Purtroppo la risposta alla domanda si sta dimostrando scontata, ovvia. I calciatori che hanno un certo stipendio, e che quindi possono permettersi di prendere un volo privato, possono partire da un giorno all'altro e tornare nel loro paese d'origine.

Abbiamo condannato le persone che per motivi futili (non chi ha aveva ragioni legittime) si erano immediatamente riversati al sud dopo che tutta la Lombardia stava diventando zona rossa. Hanno sbagliato perchè, essendo questo un virus che può essere contagiato anche da persone che non presentano sintomi, sono diventati pericolosi per loro, per i loro parenti che andavano a raggiungere. Potenzialmente potevano contagiare i loro parenti e diffondere il virus nella loro zona.
Purtroppo ci sono stati casi di chi ha raggiunto il sud ed è andato a visitare un parente e questo è morto e non solo, sono stati contagiati anche diversi operatori del reparto ospedaliero. 

Ma se condanniamo chi va a raggiungere parenti ammalati o no, da nord verso sud, allora dobbiamo anche condannare chi prende un aereo privato e va nel suo paese d'origine.  
Anche Brozovic ed Handanovic si sono aggiunti alla lista di questi giocatori che sono partiti via, immediatamente dopo aver finito i 14 giorni di quarantena. 
Non solo dimostrano di non avere buon senso, ma di fregarsene altamente di poter contagiare anche i propri parenti e di fare quello che vogliono perchè possono.   
Il messaggio che passano questi giocatori di alto livello è bruttissimo, perchè evidenziano la differenza tra loro e la gente comune, normale.
Molte persone sono rimaste al Nord e non sono partite per raggiungere i propri familiari anche prima dei numerosi decreti, perchè hanno avuto un alto senso di responsabilità e sapevano che quella era una cosa giusta da fare.
Invece questi calciatori non hanno avuto nessun pensiero e se ne sono sbattuti altamente del fatto che tutti devono fare un sacrificio per far sì che questo virus venga sconfitto.

Per fortuna ci sono giocatori che hanno dato un forte esempio: dopo Szczesny, anche Castillejo ha dato un grande esempio: ha dichiarato di non aver raggiunto i suoi familiari per non metterli a rischio di nessun contagio.  
Come hanno fatto il portiere della Juventus e Castillejo, anche quelli che sono partiti dovevano fare così.
Perchè i "restoacasa" valgono per tutti. 
Abbiamo capito da tempo che i calciatori di un certo livello sono di una categoria a parte, ma almeno non farlo emergere in questa situazione   sarebbe stato meglio. 


Bassano Giancarlo




Prendetevi 5-10 minuti e provate a compilare un semplice sondaggio per ricevere subito uno sconto immediato su carte regalo Amazon, Decathlon, Eataly o Trenitalia. Questo il link da cliccare: calciomercato.com/madai