Dashboard
clear
Naviga
Home
Calciomercato.com
Login
Squadre
clear
Leggi gli articoli per squadra
Atalanta
Benevento
Bologna
Cagliari
Chievo Verona
Crotone
Fiorentina
Genoa
Inter
Juventus
Lazio
Milan
Napoli
Roma
Sampdoria
Sassuolo
Spal
Torino
Udinese
Verona
dehaze
info
Cuore Rossonero by Angelo
Angelredblack

NUOVA ERA ROSSONERA: DONNARUMMA E RAIOLA

Donnarumma ha dichiarato di essere Milanista e di tifare per il Milan, ma al tempo stesso ha dichiarato che per il suo futuro decide Raiola. In questi giorni è uscita la notizia di una offerta monstre del Real Madrid di 150 milioni per Donnarumma. Significa che almeno 30 milioni andranno in tasca a Raiola. Donnarumma ha anche dichiarato che Meret, giovane portiere in forza alla Spal ma in procinto di accasarsi alla Juventus ,possa essere il suo vice. Queste dichiarazioni non sono frutto di un ragionamento di Donnarumma, sono dichiarazioni che Donnarumma ha fatto perché Raiola lo ha convinto a farle. In quelle dichiarazioni su Meret c'è anche consapevolezza dei propri mezzi ma al tempo stesso c'è anche arroganza perché un ragazzo classe 1999 non può dire "Meret può essere il mio vice". Gigio ricorda che alla tua età soprattutto occorre l'umiltà. Solo così si può diventare grandi uomini e poi grandi giocatori. Con Raiola di mezzo sappiamo tutti che non si può stare tranquilli. Donnarumma rinnoverà ma probabilmente sarà ancora dei nostri per uno massimo due anni salvo cataclismi societari, ovvero che qualcuno di importante e forte economicamente rilevi il Milan e lo riporti ai massimi livelli operando grandi investimenti. Per Donnarumma ci sono concrete ipotesi come Real Madrid, Manchester United e Barcellona. Più indietro vedo la Juventus che economicamente non potrebbe competere in un asta con United, Barcellona e Real Madrid. Questo è quello che ho sempre temuto. Che Raiola arrivasse a gestire anche la personalità, o meglio che influenzasse Donnarumma. Così è stato. Nulla è perduto perché può essere che arrivi qualcuno forte economicamente a rilevare il Milan e possa rilanciarlo convincendo Raiola (Non Donnarumma) a lasciare il suo assistito al Milan per tanti anni. Ma se questo non dovesse accadere, mettiamoci l'anima in pace e accettiamo il fatto che Donnarumma resterà con noi ancora per poco tempo. Però Donnarumma deve avere voglia di migliorarsi e restare con i piedi per terra. Ha dimostrato tanto ma non ha dimostrato ancora tutto. Deve ancora crescere. Donnarumma paradossalmente ha la vita facile al Milan. Perché? Perché Donnarumma deve operare tanti interventi e parate ed è sempre attivo e facilitato nella concentrazione. Andare in altri club blasonati significa lavorare molto sulla concentrazione. Ipotizziamo Donnarumma al Real Madrid. Donnarumma al Real Madrid rischierebbe di restare delle partite senza ricevere un tiro in porta ma magari al 90esimo in una partita in cui è rimasto inattivo riceve un tiro e magari lui, essendo rimasto inattivo per tutta la partita, potrebbe difettare nel restare concentrato, e di conseguenza incorrere in una figuraccia. Essere sempre e spesso impegnati durante la partita facilità la concentrazione. Ma nei club che dominano spesso le partite è tutta un'altra storia. Personalmente vedo Real Madrid e Manchester United favorite per la corsa a Donnarumma. Per quanto riguarda la Juventus, sicuramente il club bianconero è interessato a Donnarumma, ma per Il momento Buffon non si ritira e economicamente non potrebbe competere con il Real Madrid e Manchester United, ma anche Manchester City, Barcellona, Chelsea e tutti i club accostati al nostro Gigio. Capisco le ambizioni di Donnarumma, ed è lecito che un talento del genere voglia ambire a grandi traguardi ma io se fossi in lui darei la priorità al Milan, aspetterei l'evolversi della situazione societaria perche potrebbe riservare delle belle sorprese e il Milan potrebbe tornare a competere per alti livelli facendo così contento Donnarumma, Raiola e tutto il mondo Milan compresi noi tifosi. In caso di cessione ad essere felice sarà sicuramente il solo Raiola e probabilmente Gigio ma gli rimarrà anche sempre dentro il rimpianto di non aver realizzato il suo sogno, ovvero quello di diventare capitano e bandiera del Milan.

Commenta l'articolo

Accedi o registrati per poter commentare questo articolo.

o
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni e per visonare Condizioni di servizio e informativa privacy