Ieri sera abbiamo assistito ad un combattimento che tutti già avevano presagito come impari, in effetti lo è stato, ma non come tutti avevano immaginato!
L'arbitro, secondo una frase di Dzeko giocatore di esperienza, non ha avuto abbastanza coraggio per fischiare il rigore contro il Barcellona. Cosa significa questa affermazione se non la conferma dell'esistenza di una prassi di aiuto e favoritismi a livello internazionali per alcune squadre? Personalmente chiamo un atteggiamento in una sola maniera: mafioso!
Come possiamo sperare che le cose potranno mai cambiare uscendo da prassi consolidate che difendono sempre e soltanto il più forte? Forse speriamo che l'introduzione del Var possa rivelarsi una panacea? No, solo un bambino di 2 anni e neanche lui potrebbe credere ad una simile favola, abbiamo visto come anche nel campionato italiano l'arbitro che vuole lo consulta o chi come Orsato, seppur lontano e a dispetto del segnale del guardalinee se ne sia infischiato, e l'elenco potrebbe essere lungo.

Domandiamoci a questo punto quale sia il difficile compito degli arbitri: far sì che lo spettacolo di una partita si svolga correttamente applicando e interpretando le regole nella maniera più imparziale possibile o forse no? 
Ho scritto difficile, mica facile, nessuno lo mette in dubbio, ma allora mi domando e vi domando: cosa sono gli esseri convenuti allo stadio per assistere alla partita e cosa sono coloro che giocano la partita e coloro che sono chiamati per servizio e lavoro a vigilare sullo svolgimento regolare della partita di calcio? Persone, uomini con una storia vissuta alle spalle, con lavori, famiglie, dolori, gioie, solitudini e desideri. 
Anche lei sig Makkelie è un uomo, almeno all'apparenza, ma forse senza gli attributi necessari per scendere a compromessi con la propria coscienza, eh già perché il calcio vuol dire soldi e successo e carriera!
Chi se ne importa del regolamento e di chi conta meno e/o vale di meno!
Cos'è questo comportamento se non una forma di razzismo nei confronti dei giocatori e dei tifosi della squadra considerata più debole considerandoli quindi poco importanti e sacrificabili, senza considerare che però anche loro sono uomini e per questo meritevoli di rispetto, che lei però non ha osservato nei loro confronti.

Spero per lei signor arbitro che le sue notti siano almeno un po' agitate, perché allora vorrebbe dire che anche lei è una persona corretta e non complice del sistema dove il più forte va tutelato e il debole anche se meritevole sbeffeggiato.