Leggo, da diverse parti, del presunto "nuovo capolavoro" della dirigenza Juventina. Leggo e penso che siamo sul serio in un paese totalmente malato di idolatria verso i potenti, che ama chi campa di rendita e bara; chi vince con arroganza e senza preoccuparsi del come ha vinto. Cioè: se anche la Juventus avesse preso l'allenatore della Pergolettese a fine Luglio, spendendo altri 300 milioni sul mercato e retrocedendo in B, temo che qualcuno avrebbe comunque parlato di "capolavoro di programmazione" e di "dirigenza troppo superiore rispetto alle altre".

SPENDI 300 MILIONI E VINCI MENO DI PRIMA

Capolavoro è spendere quasi 300 milioni per Ronaldo 33enne, vincendo poi meno di quando c'era Zaza? Una squadra con meno disponibilità e agganci giusti sarebbe già fallita o costretta a ridimensionarsi molto, per una cialtronata simile.

Poi, dopo un mese di 2 di picche (ripetuti) presi da Guardiola ed il no incassato anche da Klopp, si ripiega sulla terza se non quarta scelta che, a conti fatti, pensandola come loro, è molto meno valida di Ancelotti e Conte, avendo vinto infinitamente meno (il paragone tra i 3 è imbarazzante, lato trofei in bacheca).

Non solo: prendere uno che per anni si è criticato, schernito e sminuito in maniera patetica ed antisportiva, ricevendo da lui in cambio accuse per nulla velate di ladrocinio sportivo. Uno che era agli antipodi dello "Stile juve" e che è una scommessa totale, ergo un grande rischio. Sarebbe un "capolavoro"? Sarri ha vinto l'EL con la squadra di gran lunga più forte della competizione. Per me resta un grande, come allenatore (come uomo è meglio non mi esprima) ma... di fatto la Juve continua ad usare Adl come "scout", pagando 4-5 volte chi lui scopre per primo e lancia.

QUANTI NE AVREBBE VINTI ADL?

"Eh ma ha vinto 8 scudetti di fila". Sì, grazie al ca: mettete la stessa disponibilità finanziaria, lo stesso blasone, lo stesso sponsor indiretto agli arbitri di Serie A, le stesse squadre satellite e/o conniventi, la stessa ripartenza non dalla C ma dalla B e gli stessi agganci storici della famiglia Agnelli ad Adl e di scudetti il Napoli ne avrebbe vinti 20 di fila. De Laurentiis, me ne convinco ogni giorno di più, ha fatto più di un miracolo a Napoli. Avesse buttato soldi in sessioni di mercato folli come hanno fatto la dirigenza juventina o quelle romanista, interista e milanista, staremmo di nuovo a guardare Napoli - Foggia già da un paio di stagioni.

TROVATEMI QUALCUNO CHE HA FATTO LO STESSO

Un uomo venuto dal cinema, con zero esperienza nel campo calcistico e sportivo in generale; uno che a dispetto degli altri presidenti (anche di squadre come il Sassuolo) era poco più che un nullatenente, che nel giro di 10 anni ha superato presidenti e squadre storiche, con fatturati e disponibilità finanziarie infintamente più grandi. Ed ora ha la seconda forza della Serie A. Tutto questo, in poco più di 10 anni dal fallimento e la Lega Pro.

Trovatemi qualcuno che ha fatto lo stesso, in Italia, nella storia del nostro calcio, tra l'altro venendo da tutt'altro campo e non avendo mega-aziende e patrimoni immensi alle spalle. Lo storytelling leccaluista dei potenti l'ho sempre odiato e combattuto al pari dell'autoflagellamento gonadeo che tanto piace a taluni napoletani.

Abbiamo fatto tantissimo, cari amici partneopei. Possiamo e dobbiamo esserne fieri e finirla di vivere rosicando. Che a tirarci solo fango quando sbagliamo, ignorarci quando trionfiamo e magnificare sempre gli altri "raccomandati" ci pensano già quelli che ci odiano.