dopo Conte e dopo il 1^ anno di Allegri, Tevez, annoiato a morte dal gioco della squadra, abbia deciso di abbandonarla… e fu proprio Tevez a dare quell’appellativo antipatico ma estremamente calzante all’allenatore juventino: ‘’Cagon’’.
Anche Dani Alves, dopo un solo anno in bianconero decise di andar via, spiegando di voler andare in una squadra che davvero volesse ‘’attaccare’’ la Champions e non cazzeggiare…

Le incomprensioni tattiche tra Allegri ed Higuain sono altresì note… L’argentino con grandissimo sacrificio si adattò al  gioco non esattamente d’attacco della squadra di Allegri, lui abituato nel Napoli di Sarri ad assaltare le difese avversarie…
Oggi questo compito ce l’ha Ronaldo e vorrei sapere cosa pensa per davvero il fuoriclasse portoghese di questo gioco al risparmio, attendista, che lo lascia solo e spaesato sul fronte d’attacco bianconero.

Qualche volta ho pensato che la tattica di Allegri fosse anche intelligente: risparmiare le energie e ottenere il risultato col minimo sforzo.
In realtà, per tornare alla Juve di Lippi, quella squadra andava a tavoletta tutto l’anno, anche e soprattutto perché il tecnico toscano alternava spessissimo tutti i giocatori della rosa... Coinvolgendoli tutti nel progetto e mantenendoli tutti in ottima forma. Questo con Allegri  accade rarissimamente.

A noi tifosi juventini non interessa vincere ogni anno un campionato scemo come il nostro, prendere pochi gol, rosicchiare il risultato ed ogni tanto prendere qualche batosta da parte di qualche squadra che ha il coraggio di assalirci e pestarci per bene...
A noi Juventini interessa che la Juventus si batta! Si giochi la partita! In questo modo si accetta volentieri qualsiasi sconfitta,  la partita però  ce la dobbiamo giocare sempre!
Non si possono giocare le finali di Champions con la coda tra le gambe!
Le partite decisive (vedi Juventus-Napoli dell’anno scorso ) per rosicchiare un pareggio , affrontare l’Atletico Madrid nella bolgia di casa loro rinunciando a qualsiasi iniziativa.

Anche strutturalmente questa Juventus, per chi non lo avesse intuito, non è affatto la corazzata di cui si dice, ha una rosa che comprende grandi giocatori, ma fondamentalmente incompleta, soprattutto nel settore nevralgico e più importante: il centrocampo.

In questo settore, le più grandi squadre europee schierano giocatori di gran classe e personalità, questo è il cuore della squadra. Neymar e Messi sono stati grandi con dietro Iniesta Mascherano Xavi... Ronaldo con dietro Casemiro, Modric, Kross, Lewandoschy quando assecondato da Muller Alonso Schweinsteiger Robben…

Le formazioni juventine piu forti, quelle che sono state capaci di imporre  il gioco anche in campo europeo, hanno sempre schierato un centrocampo forte e di personalità. Ricordate la Juventus di Trappattoni con Benetti Furino Tardelli Causio a raccordo ? Quella di Lippi Davids Tacchinardi Nedved Camoranesi… quella di Capello con Emerson Vierà Nedved Camporanesi...

Questa Juventus è ricca di attaccanti di gran classe, ha tra i migliori esterni d'attacco e di difesa in circolazione, ma un centrocampo affidato ad i lanci di un centrale difensivo (Bonucci) ad un mediano difensivo (Emre Can) al ‘’fu’’ Khedira, a Pjanic né centrocampista, né trequartista, né attaccante, né difensore…Tutto sulle spalle di Bentancur, giovane in fase di maturazione e alla corsa spasmodica e dissennata di Matuidi.

Troppo poco… poca forza, poca qualità! Forse per questo motivo Allegri cerca di sopperire a questa grave mancanza, impiegando in quel settore e snaturandone le caratteristiche, giocatori come Mandzukic e Dybala.
Se la Juventus non riesce ad affermarsi in Europa, non è un caso e la cosa non ha nulla a che vedere con la sfortuna o la cabala.
I problemi sono evidenti chiari e davanti agli occhi di tutti.
Non prendiamoci in giro, la priorità quest'anno per puntare alla Champions non era Ronaldo, mancano tasselli importanti a questa squadra  per potersi permettere Ronaldo.
Per provare a vincere la Champions le partite occorre giocarsele, con una mentalità e una personalità che Allegri non ha saputo mai dare a questa squadra.  
Per il prossimo anno ci aspettiamo una campagna acquisti meno mediatica e più di sostanza.
In poche parole: Agnelli, noi rivogliamo la Juventus, ridacci la vera Juventus!