11:27 20/03/2017

Pjaca, i bonus sono finiti

Arrivato in seguito a un europeo in cui aveva messo in mostra, di fronte al grande pubblico, doti fuori dal comune, Marko Pjaca era stato accolto dal mondo bianconero con grande soddisfazione e curiosità per vedere all’opera quello che, di fatto, veniva considerato uno dei maggiori talenti giovanili del calcio europeo.
Grazie anche alla presenza in squadra del connazionale Mandzukic, l’inserimento in squadra di Pjaca è stato più semplice: sin dalle prime partite in cui venne inserito per giocare qualche minuto, ha messo in mostra tutto il suo repertorio fatto di tecnica, velocità e fisicità; poi un brutto infortunio al perone lo ha tenuto fuori di fatto da fine ottobre fino al nuovo anno.
Al suo rientro, complice anche il cambio di modulo, Allegri ha iniziato a schierarlo con regolarità e minutaggio crescente, tuttavia le prestazioni del giovane attaccante croato si sono assestate su quanto visto sin dalle prime partite; un giocatore con potenziali tecnici fuori dal comune ma che fatica ad inserirsi in un contesto di squadra, soprattutto in un campionato tattico come quello italiano, a maggior ragione nella Juventus, dove vincere è un obbligo.
Un primo monito lo lanciò Allegri in conferenza stampa: “deve capire che il calcio non è solo tecnica ma anche sacrificio”, salvo poi riconoscere che vedersi proiettato dal campionato croato a quello italiano è un salto sicuramente non semplice, che necessita di tempo di ambientazione.
Il gol che sbloccò il risultato in Champions contro il Porto sembrava poter segnare una svolta in positivo nella sua stagione; tuttavia le prestazioni di Pjaca continuano ad essere simili: tanti doppi passi e virtuosismi spesso inutili, attacchi a testa bassa senza guardare il posizionamento dei compagni di squadra e intere frazioni di gioco in cui scompare letteralmente dalla partita, rendendosi di fatto inutile per la causa. Il tutto alternato a qualche lampo in cui mette in mostra le sue doti, tuttavia ormai insufficiente per giustificare un investimento non esiguo fatto dalla dirigenza su di lui.
La gara contro il Milan, in cui partì titolare, era un’occasione d’oro per mettere in mostra un processo di crescita che invece stenta ad evidenziarsi; lo stesso ieri contro la Samp in cui, a detta di Allegri, ha spesso prestato solo attenzione alla fase difensiva senza più attaccare.
Il problema attuale di Pjaca è che sembra faticare nel calarsi in una realtà nuova, accettando di correre sia in avanti che indietro e prendendo magari anche qualche fallo, giocando più per la squadra, meno per se’ stesso; cosa che ha accettato Mandzukic, uno che qualcosina ha già vinto in carriera, di tornare a giocare in un ruolo ricoperto quando aveva vent’anni; non vedo perché Pjaca, che invece ha poco più di vent’anni, fatichi a rileggere leggermente il suo modo di giocare.
E’ vero che, ad esempio, Dybala arrivava da una squadra italiana ma è altrettanto vero che aveva fatto praticamente un solo anno in a da protagonista; ebbene, alla Joya servirono poche partite per capire che se a Palermo gli arrivava il pallone sui piedi in area e la squadra ruotava attorno a lui e Vazquez, a Torino la palla doveva venirsela spesso a prendere anche a centrocampo; poco gli servì per rileggere il suo modo di stare in campo, quello che invece sembra ad oggi mancare a Pjaca, ancora troppo avvolto nei suoi virtuosismi tecnici.
L’impressione è che ora i “bonus” per Pjaca siano finiti: che da qui al termine della stagione debba dare segnali fattivi di una crescita non più rimandabile; perché se da un lato è vero ciò che dice Allegri, che arriva da un campionato a bassa competitività, è altrettanto vero che con la Dinamo Zagabria aveva già avuto l’occasione di fare esperienza europea, sia in Champions che in E.L, e perlomeno di constatare come viene inteso il calcio su palcoscenici prestigiosi. L’investimento fatto su di lui parla di un giocatore acquistato non per fare la comparsa ma per diventare, a stretto giro di posta, un titolare nella Juventus; posizione che va però meritata con prestazioni convincenti e spirito di sacrificio.
Il futuro è nelle sue mani a questo punto: per scongiurare strani pensieri di una cessione estiva che certificherebbe un fallimento da ambedue le parti in causa, dovrà dimostrare un processo di crescita ora non più procrastinabile.

Commenta l'articolo

Accedi o registrati per poter commentare questo articolo.

o
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
Scrivi articolo

chi sono

Appassionato di scrittura, lettura e sport. In particolare calcio, ciclismo e pallacanestro. Fede juventina Per contatti: pelizzari.nicola@hotmail.it

Ultimi commenti

Non intendo illuminare nessuno.. solo mi basavo su voci di una vita extra calcistica non proprio da atleta. Infermeria o non infermeria, Zidane o non Zidane.. se Pereyra fosse tornato quello del primo anno (ricordo ancora la partita a Dortmund) ci avrebbe fatto molto ma molto comodo.. molto più di Lemina.. confermato in estate proprio a discapito del Tucumano
Vai all'articolo - scritto alle 18:19 28-04-2017
A me piaceva moltissimo e la sua cessione è stata in un certo senso irrazionale.. immaginatevi quanto ci avrebbe fatto comodo ora con il 4231.. altro che Lemina Voci torinesi però dicono che in realtà non è stato ceduto per motivi tecnici o calcistici ma per altro..
Vai all'articolo - scritto alle 14:47 28-04-2017
A me piaceva moltissimo e la sua cessione è stata in un certo senso irrazionale.. immaginatevi quanto ci avrebbe fatto comodo ora con il 4231.. altro che Lemina Voci torinesi però dicono che in realtà non è stato ceduto per motivi tecnici o calcistici ma per altro..
Vai all'articolo - scritto alle 14:47 28-04-2017
Citare fonti provenienti da "Emigratis" non fa sinceramente onore a quello che ritengo tra i primi siti di calcio/calciomercato italiani.. suvvia
Vai all'articolo - scritto alle 12:05 28-04-2017
Calciatore di altissimo livello, tuttavia credo che al momento le priorità siano altre.. servono almeno due attaccanti (uno esterno e uno più centrale) in più un centrocampista di fisico però (quindi non Isco)è sicuramente un terzino destro..Isco aveva un senso se si voleva continuare a giocare con il rombo.. allora sarebbe stato un innesto ideale; se l'idea è quella di proseguire con un gioco che prevede l'utilizzo degli Esterni, credo le priorità debbano essere altre
Vai all'articolo - scritto alle 10:06 28-04-2017

Statistiche

Iscritto dal 01.06.2015

90 articoli scritti

2108 commenti scritti

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni e per visonare Condizioni di servizio e informativa privacy